Venerdì 30 Ottobre 2020 | 18:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

 
Giustizia
Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

 
nel Barese
Bitonto, migrante 21enne morì annegato: sepolto dopo un anno

Bitonto, migrante 21enne morì annegato: sepolto dopo un anno

 
nel Barese
Altamura, arriva il contapersone al cimitero: massimo 2000 ingressi in contemporanea

Altamura, arriva il contapersone al cimitero: massimo 2000 ingressi in contemporanea

 
La testimonianza
Ristoratore barese a Shanghai: «Il mio locale è pieno. In Cina virus domato»

Ristoratore barese a Shanghai: «Il mio locale è pieno. In Cina virus domato»

 
Indaga la Locale
Bari, frontale fra 2 auto: muore giovane papà, un ferito grave

Bari, frontale fra 2 auto: muore giovane papà, un ferito grave

 
attentato terroristico
Procura Bari collabora a indagine su attentatore tunisino di Nizza: sarebbe sbarcato da nave Rhapsody

Strage di Nizza, attentatore tunisino giunto su nave Rhapsody: Procura Bari apre inchiesta

 
Tragedia sfiorata
Bari follia in centro, donna ferita con un coltello: fermato presunto aggressore

Bari follia in centro, donna campana ferita col coltello: arrestato l'aggressore 32enne con problemi psichici

 
Giustizia
Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

 
La nomina
Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, Maita: «Foggia temibile, ma cerchiamo i tre punti»

Bari, Maita: «Foggia temibile, ma cerchiamo i tre punti»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

 
PotenzaLe dichiarazioni
Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

 
TarantoCoronavirus
Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

 
FoggiaCoronavirus
Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

«Ama»

Acquaviva, inaugurato il nuovo Museo archeologico

Ospita reperti che vanno dalla preistoria al medioevo. il taglio del nastro con il sindaco, Davide Carlucci

Acquaviva, inaugurato il nuovo Museo archeologico

ACQUAVIVA - Sabato sera è stato inaugurato l’«Ama», acronimo di Acquaviva Museo Archeologico, un invito tangibile ad amare le tracce del passato, una finestra sulle origini della città di cui si ha notizia a partire dal XII secolo avanti Cristo.

Realizzando l’aspettativa del meridionalista Antonio Lucarelli, del geografo Vito Carmelo Colamonico e dello studioso Giuseppe Cassano e di tutta una comunità, grazie al sostegno della Direzione Musei Puglia e della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio della Città metropolitana di Bari, l’Ama, che si trova in un’ala di Palazzo De Mari, ora aspetta visitatori da ogni parte d’Italia e del mondo.

Il lungo percorso burocratico comincia già prima del 1970, quando Giuseppe Selvaggi, in una sua pubblicazione, a proposito della città sacrale, sulla collina di «Salentino», in contrada «Curtomartino», scrive di un intervento, compiuto da alcuni speleologici romani. «Ma dopo 20 giorni - annota - il silenzio chiuse l’esplorativo intervento». Nel 1973 un gruppo di studiosi e appassionati si accorge a Salentino di una tomba già violata, innescando contestualmente un dibattito nell’opinione pubblica sulla necessità di tutelare e valorizzare quel patrimonio collettivo. Dal 1976 al 1980 un intervento dell’allora Soprintendenza, avviate le campagne di scavo, consentì di bloccare il cantiere per la realizzazione di un serbatoio dell’Acquedotto Pugliese.

Gli amministratori degli anni 70-80 pensavano alla possibilità di acquisire la proprietà dei terreni, nel frattempo vincolati dalla Soprintendenza, per realizzarvi un parco archeologico. Secondo l’attuale vicesindaco Austacio Busto, professione archeologo, «quella stagione ebbe però vita breve e nel corso dell’ultimo ventennio del secolo scorso il museo e il parco archeologico scomparvero dall’agenda politica».

Busto ha evidenziato come «pur essendo il nostro territorio ricco di insediamenti di interesse archeologico, quelle aree non sono mai state acquisite al patrimonio comunale. Parlo della grotta di Curtomartino, di Salentino, Capitolo, Ventuaro e Baronaggio. Ma la crescente sensibilità negli ultimi anni da parte della comunità e una maggiore attenzione dell’ente pubblico - rimarca - ha consentito l’affermarsi di questo straordinario progetto». Cioè appunto il nuovo museo a Palazzo De Mari.
Francesca Pietroforte, presidente del Consiglio comunale e consigliera metropolitana, aggiunge: «Il Museo archeologico nasce in realtà nel 2012, quando da assessore alla Cultura, affinché si potesse partecipare al bando regionale, ho avviato l’iter di istituzione a partire dalla Mostra permanente dedicata a Salentino. Avevamo poco tempo e poche risorse ma siamo riusciti a elaborare un progetto tanto valido da ottenere la somma di 662mila euro», puntualizza Pietroforte.

Il sindaco Davide Carlucci spiega come è fruibile l’Ama: «Da subito il Museo è visitabile su prenotazione e penso che la gestione della struttura, tramite un bando, sarà affidata a qualche associazione territoriale», annuncia. L’Ama ospita reperti preistorici e di età peuceta, romana e medievale, con aggiornati supporti tecnologici che facilitano la visita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie