Venerdì 13 Dicembre 2019 | 08:26

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

 
il punto
Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

 
l'analisi
Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

 
L'analisi
Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

 
il commento
Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

 
il punto
Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

 
L'analisi
L’Italia del buon senso non s’arrenda al senso comune

L’Italia del buon senso non s’arrenda al senso comune

 
L'analisi
Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

 
L' opinione
Se le «capre» diventano «sardine»

Se le «capre» diventano «sardine»

 
Il punto
Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

 
L'analisi
Ogni giorno Sud sempre più derubato: basta, da oggi deve finire

Ogni giorno Sud sempre più derubato: basta, da oggi deve finire

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariStalking
Monopoli, stalker evade dai domiciliari e reagisce ai poliziotti: arrestato 46enne

Monopoli, stalker evade dai domiciliari e reagisce ai poliziotti: arrestato 46enne

 
BrindisiIntimidazione
S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto: era del proprietario del cane arso vivo

S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto del proprietario del cane arso vivo

 
LecceDevozione
Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

 
BatLe indagini
Giovani banditi di Barletta in «trasferta» arrestati ad Asti

Giovani banditi di Barletta in «trasferta» arrestati ad Asti

 
PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre inaugura il reparto intitolato a Nadia Toffa

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

L'analisi

Il fantasma di Renzi nella Foresta Umbra

Magari tra le pieghe si nasconde anche la risposta al grande mistero: perché Renzi non era a Narni?

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Angelo Sanza, vecchia volpe della politica italiana e big della balena bianca stile Prima Repubblica, solo pochi giorni fa, dalle pagine della Gazzetta, fu lapidario: sono i due Matteo i veri leader da qui ai prossimi dieci-vent’anni. «Tocca a loro, non vedo altri».
Quel che sta accadendo «nel test-non test» nazionale di Perugia e dintorni ne è la prova plastica. I titoli pesanti sono per loro, i «diversamente» Matteo, con un differenza tra i due non di poco conto. Mentre Salvini, capo indiscusso della Lega e ora benedetto anche dal Cav quale numero uno del centrodestra, tra alterne fortune di partecipazione popolare, sta battendo l’Umbria in lungo e in largo; l’altro, ovvero Renzi, praticamente non c’è.

Eppure il clamore mediatico che Di Maio, Zingaretti, Speranza e Conte - il governo giallorosso al completo, meno uno - volevano sollevare con l’evento di ieri a Narni, è stato sopraffatto dalla «vera» notizia: l’assenza di Italia Viva.
Il voto umbro è delicato assai. Non a caso il premier Conte, che ha mostrato di masticare pane e politica senza alcun complesso d’inferiorità, ha preso le distanze dall’esito. Comunque vada - è la tesi - l’esecutivo non c’entra, insomma solo un voto «locale». Dimenticando però che ci sono tre grandi ragioni che remano contro la sua prudenza. Innanzitutto, può apparire un’ovvietà, e non lo è, sono le prime elezioni a svolgersi dopo il colpo di sole e di mano di Salvini che ad agosto ha portato alla caduta del Conte 1, con le seguenti grandi manovre, la nascita del Conte 2, il Pd e Leu subentrati alla Lega in qualità di partnership del Movimento 5 Stelle. Un evento che ha segnato profondamente la percezione che hanno gli italiani del quadro politico e dei suoi leader. Ed è fuor di dubbio che anche in Umbria gli elettori – consapevolmente o meno – voteranno anche sulla base dei giudizi che si sono fatti di queste vicende.

Del resto, che le vicende della politica nazionale abbiano riflessi evidenti sul voto locale lo dimostrano le tante elezioni regionali che si sono svolte dopo il 4 marzo 2018: Molise, Friuli-Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Abruzzo, Sardegna, Basilicata e Piemonte hanno fornito via via la dimostrazione che il centrodestra si stava rafforzando e che l’esperienza del governo gialloverde stava premiando nettamente la Lega di Matteo Salvini a scapito del Movimento 5 Stelle. Insomma, può non piacere a Palazzo Chigi, ma anche questa volta il voto potrebbe essere interpretato come un test sull’esecutivo in carica.
Il secondo motivo: saranno le prime elezioni in assoluto in cui il Movimento 5 Stelle si presenta in coalizione con altre liste e, tra queste c’è il Pd, ossia il principale avversario del M5S fin dalla sua fondazione. Nè può essere sottaciuto il particolare che la governatrice uscente, la dem Catiuscia Marini, è stata costretta a dimettersi dopo essere stata indagata per il cosiddetto scandalo sanità esploso proprio su input dei pentastellati.
Per la prima volta, quindi, sulla scheda elettorale non ci sarà più il tripolarismo che dal 2013 segna tutte le competizioni elettorali italiane, locali e nazionali. Il successo (o il fallimento) di questo esperimento in Umbria potrebbe significare la fine o l’inizio di un nuovo, del tutto inedito schema bipolare.

L’ultimo motivo per cui domenica l’Umbria va guardata con particolare attenzione riguarda la geografia politica già stravolta – più volte – dal 2013 in poi. Fin dal 1948 le Regioni del Centro Italia (in particolare: Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Umbria) si sono sempre caratterizzate per il loro essere tendenzialmente molto a sinistra rispetto alla media. Le cosiddette «Regioni rosse» che non hanno mai avuto una giunta in cui il partito di riferimento non fosse il Pci-Pds-Ds-Pd. Ora questa «tradizione» potrebbe avere fine, stando almeno ai risultati elettorali più recenti e ai sondaggi che ancora circolano sotto banco. «Fateglielo vedere voi se l’Umbria conta», ha gridato Matteo Salvini durante il comizio per le regionali dal palco di piazza del Popolo a Todi davanti a poco più di trecento sostenitori, ma forte del particolare che nella città dal 2017 governata da una coalizione di centrodestra, la Lega è passata nel giro di due anni da percentuali sotto allo zero al 47 per cento dei voti ottenuto alle elezioni europee di maggio.

Con questi lunghe premesse in effetti diventa difficile fare previsioni. E ancora più complessa è la ricerca di eventuali ripercussioni, in caso di sconfitta giallorossa, sulla tenuta del governo. Nel caso, Sanza fu pessimista: «Dopo il via libera alla legge di bilancio può cambiare tutto. Soprattutto può cambiare premier». Parole che tornano alla mente, nelle ultime ore, quando l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio - noto per essere uno che «conosce i fatti» - il leghista Giorgetti, rilancia: «Verosimile La notizia che i (ex Bce) possa prendere il posto di Conte alla presidenza del Consiglio». Magari tra le pieghe si nasconde anche la risposta al grande mistero: perché Renzi non era a Narni?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie