Lunedì 06 Luglio 2020 | 07:57

NEWS DALLA SEZIONE

Pet terapy
Bari, a grande riscossa degli asini

Bari, la grande riscossa degli asini di Lama Balice

 
L’impegno civico
Giuseppe, primo da sinistra

Giuseppe, volontario precoce, sogna una Terlizzi superpulita

 
Michele Abbaticchio
Bitonto, il riscatto della mia città quando con la cultura cancellammo la mafia

Bitonto, il ricordo più bello del sindaco: il riscatto della mia città quando con la cultura cancellammo la mafia

 
L'appello
Bari, Decaro con i cuccioli del canile: «Adottate e non abbandonateli»

Bari, Decaro con i cuccioli del canile: «Adottate e non abbandonateli»

 
fase 3
Bari, si rigioca all'aperto ma solo con Immuni

Bari, sport di squadra: si rigioca all'aperto ma solo con «Immuni»

 
Il ritrovamento
Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

 
Post Covid 19
Fase 3, i ristoratori di Bari chiedono prescrizioni meno rigide

Fase 3, i ristoratori di Bari chiedono prescrizioni meno rigide

 
fase 3
Bari, «Libero accesso ai luoghi della giustizia»: appello degli avvocati Camera penale

Bari, «Libero accesso ai luoghi della giustizia»: appello avvocati Camera penale

 
Criminalità
Bari, boss albanesi e la loro rete in provincia

Bari, boss albanesi e la loro rete in provincia

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Mafia, droga ed estorsioni a Gallipoli: colpo alla Scu, 9 arresti

Mafia, droga ed estorsioni a Gallipoli: colpo alla Scu, 9 arresti

 
BatIn Località Fiumara
Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

 
BariPet terapy
Bari, a grande riscossa degli asini

Bari, la grande riscossa degli asini di Lama Balice

 
TarantoIl siderurgico
ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

 
HomeLa tragedia
Femminicidio a Cerignola, una donna uccisa a colpi di pistola

Femminicidio a Cerignola, donna uccisa a colpi di pistola: fermato il marito

 
PotenzaSanità
Potenza, il gioco dell'oca delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

Potenza, il «gioco dell'oca» delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

 
MateraIl fenomeno
Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse. Al via gli accertamenti

Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse: al via gli accertamenti

 
BrindisiNel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 

i più letti

Verso le europee

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Il leader di Fdi Lollobrigida attacca Fi e rilancia: «In Puglia andremo forte»

«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

BARI - «Giorgia Meloni ha lanciato a Roma, ad Atreju, nel settembre scorso, un appello per dare slancio ad un partito patriottico intorno al quale far convergere rivoli di pensiero differente. A questo progetto Raffaele Fitto ha aderito prima di altri, e adesso alle Europee si configura come sempre più forte una opzione politica che restituisca dignità all’Italia». Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, è da qualche settimana commissario regionale della Fiamma in Puglia, e spiega alla Gazzetta le strategie dei meloniani per Europee e amministrative, con uno sguardo alle prossime regionali.

Da Fitto alla recente adesione di Elisabetta Gardini e alla simpatia espressa dal governatore forzista Giovanni Toti. Quale orizzonte per Fdi?
«Il nostro partito non è una realtà chiusa ma il motore di un processo politico che ha come cardine la difesa dell’interesse nazionale. La nostra bussola è impegnarci per dare all’Italia un governo diverso, che sappia guardare senza scivolamenti ideologici alle emergenze nazionali, con un programma chiaro: taglio delle tasse, grandi opere, modernizzazione e la possibilità di dare lavoro e futuro ai giovani».
Alle Europee in Puglia un consenso a doppia cifra non è un azzardo per Fdi.
«Il nostro obiettivo è arrivare il più in alto possibile. Abbiamo candidati di alta qualità come l’eurodeputato Fitto, il nostro parlamentare Marcello Gemmato, la consigliera comunale di Barletta Stella Mele e Lucrezia Vinci radicata a Martina Franca. A Lecce, con il consigliere regionale Erio Congedo candidato sindaco, puntiamo ad una grande affermazione».
Ci sarà una competizione con la Lega per il voto più “a destra”?
«Non so se al Sud arriverà il vento nazionale pro Lega. Noi siamo la forza della concretezza e facciamo parte del gruppo dei Conservatori europei, che sarà essenziale per una alleanza con Orban e i popolari più attenti ai temi della lotta all’immigrazione, in antitesi rispetto alla Merkel che considera i migranti una risorsa».
Quali priorità “pugliesi” per Fdi?
«Siamo accanto agli agricoltori, abbiamo un dialogo costante con i gilet arancioni grazie ai parlamentari Gemmato e Ylenja Lucaselli. Vogliamo tornare ad essere centrali in Europa, con un governo sovranista vero, non con i populisti confusionali del M5S, che passano a Bruxelles da Farage ai liberisti… In Europa i grillini sono meno credibili che in Italia».
Ogni voto a Fdi è una martellata all’asse gialloverde?
«Votarci significa rafforzare l’opzione per un governo di centrodestra. Non andremo mai al governo con i grillini. Ce ne freghiamo delle poltrone. Noi vogliamo difendere il made in Italy: siamo per aprire contenziosi con chi non tutela l’agricoltura pugliese e meridionale, mentre gli agricoltori sono costretti a tagliare gli agrumeti, a causa della concorrenza sleale con importazioni dal Nord Africa».
Con Forza Italia?
«Che i berlusconiani scelgano lo slogan “per cambiare l’Europa” fa ridere. Publitalia fa una pubblicità ingannevole. Tajani è il garante di questa Ue. Il presidente del parlamento europeo elogia Mussolini, parla delle foibe, ma un minuto dopo è costretto a rimangiarsi tutto...».
Ci sarà un derby tra Mussolini: voi schierate Caio Giulio Cesare, Fi l’uscente Alessandra.
«Gli elettori, più che i cognomi, dovrebbero leggere i curriculum di chi meglio può rappresentarli in Europa».
Intanto il governatore Michele Emiliano è indagato e il centrosinistra pugliese appare diviso. Un modello Zaia o Marsilio all’orizzonte?
«Non giudico le vicende giudiziarie che riguardano dall’Umbria alla Puglia il Pd. La cifra di Emiliano è il trasformismo. L’attuale governo è peggio della giunta Vendola: solo piccolo cabotaggio. C'è bisogno di una nuova prospettiva. Le migliori intelligenze del Sud sono costrette ad emigrare al Nord… Si parla di autonomia, ma la Puglia è tagliata fuori dall’alta velocità o alta capacità per i treni. Noi daremo le risposte alle domande snobbate dal centrosinistra in questi anni, per immaginare un nuovo riscatto della Puglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie