Sabato 06 Marzo 2021 | 13:21

NEWS DALLA SEZIONE

Con la «Uno bianca»
Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

 
Il caso
Bari, legionella al Policlinico, la Procura insiste: i manager vanno sospesi

Bari, legionella al Policlinico, la Procura insiste: «I manager vanno sospesi»

 
Misure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
La cerimonia
Di Maio e Rama a Bari per il trentennale degli sbarchi da Albania: «Orgogliosi della Puglia»

Di Maio e Rama a Bari per il trentennale degli sbarchi dall'Albania: «Orgogliosi della Puglia»

 
La novità
Extralberghieri di Puglia, nasce AEP associazione a tutela dei diritti

Extralberghieri di Puglia, nasce AEP associazione a tutela dei diritti

 
oggi in via parisi
Altamura non dimentica: un murale dedicato a Domi

Altamura non dimentica: un murale dedicato a Domi

 
la sentenza
Bari, sparò per vendicare morte del figlio: boss Montani condannato a 12 anni

Bari, sparò per vendicare morte del figlio: boss Montani condannato a 12 anni

 
questa mattina
Bari, trentennale sbarco albanesi: ambasciatori Italia e Albania al Ciheam

Bari, trentennale sbarco albanesi: ambasciatori Italia e Albania al Ciheam

 
Blitz della Polizia
Noicattaro, oltre 400 chili di hashish tra aglio e cipolle spagnole: in manette coniugi albanesi

Noicattaro, oltre 400 chili di hashish tra aglio e cipolle spagnole: in manette coniugi albanesi

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCon la «Uno bianca»
Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
PotenzaIndustria
Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Il caso

Bari, ex boss malato morto solo: c’è un’inchiesta. La rabbia della famiglia

La denuncia del figlio di Francesco Abbrescia, scomparso a 66 anni

Bari, ex boss malato morto solo: c’è un’inchiesta. La rabbia della famiglia

BARI - «Non doveva finire così. Mio padre è morto qualche giorno fa in una casa di cura per persone con patologie acute che hanno bisogno di essere sottoposte a riabilitazione. Era ridotto allo stato vegetativo, nell’ultimo periodo si alimentava con la Peg, l’alimentazione artificiale. Quello che più mi addolora è che nonostante le istanze presentate attraverso il nostro legale, lui ha dovuto trascorrere gli ultimi mesi di vita da “detenuto”. Lo chiamavano boss ma per me era solo mio padre, assomigliava ad Al Pacino».

Paolo, 46 anni, non riesce a darsi pace. È il figlio di Francesco Abbrescia, 66 anni, un tempo legato agli ambienti della camorra barese, un pezzo da novanta organico al gruppo malavitoso dei Fiore. Stava scontando una condanna a 12 anni carcere emessa del Tribunale di Brindisi per reati di droga (inchiesta «Coke»). «Ha trascorso quasi metà della sua esistenza in carcere mio padre - spiega Paolo alla «Gazzetta» - ma non è mai stato un “padrino”. Era invecchiato, era un uomo solo e malato, due semi paresi facciali quasi gli impedivano di parlare. I colloqui in carcere o quelli in videoconferenza erano diventati un supplizio. Le patologie che lo hanno portato alla morte non solo gli avevano tolto la salute e la possibilità di vivere in maniera autosufficiente ma anche la lucidità, la capacità di ragionare. Non era più in grado di provvedere a se stesso. I Tra poco più di un anno, considerati gli sconti di pena e la buona condotta, avrebbe finito di pagare il suo conto alla Giustizia e sarebbe tornato un uomo libero ma lui sapeva che non sarebbe riuscito a resistere tanto e per questa ragione mi aveva chiesto di riportarlo a casa. Non voleva morire da carcerato. Non era più in grado di fare del male a nessuno e continuo a sostenere che il suo stato di salute, non fosse compatibile con il regime carcerario. Avrebbe potuto trascorrere un po’ di tempo con la sua famiglia prima di morire. È giusto che chi ha sbagliato paghi le sue colpe ma quando oramai non si è più neppure in grado di riconoscere un figlio, mi chiedo che tipo di giustizia è quella che ti lascia in uno stato di costrizione. Ho presentato istanza per poter riavere i suoi effetti personali, non me li hanno restituiti».
Paolo è rimasto da solo a prendermi cura del genitore. Ha chiesto due volte durante il 2020, a causa del rapido aggravamento delle condizioni di salute, che gli venissero concessi gli arresti domiciliari.

«Ero il suo unico sostengo. L’Alzheimer gli stava portando via i ricordi e la capacità di ragionare, un intervento alla colonna vertebrale lo aveva costretto su una sedia a rotelle. Nessuna delle istanze per l’attenuazione della misura restrittiva - spiega Abbrescia - è stata accolta. Il 16 ottobre, l’ultima volta che sono andato in carcere per il colloquio mi hanno detto che non era possibile vederlo e parlargli perché non si sentiva bene. Il giorno dopo mi hanno telefonata dicendomi che le sue condizioni si erano aggravate e che era stato ricoverato in coma al Policlinico. È stato un colpo al cuore».

«Lo hanno ricoverato in Rianimazione, mettendogli un tubicino nella gola per farlo respirare. Ad inizio dicembre - prosegue nel racconto - è uscito dal coma, sono riuscito a parlargli ma lui non mi ha riconosciuto. Gli ho detto di non preoccuparsi, che lo avrei riportato a casa e che ci avrei pensato io a lui. Poi lo hanno trasferito all’ospedale De Bellis di Castellana Grotte dove è stato operato per calcoli alla colecisti. Da lì è stato trasferito alla casa di cura di Noci per sottoporlo ad un trattamento riabilitativo che purtroppo non è riuscito. Mi hanno telefonato dicendomi che non mangiava più e che non rimaneva che il ricovero in una struttura a Bitonto specializzato in cure palliative e accompagnamento alla morte. Mio padre non ce l’ha fatta. Non è riuscito ad arrivare a Bitonto. Mi hanno telefonato nel cuore della notte per dirmi che era morto.».

Dopo aver saputo del coma lo scorso ottobre, Paolo Abbrescia si è presentato nell’ufficio denunce della Questura ed ha depositato una denuncia/querela di tre pagine più 10 pagine di allegato in cui ricostruisce la «storia clinica» del genitore, la tempistica e le ragioni delle istanze con le quali, nonostante non il genitore non avesse raggiunto complessivamente la pena per la concessione del beneficio della detenzione domiciliare, ne chiedeva comunque il riconoscimento in quanto il suo stato di salute avrebbe potuto essere incompatibile «con il regime inframurario in carcere».

«Dopo tanti anni che cercavo di portarlo a casa, per le sue malattie inguaribili alla fine lui non ce l’ha fatta Ha sofferto molto. Ritengo ingiusto che sia rimasto in carcere nonostante il suo stato. Le ultime richieste per i domiciliari le abbiamo presentate quando abbiamo capito che la sua salute stava precipitando ossia il 5 maggio e poi il 19 settembre del 2020. Sono state entrambe rigettate . Non ce l’ho con i giudici, e neppure con i medici ma a questo punto non mi resta che ipotizzare che qualche cosa non abbia funzionato nello scambio di informazioni sul suo stato di salute. Voglio sapere se gli è stata fornita in carcere tutta l’assistenza possibile. Se lo avessero lasciato uscire per tempo forse le cose sarebbero andate diversamente. Dopo la mia denuncia sono stato sentito dagli investigatori, è stato aperto un fascicolo. Voglio andare avanti. C’è però un ostacolo. Ho parlato con 8 avvocati e nessuno si è detto disposto a darmi assistenza legale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie