Domenica 17 Novembre 2019 | 18:28

NEWS DALLA SEZIONE

l'opinione
Niente acciaio e infrastrutture: il nonsipuotismo blocca il Sud

Niente acciaio e infrastrutture: il nonsipuotismo blocca il Sud

 
La riflessione
Da Venezia a Matera le “due Italie” continuano

Da Venezia a Matera le “due Italie” continuano

 
L'analisi
L'ingordigia del Nord: loro più autonomi. E i servizi al Sud?

L'ingordigia del Nord: loro più autonomi. E i servizi al Sud?

 
Il punto
Perché è giusto risarcire la fuga dall’area inquinata

Perché è giusto risarcire la fuga dall’area inquinata

 
L'analisi
Ipotesi di lavoro per salvare una città

Ipotesi di lavoro per salvare una città

 
Il punto
La variabile acciaieria tra Governo e legislatura

La variabile acciaieria tra Governo e legislatura

 
Il punto
Governo, troppe le spinte centrifughe

Governo, troppe le spinte centrifughe

 
l'opinione
Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

 
l'opinione
In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

 
il commento
Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

 
L'analisi
Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

La riflessione

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Lo sapevamo che è come se questa autonomia la avessero già? E lo sapevamo che da tempo già si prendono tanti soldi in più togliendoli al resto d’Italia?

soldi

Quando si dice ingordi. Allora, con un colpo di mano notturno della Lega, si è tentato di togliere al Sud anche i soldi del Fondo sviluppo e coesione. Sono quelli che per l’80 per cento dovrebbero andare al Sud in riparazione del divario, ma che si è provato a passare a tutte le altre regioni. Suscitando l’ira funesta della ministra Lezzi, con minaccia di dimissioni e promessa di rivedere il malfatto. Non allontanando però il sospetto che sia un ricatto per ottenere la madre di tutte le decapitazioni del Sud: l’autonomia rafforzata per le Regioni del Nord. E però, colpo di scena: lo sapevamo che è come se questa autonomia la avessero già? E lo sapevamo che da tempo già si prendono tanti soldi in più togliendoli al resto d’Italia? E ai quali vogliono aggiungerne altri?

Questa la misconosciuta verità mentre Veneto, Lombardia, Emilia, Piemonte (e ora Liguria) insistono perché il federalismo differenziato sia sempre più differenziato a loro favore e a danno, soprattutto, del Sud. Al quale non solo negli anni è stato già sottratto tutto ciò che è andato a loro. Ma col quale vogliono completare l’opera facendola passare come un vantaggio per tutti. Aggiungendoci, visto che ci siamo, il Fondo coesione.
Sembra la trama di un giallo, ma è la verità. Il tranello è la legge 42 del 2009, merito del notorio ministro leghista Calderoli.

Che doveva stabilire il criterio col quale lo Stato avrebbe finanziato i servizi pubblici comunali e regionali. Per farlo, si sarebbero dovuti calcolare i Lep, livelli essenziali di prestazione: cioè il fabbisogno minimo sotto il quale non si sarebbe dovuto andare per nessuno. In base alla Costituzione che garantisce stesso trattamento a tutti i cittadini, non migliore a uno di Vicenza e peggiore a uno di Foggia. Era peraltro un obbligo dalla partenza del federalismo fiscale del 2001, mai rispettato.
Ma anche nel 2009, stesso trucchetto. Siccome questi Lep non si calcolano neanche allora, temporaneamente (notare: temporaneamente) si decide di continuare con la <spesa storica>: dare ciò che ha sempre avuto a chi ha sempre avuto di più, dare ciò che ha sempre non avuto a chi ha sempre avuto di meno. Per capire: sempre più al Nord, sempre meno al Sud. Come purtroppo per il Sud conferma un dato: non c’è Regione o Comune meridionale in cui questi servizi siano sopra il livello minimo, tutti sotto. E sono sanità, scuola, trasporti, assistenza agli anziani, mica cabine al mare e discoteche. Ciò che incide su quella qualità della vita sempre agli ultimi posti al Sud. E per la quale il Sud è indotto a vergognarsi, invece di ottenerne le scuse.

Da allora sono passati 10 anni. Durante i quali, ovviamente, la spesa pubblica al Nord è sempre stata superiore a quella per il Sud. Per ogni cittadino di Brescia, 3.671 euro in più rispetto a uno di Potenza. Come rivelano i Conti Pubblici Territoriali, non qualche setta sudista. E perché? <Spesa storica>. Ma non è finita. Mai da allora (diciamo 2001) è stata fatta quella perequazione comunale e infrastrutturale prevista dal medesimo federalismo. Esempio? In questi giorni si festeggiano, con uno spot del regista turco-italiano Ozpetek, i 10 anni dell’alta velocità ferroviaria: <una casa che ti porta a casa>. Commovente.

Peccato che la casa più meridionale in cui i Frecciarossa ti portano è Salerno. Il resto, zero. Non siete italiani come gli altri. Siete un’Italia secondaria.
Ma non è finita. Mai la spesa pubblica dello Stato, delle aziende ad esso collegate e della Pubblica amministrazione ha raggiunto al Sud il livello del 34 per cento, pari alla percentuale della popolazione interessata. Mai oltre il 28 per cento. Con un danno per il Sud di 61 miliardi l’anno, coi quali il Sud avrebbe potuto avere tanti poveri in meno e tanti giovani non emigrati.

Ma anche lì, <spesa storica>: e tu non puoi farci nulla, bellezza. Per non parlare delle banche che raccolgono al Sud e prestano al Nord. Dei minori stipendi al Sud rispetto al Nord a parità di lavoro. Dei fondi europei che non si sono mai aggiunti a quelli nazionali ma li hanno sostituiti. Del costo del denaro che dissuade al Sud e facilita al Nord.
In questo ambientino a loro favore, in questa truffa di Stato, le Regioni candidate alla secessione (pardon, autonomia rafforzata) non solo hanno lanciato una gigantesca campagna di disinformazione continuando a spacciare cifre false e parlando di <tutto quello che diamo al Sud>. Non solo continuano a beneficiare da anni di tanto più quanto più viene tolto al Sud. Ma ora pretendono di trattenere sul loro territorio anche le loro tasse, perché i ricchi hanno più bisogni dei poveri. Ma vedi. Mentre si continua a non dir nulla dei Lep e delle infrastrutture. Si continua a non dire, contrariamente a ciò che si crede e si rinfaccia, che ci sono più dipendenti pubblici al Nord che al Sud (quindi che alla mammella dello Stato si attaccano loro). Anzi il Veneto pretende anche per sé quelle agevolazioni delle Zes (Zone economiche speciali) che per grazia ricevuta si sono pensate a favore dei porti del Sud.
Cosa dire? Servirà dire che ora basta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie