Venerdì 18 Giugno 2021 | 22:12

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

 
La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 
il punto
Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

 
L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 
Dopo i fatti di Melfi
Dal linguaggio violento alla violenza politica

Dal linguaggio violento alla violenza politica

 
Taranto in C
La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

 
L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid
Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

 
LecceIl blitz
Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

 
PotenzaMobilità
Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

 
BariL'iniziativa
Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 
Foggiail processo
Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili - Il 17enne confessa: «Non volevo ucciderlo»

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

L'editoriale

La Festa della Repubblica e il dovere della memoria

Per il secondo anno consecutivo saranno cerimonie in tono minore a causa del Covid, a cominciare da Roma, dove non ci sarà la tradizionale parata militare

Italia fuori dal Mondiale,  31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

Il 2 giugno di 75 anni fa gli italiani scelsero la repubblica e mandarono in soffitta la monarchia. Non è da escludere che a determinare la scelta siano state le donne, per la prima volta infatti furono ammesse a votare per una consultazione nazionale. Oggi lo storico anniversario sarà ricordato in tutto il Paese, anche se per il secondo anno consecutivo saranno cerimonie in tono minore a causa del Covid, a cominciare da Roma, dove non ci sarà la tradizionale parata militare. Un peccato perché un grazie pubblico a tutte le forze armate è più che dovuto per come hanno «combattuto» e per come stanno «combattendo» al fianco di tutti.

Di fronte alle ricorrenze sorge sempre l’interrogativo sul perché si celebrino. Noi italiani in particolare siamo poco legati alle date che segnano la storia del Paese, anche se recenti. Forse perché non ci siamo mai sentiti uniti in una entità chiamata Stato o Nazione, ma da sempre ci consideriamo diversi, separati. Certo le vicende storiche, dalla fine dell’impero romano in poi, non ci hanno aiutato; però dal 1861 le cose – almeno sotto l’aspetto formale - sono cambiate. Ma un sentimento nazionale forte, autentico, sentito ancora non si percepisce.

Lo viviamo di più in un campo di calcio, dove siamo pronti anche a cantare l’Inno di Mameli, ma nella pratica quotidiana ci sono sempre il Nord e il Sud, Milano contro Roma, le isole contro il «continente» e via di questo passo, fino ai campanilismi più esasperati.

Se questo è vero è allora più che mai necessario il dovere della memoria. Soprattutto in un tempo come il presente, in cui tutti viviamo un paradosso: ogni giorno abbiamo a che fare con la memoria infinita di Internet che registra e conserva ogni pensiero, ogni gesto, ogni evento, ogni immagine, eppure non ricordiamo più chi siamo e da dove veniamo. Non a caso oggi il diritto più invocato è il diritto all’oblio, cioè il diritto a essere dimenticati ancorché protagonisti di fatti accaduti in un tempo lontano. E se l’oblio è la porta attraverso la quale si arriva al perdono, è vero anche che può condurre alla fine della storia, almeno nella forma come l’abbiamo intesa fino a oggi.

La stragrande maggioranza del nostro patrimonio artistico e architettonico non è altro che il tentativo di essere ricordati al di là della morte. I monumenti – dal latino monere, ricordare – indicano proprio il desiderio di sopravvivere oltre la fine della propria esistenza. Ciascuno si porta dentro una voglia ancestrale di non essere dimenticato, di passare alla storia. Oggi questo desiderio profondo viene sublimato nella notorietà effimera data dai social, per cui tutti riteniamo di essere già nella storia. La conferma arriva dai like, dall’essere ritwittati di continuo. Non serve più ricordare, solo chi non vive un’esistenza digitale continua a ricordare e a cercare di farsi ricordare. Ecco perché abbiamo quasi tutti dimenticato cosa accadde il 2 giugno di 75 anni fa, ma anche perché celebriamo il 25 aprile o il 4 novembre. Il problema non è aver dimenticato le nostre origini collettive o eventi che hanno segnato in maniera profonda i destini di milioni di persone. La vera questione è che stiamo cancellando la storia e non si tratta di un’astrusa teoria di qualche pensatore stralunato. Anzi, l’esatto contrario: si pensi a quel crescente movimento che in nome del politicamente corretto o del rispetto dei diritti della persona chiede di cancellare nomi di strade e piazze, di abbattere statue, di bonificare monumenti e palazzi e non solo in Italia. È la storia da cancellare, l’antica pena della damnatio memoriae torna all’improvviso di attualità ed è inflitta non da un tiranno o da un governo di corrotti, bensì da una società che ogni giorno di più crede che la storia sia un inutile ammennicolo, qualcosa da tener chiusa nelle aule universitarie e di cui la gente comune può fare tranquillamente a meno.

Senza la storia siamo tutti dei nessuno: così dichiara di chiamarsi Ulisse per beffare il ciclope. E Ulisse è Nessuno quando è lontano dalla sua Itaca, dove lo riporterà la forza del ricordo della sua donna e di suo figlio. Se non custodiamo il nostro passato saremo sempre più dei nessuno e sempre più saremo incapaci di costruire il presente. Ieri il presidente Draghi si è soffermato sulla voglia di ricominciare e ha fatto benissimo. Ma per ricominciare è necessario avere una rotta, sapere cioè qual è il punto di partenza e quello dove si vuole giungere. Nella nostra società così complessa e articolata, dove il battito d’ali di una farfalla a Tokyo può provocare uno tsunami a Bari, non si può navigare a vista, non si può più pensare che sia sufficiente coltivare il proprio benessere, starsene chiusi nella propria abitazione e lasciare i problemi agli altri. La storia, proprio la storia che stiamo sciaguratamente dimenticando, ci insegna che non è possibile vivere da soli, immersi in un eterno presente.

Con questi pensieri celebriamo allora la Repubblica, forse non la forma di governo perfetta, ma pur sempre migliore di tutte le altre e ricordiamo coloro che hanno speso la vita per offrirci questo spazio di libertà. Una festa non è una ricorrenza astratta, è invece il modo migliore per onorare la nostra storia per ritrovare le nostre radici e per poter guardare al futuro come a un tempo per costruire e non a un tempo da temere. Buon 2 Giugno a tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie