Domenica 22 Settembre 2019 | 02:14

NEWS DALLA SEZIONE

A bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Nel Barese
Terlizzi, pioggia di calcinacci negli ambulatori: interdetta zona ospedale Sarcone

Terlizzi, pioggia di calcinacci negli ambulatori: interdetta zona ospedale Sarcone

 
Il rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
Negli ospedali
Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

 
I controlli
Bari, controlli della Gdf: beccati 159 lavoratori in «nero»

Altamura, Gdf scopre 13 lavoratori in nero in azienda bibite: ora tutti assunti

 
Nella notte
Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

 
Arte
Molfetta si trasforma in capitale della scultura

Molfetta si trasforma in capitale della scultura

 
L'inchiesta
Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

 
La decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDue operazioni
Lecce, nel garage droga e 4mila euro in contanti: 2 arresti

Fiumi di droga in Salento, recuperati 12mila euro in contanti: 3 arresti

 
TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

L'episodio nel 2015

Noicattaro, prese a pugni e calunniò Riccardo Scamarcio: 45enne a processo

Finse di essere stato lui vittima di un attacco dell'attore, che invece aveva aggredito con violenza

Riccardo Scamarcio

Accusò falsamente - secondo l’accusa - l’attore Riccardo Scamarcio di averlo minacciato e aggredito durante un litigio ad una stazione di servizio. Un 46enne di Noicattaro sarà ora processato per calunnia dinanzi al tribunale di Bari. Al termine dell’udienza preliminare il gup Valeria La Battaglia, accogliendo la richiesta del pm Ettore Cardinali, ha disposto il rinvio a giudizio del 46enne, fissando l’inizio del processo per il 3 febbraio 2020 dinanzi al Tribunale Monocratico di Bari.

I fatti contestati risalgono al 6 agosto 2015. Scamarcio si era fermato con un amico ad una stazione di servizio per fare rifornimento. La sua auto ostruiva il passaggio di un furgoncino il cui autista, il 46enne di Noicattaro, intimò all’attore di spostarsi apostrofandolo con le frasi «vip di m..., se chiami i Carabinieri vengo ad Andria e ti taglio in due», per poi dargli spintoni, strappargli la maglietta e picchiarlo con calci e pugni. Dopo l’aggressione il 46enne raccontò ai militari di essere stato lui la vittima delle percosse e di essere stato apostrofato «con atteggiamento mafioso» dall’attore.

Da quella vicenda sono nati due diversi procedimenti. Quello dinanzi al giudice di pace di Bari per la presunta aggressione fatta e subita da Scamarcio si è concluso nei mesi scorsi con la remissione delle querele e la definizione di un risarcimento danni nei confronti dell’attore picchiato, il quale intanto aveva denunciato il 46enne per le false accuse. «Scamarcio non si costituirà parte civile nel processo avendo perdonato il suo aggressore e rimesso la querela, - fa sapere il legale dell’attore, l’avvocato Nicola Quaranta - anche se il processo farà comunque il suo corso per il reato di calunnia perché procedibile di ufficio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie