Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 00:01

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

 
La decisione
Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

 
Il congresso
Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

 
Sanità
Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

 
L'intervista
Parla Manfredi: «L’Europa deve coniugare libertà e diritti»

Sovranismo, parla Manfredi: «L’Europa deve coniugare libertà e diritti»

 
Verso le comunali
Bari, nodo primarie, Di Rella: «Ecco perché mi sto buttando a destra»

Bari, nodo primarie, Di Rella: «Ecco perché mi sto buttando a destra»

 
Ex bar-pizzeria
Pineta S.Francesco, locali abbandonati affidati agli scout

Pineta S.Francesco, locali abbandonati affidati agli scout

 
Il provvedimento a Bari
Terrorismo, gip convalida fermo 20enne somalo a Bari

Terrorismo, convalidato fermo al somalo: fa parte di Daesh. Salvini: «Stretta sugli Sprar»

 
A Polignano e Milano
Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

 

Degrado a Bari

Tolleranza zero per gli sporcaccioni: 62 multe in 2 giorni

Rifiuti abbandonati in qualsiasi orario, Decaro ribadisce la linea dura

Tolleranza zero per gli sporcaccioni: 62 multe in 2 giorni

(foto Luca Turi)

Sessantadue multe nell’arco di due giorni: è il primo riscontro dell’operazione varata dall’amministrazione comunale nella guerra agli sporcaccioni che usano la città alla stregua di un’enorme discarica, senza alcun rispetto per regole e decoro, compresi i padroni degli incolpevoli amici a quattro zampe per la mancata asportazione delle feci dai marciapiedi.

Nel mirino anche gli esercizi commerciali, con una profumeria di via Sparano, i cui titolari si sono beccati seicento euro di contravvenzione poiché conferivano cartoni e imballaggi a qualsiasi ora del giorno all’angolo della strada. Non è andata meglio a due muratori che in via Quintino Sella sono stati colti a scaricare inerti e cemento in un cassonetto, scambiato evidentemente per una discarica di materiale edilizio. Nella maggior parte dei casi, la contestazione della polizia locale ha interessato cittadini intenti a depositare l’immondizia indifferenziata già dalle prime ore del mattino. Ben dieci verbali hanno riguardato l’abbandono di rifiuti ingombranti, con il maleducato di turno colto in flagrante durante l’abbandono di materassi, mensole, mobili e altri oggetti di arredamento. Immancabili le contravvenzioni per la mancata raccolta delle deiezioni canine, in particolar modo al quartiere Libertà e all’interno del giardino Mimmo Bucci.
La tolleranza zero auspicata dal sindaco Antonio Decaro va di pari passo con la parziale retromarcia rispetto al conferimento e alla raccolta dei rifiuti la domenica e nei giorni festivi. Divieto di fatto rispettato poco, se non del tutto specie in alcuni quartieri periferici - Libertà soprattutto -, con la conseguenza di dare vita ad indegni ed antigienici accumuli di sacchetti dell’immondizia, rifiuti ingombranti e scarti di ogni genere ai piedi dei cassonetti, con l’aggravante della permanenza prolungata dalla domenica fino al lunedì sera. Dopo quattro anni di lotte serrate e campagne di sensibilizzazione al fine di rispettare il divieto ad utilizzare i cassonetti dell’indifferenziato nei giorni cerchiati di rosso sul calendario, Palazzo di Città e Amiu, sono stati costretti a tornare all’antico, seppur temporaneamente, a causa della necessità di riorganizzare il servizio complessivo sul territorio cittadino. Infatti, attualmente c’è una sorta di doppio regime, con la raccolta porta a porta avviata nei quartieri a nord del capoluogo, mentre gradualmente si procederà ad estendere il servizio nel resto della città (la deadline fissata per fine 2018 slitterà probabilmente di un anno).
«Ciò che fa più rabbia è la totale mancanza di rispetto nei confronti dello spazio pubblico - commenta il primo cittadino -. Tra gli esercizi commerciali sanzionati infatti c’è un’attività che puntualmente è solita abbandonare rifiuti indifferenziati e cartoni non solo al di fuori dell’orario consentito ma neanche all’interno dei cassonetti, bensì accanto ad uno degli incroci verdi realizzati nell’ambito del progetto di via Sparano. Un comportamento, che sicuramente ha determinato per settimane un danno alla città, ed è anche sintomo di una totale mancanza di rispetto nei confronti dello spazio pubblico, del bene comune e dei sacrifici che tutti i cittadini fanno ogni giorno». Il sindaco, nel ringraziare chi «continua a segnalare situazioni irregolari e disservizi dell’azienda, che sta riorganizzando una serie di servizi per migliorare la situazione», ribadisce che «la Polizia Locale non si fermerà con i controlli, che diventeranno sempre più serrati e saranno supportati da alcune ordinanze in fase di elaborazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400