Venerdì 22 Gennaio 2021 | 17:23

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19 a Bari, contagi in asilo nido e scuola dell'infanzia: strutture chiuse

Covid 19 a Bari, contagi in asilo nido e scuola dell'infanzia: strutture chiuse

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Potenza dimenticata e la maledizione dell'ex biblioteca

di MASSIMO BRANCATI
È davvero un destino avverso quello dell’ex biblioteca provinciale di Potenza. L’edificio era nato sotto una cattiva stella se è vero che il suo primo direttore, Sergio Di Pilato, scrisse: «Prima ancora di aprire i battenti è fonte di aspre polemiche». Dal giorno della sua inaugurazione (1949) ne ha vissute di «battaglie» e oggi è lì, uno scheletro di edificio abbandonato a se stesso, simbolo di un degrado che non risparmia neppure il centro storico del capoluogo lucano
Potenza dimenticata e la maledizione dell'ex biblioteca
di MASSIMO BRANCATI l 

È davvero un destino avverso quello dell’ex biblioteca provinciale di Potenza. L’edificio era nato sotto una cattiva stella se è vero che il suo primo direttore, Sergio Di Pilato, scrisse: «Prima ancora di aprire i battenti è fonte di aspre polemiche». Dal giorno della sua inaugurazione (1949) ne ha vissute di «battaglie» e oggi è lì, uno scheletro di edificio abbandonato a se stesso, simbolo di un degrado che non risparmia neppure il centro storico del capoluogo lucano. L’ex biblioteca di corso Garibaldi è uno dei «misteri» della città, vittima di un palleggiamento di competenze e di contenziosi. 

L’unica certezza è... l’incertezza sul suo recupero: da decenni l’edificio è preda di incuria e sta crollando letteralmente a pezzi. Tutto è fermo al 2002, quando l’amministrazione provinciale, guidata allora dall’attuale sindaco di Potenza, Vito Santarsiero, con delibera numero 7 del 10 gennaio 2002, decise di cedere per dieci anni, in comodato gratuito, al Ministero dei Beni Culturali l’immobile in attesa della sua vendita per destinarlo a sede dell’Archivio di Stato. La decisione fu presa per «non vanificare il celere recupero del complesso stesso ed il suo utilizzo» e per permettere in tal modo «l’esecuzione delle opere di recupero e adattamento a cure e spese del Ministero per i Beni e le Attività Culturali». L’intervento risultava inserito nei programmi di finanziamento del Ministero stesso. Bene, anzi male. 

Da allora non è stato fatto niente. C’è solo la traccia di un progetto di recupero del sito risultato vincitore dell’appalto-concorso di idee. Risale al 2005 e fa riferimento a un piano redatto da un gruppo di architetti (capogruppo il napoletano Sergio Rosanova) che aveva individuato alcuni aspetti su cui intervenire: disporre di aree accessibili al pubblico; un moderno e corretto funzionamento delle operazioni di ricerca e consultazione dei fasci e dei documenti; disporre di aree per mostre, esposizioni, convegni e ristoro; organizzare sul piano spaziale e distributivo un corretto funzionamento degli uffici, a loro volta, in qualche caso, accessibili al pubblico; razionalizzare, secondo criteri nuovi e metodi avanzati per l’archiviazione; un adeguato sistema di smistamento dei documenti senza interferenze con i percorsi usufruiti dal pubblico. 

Belle intenzioni. Che restano solo sulla carta. Sono sparite anche dal sito internet dell’architetto Rosanova che ha sistemato nel dimenticatoio il progetto dopo aver constatato che i fondi stanziati per il recupero dell’ex biblioteca sarebbero stati dirottati per altre opere pubbliche. E che attorno al palazzo aleggiano contenziosi e attriti di fronte ai quali è meglio darsi alla fuga. A oltre mezzo secolo dalla sua costruzione, dunque, l’ex biblioteca è sempre più un «guscio vuoto». Non c’è più nulla dei dettagli che impreziosivano la sua facciata. Dalle asole vetrate della grande facciata alla finestra a nastro sul fronte principale, senza dimenticare le decorazioni originali collocate sulla sommità della torre, dove c’erano, e chissà se ci sono ancora, le aquile imperiali a bassorilievo che stavano a simboleggiare la «casa della cultura umanistica di Potenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie