Martedì 28 Gennaio 2020 | 04:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
L'operazione
Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

 
Il caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 
Il caso
Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

 
La visita
Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

 
Il furto
Putignano, topo d'appartamento in trappola: pizzicato mentre parla con il walkie talkie

Putignano, topo d'appartamento in trappola: pizzicato mentre parla con il walkie talkie

 
Lotta alla droga
Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

 
Cervelli in fuga
Laura, 19 anni, da Bari a Londra e poi in Africa: «All'estero credono in me. Non penso di tornare»

Laura, 19 anni, da Bari a Londra e poi in Africa: «All'estero credono in me. Non penso di tornare»

 
La novità
Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

Operazione dei Cc

Bari, traffico di droga e armi: 12 arresti clan di Japigia. Il «racconto» di una telecamera

L'inchiesta parte da un maxi sequestro di armi e droga avvenuto 5 anni fa in via Di Vagno

Orta Nova, scacco al clan GaetaFurti, estorsioni e droga: 9 arresti

Blitz all'alba dei Carabinieri a Bari contro capi e gregari del clan Parisi – Palermiti – Milella, ritenuti responsabili di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi comuni e da guerra. Quindici ordinanze cautelari (Dodici arresti, 3 presentazioni quotidiane alle polizia giudiziaria) sono state emesse dal gip del tribunale di Bari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

Ai destinatari del provvedimento custodiale sono contestati, a vario titolo, i reati di: promozione, organizzazione e partecipazione ad associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti del tipo “cocaina”, “hashish” e “ marijuana”; spaccio di sostanze stupefacenti delle suddette tipologie.

Nello specifico sono stati contestati, ai singoli indagati, numerosi episodi relativi a cessioni al dettaglio di droga; detenzione in concorso di un arsenale, costituito da numerose armi da fuoco, da guerra e comuni, talune anche clandestine, nonché migliaia di munizioni per le stesse.

Le indagini sono iniziate 5 anni fa, precisamente il 16 ottobre 2014 quando in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina della periferica via Di Vagno, del quartiere Japigia di Bari, fu trovato un vero e proprio arsenale: in quella circostanza vennero sequestrate più di 40 armi da fuoco, comuni e da guerra, tra cui fucili d’assalto AK 47 kalashnikov, pistole mitragliatrici, fucili calibro 12 e numerose pistole, nonché migliaia di munizioni. Nella stessa abitazione furono sequestrati 10 chili di cocaina, parte della quale già suddivisa in dosi, pronte per la commercializzazione al dettaglio. In quell'occasione fu arrestato un 66enne affittuario dell'appartamento.

Le indagini, grazie a una serie di intercettazioni telefoniche e ambientali con tanto di riprese video, hanno consentito di ricondurre la proprietà delle armi al gruppo criminale Parisi-Palermiti-Milella, egemone nel quartiere Japigia di Bari ed in particolare alla frangia diretta da Domenico Milella, 39enne (all'epoca dei fatti detenuto per altra causa).

Tuttavia, grazie alle riprese di una telecamera sul pianerottolo dell'abitazione di via Di Vagno, è stato possibile accertato che in quei locali c'erano alcuni affiliati al clan Milella: tra questi, Giuseppe Gelao, successivamente ucciso il 6 marzo 2017, in un agguato in cui rimase ferito anche un altro degli indagati.

Ancora, impronte dattiloscopiche dei visitatori dell’arsenale/rifugio, sono state trovate su alcune delle armi. E’ stato poi Domenico Milella, attraverso il proprio genitore (destinatario a sua volta della misura cautelare dell’obbligo di firma e contestuale presentazione quotidiana alla P.G.) a farsi carico delle spese legali e di sostentamento della famiglia del custode delle armi e della droga sequestrate.

La prosecuzione delle indagini, quindi, alla fine dell’anno 2014, ha permesso di ricostruire la vita e l’operatività dell’organizzazione criminale, successivamente alla scarcerazione da Taranto di Domenico Milella ed al suo trasferimento a Pescara, per proseguire la detenzione in regime degli arresti domiciliari. Pertanto, tra il 2015 ed il 2016, è stata accertata l'operatività del clan nel traffico, produzione e spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere Japigia di Bari.

In tal senso, l’abitazione di Pescara dove il Milella era "detenuto", costituiva continua meta di visite da parte degli afifliati che aggiornavano il capo del gruppo dell’andamento degli affari illeciti concordando le strategie, tra cui anche spedizioni punitive e agguati.

Le indagini hanno accertato anche il ricorso a conversazioni criptiche per il traffico di droga e il frequente scambio di numeri telefonici per sfuggire alle attività di intercettazione. Il corposo materiale raccolto, nonchè le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, hanno consentito di accertare la piena operatività dell'organizzazioni criminale anche negli ultimi due anni.

Quindici ordinanze di custodia cautelare in carcere, decine di perquisizioni  dei militari del Comando Provinciale, supportati dai  “Cacciatori di Puglia”, dal Nucleo Cinofili e dal 6° Elinucleo CC di Bari.

I provvedimenti sono stati emessi dal gip del tribunale di Bari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Il clan, oltre alla droga, sarebbe accusato anche di disporre di un arsenale di armi comuni e da guerra. I dettagli saranno resi noti nel corso di una stampa che terrà il Procuratore di Bari, Giuseppe Volpe.

Il blitz segue quello messo a segno il 25 ottobre scorso dalla Polizia che portò a 25 arresti, ricostruendo anche una serie di fatti di sangue nell'ambito di una faida tra clan per il controllo del quartiere Japigia.

PROCURATORE: GRUPPO MILELLA PERICOLOSO - Domenico Milella, attraverso il padre Beniamino, per gli inquirenti ha provveduto alle spese legali e al sostentamento di Patruno, affittuario dell’appartamento usato come arsenale. Anche se Patruno non ha mai detto chi gli aveva affidato il compito di custodire la 'santabarbarà del clan, gli investigatori hanno scoperto con alcune intercettazioni che Patruno e famiglia venivano pagati da Milella circa 500 euro al mese. E il cassiere del gruppo per gli inquirente era il padre di Domenico: gli sono stati trovati e sequestrati 8.600 euro in contanti nascosti all’interno di cornici di quadri e del marmo del tavolo. Durante la perquisizione dell’abitazione sono anche stati rinvenuti due post-it con nomi e somme di dare/avere per negoziazioni ora al centro di indagini.

Altri 500 euro circa andavano poi a Giovanni Diomede, arrestato pure nel 2017, residente nello stesso palazzo di Milella e 'custode' di altre armi del clan, nonché del cane di Domenico Milella per il quale prendeva un altro cachet.
Quando poi Milella venne trasferito dal carcere di Taranto agli arresti domiciliari a Pescara, i Carabinieri assistettero al via vai dei sodali pugliesi nella città abruzzese, per la gestione degli affari illeciti a Bari assicurano gli inquirenti, tanto che durante lo stesso trasferimento trovò il modo di fare un summit a Casamassima (Bari) con i suoi fedelissimi. A Milella si attribuisce anche la sparatoria, a scopo intimidatorio, al circolo U.C. di Japigia, in seguito a contrasti interni al clan: convocato in udienza in Procura, anche qui trovò il sistema di allontanarsi dall’aula, per raggiungere in scooter il circolo di proprietà del padre di Christian Lovreglio, dove sparò in risposta al tentato omicidio di Nicola Cisternino per mano di Lovreglio figlio.

Al gruppo di Domenico Milella, definito 'pericolosò dal procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, i Carabinieri del Nucleo investigativo di Bari, coordinati dalla Dda, sono giunti anche grazie a una telecamera sul pianerottolo dell’appartamento-arsenale di via Di Vagno e alle impronte digitali lasciate sulle armi che le indagini hanno appurato non sono mai state usate. Tra i frequentatori dell’arsenale, anche Giuseppe Gelao, ucciso il 6 marzo 2016 mentre era in compagnia di Palermiti. Da altre indagini della Polizia è stato poi possibile ricostruire altre attività criminali imputate al gruppo, compresi omicidi e tentati omicidi.
Per gli inquirenti, l’operazione di oggi conferma che dai quartieri Japigia e Madonnella viene rifornita la piazza di spaccio a Bari e hinterland. Sequestrati anche un giubbino anti proiettili in un androne, altra cocaina e hashish.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie