Giovedì 20 Giugno 2019 | 07:35

NEWS DALLA SEZIONE

Sere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
Le indagini
Bari, bancarotta società Gruppo Degennaro: 4 indagati

Bari, bancarotta per la società Gruppo Degennaro: 4 indagati

 
Novità in città
Mercati settimanali, a luglio e agosto tornano le bancarelle serali

Mercati settimanali a Bari: a luglio e agosto tornano le bancarelle serali

 
Operazione della Dda
Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

 
L'episodio
Bari, ruba bici e aggredisce proprietario con un bastone: arrestato tunisino

Bari, ruba bici e aggredisce proprietario con un bastone: arrestato tunisino

 
La storia
Bari, sepolto in casa, dai suoi stessi rifiuti: i vicini sono esasperati

Bari, sepolto in casa, dai suoi stessi rifiuti: vicini esasperati

 
Il caso
Bari, chiude il cinema Abc, davanti spuntano sedie e tavolini: controlli

Bari, chiude il cinema Abc, davanti spuntano sedie e tavolini: controlli

 
Quartiere Japigia
Bari, in 7 pestarono due adolescenti: denunciati, tra loro il nipote di un boss

Bari, in 7 pestarono due adolescenti: denunciati, tra loro il nipote di un boss

 
Maturità 2019
Anche Bari festeggia la sua Notte prima degli esami: i ragazzi intonano la hit di Venditti

Bari festeggia la sua Notte prima degli esami: i ragazzi intonano la hit di Venditti

 
Violenza
Bitonto, litiga con anziano in carrozzina: egiziano pestato da 4 giovani, aggredito il giorno dopo

Bitonto, litiga con anziano in carrozzina: egiziano pestato da 4 giovani, aggredito il giorno dopo

 
Fallimenti truccati
Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: testimone a processo

Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: ora è testimone a processo

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

Omicidio Capone

Gravina, ammazzato perche denunciò abusi: preso killer dopo 5 anni

La vittima aveva denunciato una serie di abusi dell'omicida su un terreno. Freddata con due colpi alla testa

Gravina, ammazzato perche denunciò abusi: preso killer dopo 5 anni

S'alza il siperio sull'omicidio di Pietro Capone avvenuto cinque anni fa a Gravina. Questa mattina, a Gravina in Puglia, i poliziotti della Squadra Mobile, unitamente agli agenti del locale Commissariato, hanno arrestato il presunto responsabile del delitto. Si tratta del 68enne Gaetano Scalese, ritenuto responsabile di omicidio aggravato e porto illegale di arma da fuoco, nei cui confonti è stata emessa una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Bari su richiesta del pm, Fabio Buquicchio.

Capone, la sera del 10 marzo 2014, fu ucciso con due colpi di pistola alle testa nei pressi della sua abitazione. Le indagini hanno consentito di ricostruire nei dettagli i movimenti della vittima e dell’omicida prima e dopo l’agguato; è stato accuratamente dimostrato, infatti, come la sera del 10 marzo del 2014 il killer, individuata la vittima, la seguì, con la propria autovettura, per le strade semideserte della cittadina della Murgia, l’ignara vittima, raggiungendola ed esplodendo due colpo di pistola a pochi metri dalla sua abitazione mentre rincasava.

Capone Pietro era da molti considerato un “paladino della legalità”, sempre impegnato nella lotta all’abusivismo edilizio, tanto che le sue numerose “battaglie”, contro amministratori pubblici ed imprenditori locali, gli erano costate  diverse denunce.

Ed è in tale ambito che si è consumato  il grave fatto di sangue; la vittima infatti aveva intrapreso una serie di iniziative giudiziarie, anche di natura privata, nei confronti di Scalese reo, secondo Capone, di aver realizzato alcune costruzioni in un terreno confinante con una proprietà proprio della famiglia Capone; l’omicidio ebbe luogo un mese prima dell’udienza penale promossa da Capone nei confronti dell’odierno arrestato.

I poliziotti della Squadra Mobile di Bari hanno arrestato a Gravina in Puglia un imprenditore 68nne, Gaetano Scalese, accusato di omicidio aggravato e porto illegale di arma da fuoco per l’uccisione di Pietro Capone che fu ucciso con due colpi di pistola alla testa la sera 10 marzo 2014 a Gravina. Il provvedimento cautelare, che in un primo momento era stato respinto dal gip, è stato emesso dal Tribunale che ha accolto il ricorso della Procura. Capone, che all’epoca aveva 49 anni ed era considerato un 'paladino della legalità' per l’impegnato nella lotta all’abusivismo edilizio, fu ucciso con un primo colpo alla nuca e un secondo che lo raggiunse quando era già per terra.

Le indagini coordinate dal pm Fabio Buquicchio, appurarono che il killer, individuata la vittima mentre rincasava, la seguì in auto per le strade semideserte della cittadina della Murgia, colpendolo a morte pochi metri prima di raggiungere l’abitazione. Le battaglie di Capone contro amministratori pubblici e imprenditori, gli erano costate diverse denunce, ma ne aveva anche fatte, di denunce, anche di natura privata e nei confronti di Scalese, che Capone accusava per alcune costruzioni in un terreno confinante con una proprietà della stessa famiglia Capone: l’omicidio venne compiuto un mese prima dell’udienza penale promossa da Capone nei confronti di Scalese, che era stato sospettato dell’omicidio sin da subito.

LE INDAGINI - Ci sono voluti tre anni di indagini, coordinate dal pm Fabio Buquicchio (cui se ne sono aggiunti altri due per ottenere l’arresto), per dare fondamento scientifico agli indizi a carico di Gaetano Scalese, arrestato oggi e da subito sospettato di essere l’uccisore di Pietro Capone, 'il paladino della giustizia'. Tre anni durante i quali sono state raccolte consulenze tecniche sull'auto, sui video, sui tempi di percorrenza a piedi dei vicoli di Gravina in cui è avvenuto il delitto.
La Procura aveva fatto la prima richiesta di arresto nell’aprile 2017 e aveva ottenuto dal gip Francesco Pellecchia un rigetto quasi un anno dopo, nel febbraio 2018. L’appello al Tribunale del Riesame è stato poi discusso a dicembre di quello stesso anno e accolto. Perché fosse esecutivo, però, il provvedimento doveva passare dalla Cassazione che nei giorni scorsi ha confermato la misura, oggi eseguita dalla Polizia. Dalle testimonianze raccolte durante le indagini, è emerso che già tre anni prima dell’uccisione di Capone, Scalese «giurò che gliel'avrebbe fatta pagare». Il conflitto tra i due, a botta di minacce, denunce e aggressioni fisiche, era cominciato nel 2010, a causa di un manufatto realizzato da Scalese che sconfinava su un terreno di proprietà di Capone. La vicenda, che di fatto aveva bloccato l’attività edilizia di Scalese, sarebbe approdata a processo il 5 maggio 2014, quasi due mesi dopo l'omicidio. Secondo l’accusa, il presunto omicida avrebbe anche tentato di appropriarsi dei video che ritraggono i momenti prima dell’omicidio, chiedendone copia ai commercianti proprietari degli impianti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie