Lunedì 18 Novembre 2019 | 09:14

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
maltempo
Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

 
trasporti
Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia, bocciato dal Ministero

 
fermato a bari        
Bari, a folle velocità sul lungomare ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

A folle velocità sul lungomare, ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

 
La curiosità
Ama talmente tanto Bari da tatuarsi la Gazzetta

Si tatua la Gazzetta sul polpaccio: l'inno alla baresità di un 22enne

 
Il caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
riqualificazione
Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

Bari, al Pediatrico nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

 
viabilità
SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batnel Nordbarese
Andria, Dia sequestra 2 mln di euro di beni a pluripregiudicato, anche un'azienda agricola

Andria, Dia sequestra 2 mln di euro di beni a pluripregiudicato, anche un'azienda agricola

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

fra «pirateria» e curiosità

Polignano, yacht entra nella grotta delle Monache: armatore multato

La zona e lo specchio d’acqua antistante sono a rischio e interdetti a navigazione e balneazione dopo i recenti crolli della falesia

Polignano, yacht entra nella grotta delle Monache: armatore multato

POLIGNANO A MARE - Con lo yacht fin dentro la «Grotta delle Monache» sottostante il lungomare Grotta Ardito. Scattano le denunce e le sanzioni della Guardia costiera della Capitaneria. Navigare in prossimità e all’interno delle grotte di Polignano comporta la violazione delle norme sulla sicurezza marittima e per questo motivo l’armatore, a quanto pare straniero, di un grande yacht che l’altra mattina ha provato ad introdursi in uno dei cunicoli vicino alla Grotta Ardito e alla famosa Lama Monachile, è stato dapprima identificato e successivamente sanzionato e segnalato all’autorità giudiziaria per l’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità marittima e delle norme sulla sicurezza dei luoghi e della navigazione.

Come dimostrato dal recente distacco di un pezzo della falesia a Lama Monachile, nota in tutto il mondo per la sua bellezza naturalistica e sede delle World Series dei tuffi dalle grandi altezze, per la quale la Capitaneria di porto di Monopoli e il Comune di Polignano a Mare hanno imposto il divieto di balneazione, parte del litorale di Polignano viene classificato a rischio geomorfologico, seppure non elevato, tuttavia posto sotto osservazione per i pericoli che rendono non consigliabile il transito nelle grotte e negli specchi acquei interessati.

Per questo la Guardia costiera, in ragione delle proprie competenze in materia di sicurezza in mare, ha emanato a più riprese specifiche ordinanze di interdizione per le aree a rischio in prossimità dei costoni rocciosi interessati da potenziali fenomeni franosi (come la zona di Santa Caterina, in direzione San Vito). Per questo, l’armatore imprudente è stato sanzionato.

A portare alla luce l’increscioso l’episodio è stata l’avvocato Maria La Ghezza, capogruppo dei Cinquestelle in consiglio comunale: «All’inizio, quando ho notato la pubblicazione della foto sui social, ho pensato allo scherzo di qualche genio del photoshop. Poi ho contattato la Capitaneria di porto e ho ottenuto la conferma dell’accaduto: la Guardia costiera, dopo aver ricevuto la segnalazione da alcuni cittadini, ha rintracciato, identificato e sanzionato l’armatore dello yacht».

L’episodio ha riportato l’attenzione sulle escursioni-crociere nelle grotte marine, da anni un «must» per i turisti in vacanza a Polignano. In questi luoghi incantevoli vi accedono quotidianamente, nonostante le norme restrittive, piccoli scafi e pedalò noleggiati da agenzie del posto. I rischi tuttavia sono reali e da non sottovalutare, per questo urgono provvedimenti.

«Per evitare che si ripetano abusi e pericoli – aggiunge l’avvocato La Ghezza – stiamo predisponendo una mozione da presentare con urgenza al prossimo consiglio comunale».

Di notevole interesse naturalistico, le grotte marine grazie all’azione erosiva delle acque, del vento e grazie al fenomeno carsico, sono luoghi incantevoli ma fragili, molto fragili, come dimostra la condizione del bastione Santo Stefano (quello dal quale si esibiscono i tuffatori più spericolati del mondo) e delle vicine grotte, per le quali l’amministrazione comunale ha annunciato l’avvio dei lavori di messa in sicurezza per 5 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie