Mercoledì 28 Ottobre 2020 | 04:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

 
Il caso
Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

 
Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

 
FoggiaLa lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
TarantoLa denuncia
M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

 
PotenzaIl caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
MateraIl virus
Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

 
LecceLe dichiarazioni
Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

 
Brindisinel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 

i più letti

IL PUNTO

Da marzo a settembre la fragilità permanente

Quale è il nesso tra la condizione umana e l'apertura delle scuole?

Bitritto, dipendente di una scuola positivo: istituto annulla attività in presenza

banchi di scuola

Fragilità? Mentre riaprono le scuole, riflettiamo su questa condizione “umana”. Il Covid non fa sconti nel “designare” le sue vittime e i suoi testimonial, la pandemia non argina leggerezze e violenza di alcuni. Abbiamo perciò difficoltà a mettere a fuoco questo stato, specie per quanti confidano nell’estetica delle magnifiche sorti e progressive.

Ci paralizzò a marzo, ma con le avvisaglie dell’autunno non riusciamo ancora a scrollarcela di dosso. Anzi. La fragilità sembra un marchio peculiare della vita che viviamo: un battito d’ali può diventare tempesta.

Consultiamo la Treccani, per circoscrivere i significati dell’aggettivo “fragile”: qualcosa che si rompe facilmente, specie per urto, come il vetro; ma anche, nel significato figurato: chi “oppone scarsa resistenza al male fisico e morale, quindi debole, gracile, poco fermo” oppure, ancora, chi “non resiste alle tentazioni, e cade facilmente in colpa”.

Proprio così, noi siamo fragili, e lo siamo diventati sempre di più, attaccabili da questo virus che non ci abbandona e che insidia una natura e individui riottosi. Da un terreno magmatico e scivoloso come quello della scuola, che monopolizza il paese nello scontro tra parole e fatti, azioni e velleità, viene un contributo alla definizione della fragilità. La polemica su quali lavoratori possano aspirare all’esonero per le loro condizioni di salute ha indotto il ministero della Salute a delimitare il terreno con una circolare.

“Il concetto di fragilità – si definisce nella stessa – va individuato in quelle condizioni dello stato di salute del lavoratore/lavoratrice rispetto alle patologie preesistenti che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave o infausto.” Per cui l’età avanzata non costituisce uno stato che prefigura di per sé lo stato di fragilità. Conta semmai la compresenza di comorbilità “che possono integrare una condizione di maggior rischio.” Dei deceduti per Covid ben il 91% presentavano malattie cronico-degenerative dell’apparato cardiovascolare, respiratorio, renale e malattie dismetaboliche (“il 13,9% una, il 20,4% due, il 61,8% tre o più”).

La precisazione non riguarda solo i lavoratori della Pubblica Istruzione, ma un po’ tutti noi, che combattiamo questa battaglia. A cominciare da quanti per fasce di età sono stati, a esordio della pandemia, annoverati nella schiera dei fragili: le persone in età avanzata, anche interessati da altre patologie.

Hanno tirato un sospiro di sollievo perché – come si dice, mal comune mezzo gaudio – l’idea che la fragilità interessi anche coloro che i capelli d’argento non ce li hanno un po’ è servita a mettere la testa fuori della riserva in cui erano stati segregati. Insomma, era ingenerosa quell’esclusiva della fragilità.

Ma in questi giorni capiamo anche che, insieme alla fragilità per le patologie, nel Paese ce ne sono almeno altre due forme, striscianti: l’incapacità di ergere un argine a una forza più risoluta di noi; l’immobilismo indifferente, il lasciarsi andare a non mutare vizi e inerzie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie