Lunedì 08 Agosto 2022 | 05:53

In Puglia e Basilicata

il processo

Ostriche per sentenze favorevoli a Bari, reati prescritti

Tribunale, toga

A 16 anni dalle accuse ai giudici di pace, resta solo il risarcimento al Comune

05 Luglio 2022

Redazione online

BARI - A quasi 16 anni dai fatti, la Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio, per prescrizione di tutti i reati, le condanne nei confronti di nove imputati, tra i quali sette ex giudici di pace del Barese, imputati per decine di episodi di presunte corruzioni in atti giudiziari. Il processo, sulla base di una indagine della Procura di Lecce, riguardava un presunto sistema messo in piedi tra il 2006 e il 2008 negli uffici dei giudici di pace di Bari, Modugno, Bitonto, Altamura e Corato, per assegnare le cause a magistrati amici e dirottare le sentenze per restituzione di patenti revocate a sorvegliati speciali o cancellazione di multe, in favore di avvocati compiacenti, in cambio di costosi regali, come aragoste, caviale e champagne.

Inizialmente gli imputati erano più di venti, tra giudici, avvocati e intermediari. Una bufera giudiziaria che in secondo grado si era conclusa con nove condanne fino ai 4 anni di reclusione. La Suprema Corte ha dichiarato prescritti i reati, su richiesta dello stesso procuratore generale, confermando però il risarcimento danni di 50 mila euro al Comune di Bari, costituito parte civile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725