Domenica 21 Luglio 2019 | 14:59

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Paure e calcoli frenano la rottura del contratto

Paure e calcoli frenano la rottura del contratto

 
L'allunaggio
Buongiorno Luna: lo sbarco, 50 anni dopo. Cosa fu e cos’è ora

Buongiorno Luna: lo sbarco, 50 anni dopo. Cosa fu e cos’è ora

 
L'analisi
Generazione di ignoranti ma accusando sempre il Sud

Generazione di ignoranti ma accusando sempre il Sud

 
Sanità
La sofferenza dei pigiami, l'insofferenza dei camici

La sofferenza dei pigiami, l'insofferenza dei camici

 
La riflessione
Ma più i due soci litigano più si allontana l’ombra del voto

Ma più i due soci litigano più si allontana l’ombra del voto

 
L'analisi
Diaspora choc in una nazione che maltratta la conoscenza

Diaspora choc in una nazione che maltratta la conoscenza

 
Il punto
Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

 
L'analisi
Il governo i partiti e la sfida del nuovo

Il governo i partiti e la sfida del nuovo

 
L'editoriale
Il lavoro che a volte c'è, è la risposta che non c'è

Il lavoro che a volte c'è, è la risposta che non c'è

 
La tragedia
Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

 
L'analisi
Cambia il mondo per il clima ma i politici sono pronti?

Cambia il mondo per il clima ma i politici sono pronti?

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceMigranti
Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
BariLa curiosità
Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

La riflessione

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Lo sapevamo che è come se questa autonomia la avessero già? E lo sapevamo che da tempo già si prendono tanti soldi in più togliendoli al resto d’Italia?

soldi

Quando si dice ingordi. Allora, con un colpo di mano notturno della Lega, si è tentato di togliere al Sud anche i soldi del Fondo sviluppo e coesione. Sono quelli che per l’80 per cento dovrebbero andare al Sud in riparazione del divario, ma che si è provato a passare a tutte le altre regioni. Suscitando l’ira funesta della ministra Lezzi, con minaccia di dimissioni e promessa di rivedere il malfatto. Non allontanando però il sospetto che sia un ricatto per ottenere la madre di tutte le decapitazioni del Sud: l’autonomia rafforzata per le Regioni del Nord. E però, colpo di scena: lo sapevamo che è come se questa autonomia la avessero già? E lo sapevamo che da tempo già si prendono tanti soldi in più togliendoli al resto d’Italia? E ai quali vogliono aggiungerne altri?

Questa la misconosciuta verità mentre Veneto, Lombardia, Emilia, Piemonte (e ora Liguria) insistono perché il federalismo differenziato sia sempre più differenziato a loro favore e a danno, soprattutto, del Sud. Al quale non solo negli anni è stato già sottratto tutto ciò che è andato a loro. Ma col quale vogliono completare l’opera facendola passare come un vantaggio per tutti. Aggiungendoci, visto che ci siamo, il Fondo coesione.
Sembra la trama di un giallo, ma è la verità. Il tranello è la legge 42 del 2009, merito del notorio ministro leghista Calderoli.

Che doveva stabilire il criterio col quale lo Stato avrebbe finanziato i servizi pubblici comunali e regionali. Per farlo, si sarebbero dovuti calcolare i Lep, livelli essenziali di prestazione: cioè il fabbisogno minimo sotto il quale non si sarebbe dovuto andare per nessuno. In base alla Costituzione che garantisce stesso trattamento a tutti i cittadini, non migliore a uno di Vicenza e peggiore a uno di Foggia. Era peraltro un obbligo dalla partenza del federalismo fiscale del 2001, mai rispettato.
Ma anche nel 2009, stesso trucchetto. Siccome questi Lep non si calcolano neanche allora, temporaneamente (notare: temporaneamente) si decide di continuare con la <spesa storica>: dare ciò che ha sempre avuto a chi ha sempre avuto di più, dare ciò che ha sempre non avuto a chi ha sempre avuto di meno. Per capire: sempre più al Nord, sempre meno al Sud. Come purtroppo per il Sud conferma un dato: non c’è Regione o Comune meridionale in cui questi servizi siano sopra il livello minimo, tutti sotto. E sono sanità, scuola, trasporti, assistenza agli anziani, mica cabine al mare e discoteche. Ciò che incide su quella qualità della vita sempre agli ultimi posti al Sud. E per la quale il Sud è indotto a vergognarsi, invece di ottenerne le scuse.

Da allora sono passati 10 anni. Durante i quali, ovviamente, la spesa pubblica al Nord è sempre stata superiore a quella per il Sud. Per ogni cittadino di Brescia, 3.671 euro in più rispetto a uno di Potenza. Come rivelano i Conti Pubblici Territoriali, non qualche setta sudista. E perché? <Spesa storica>. Ma non è finita. Mai da allora (diciamo 2001) è stata fatta quella perequazione comunale e infrastrutturale prevista dal medesimo federalismo. Esempio? In questi giorni si festeggiano, con uno spot del regista turco-italiano Ozpetek, i 10 anni dell’alta velocità ferroviaria: <una casa che ti porta a casa>. Commovente.

Peccato che la casa più meridionale in cui i Frecciarossa ti portano è Salerno. Il resto, zero. Non siete italiani come gli altri. Siete un’Italia secondaria.
Ma non è finita. Mai la spesa pubblica dello Stato, delle aziende ad esso collegate e della Pubblica amministrazione ha raggiunto al Sud il livello del 34 per cento, pari alla percentuale della popolazione interessata. Mai oltre il 28 per cento. Con un danno per il Sud di 61 miliardi l’anno, coi quali il Sud avrebbe potuto avere tanti poveri in meno e tanti giovani non emigrati.

Ma anche lì, <spesa storica>: e tu non puoi farci nulla, bellezza. Per non parlare delle banche che raccolgono al Sud e prestano al Nord. Dei minori stipendi al Sud rispetto al Nord a parità di lavoro. Dei fondi europei che non si sono mai aggiunti a quelli nazionali ma li hanno sostituiti. Del costo del denaro che dissuade al Sud e facilita al Nord.
In questo ambientino a loro favore, in questa truffa di Stato, le Regioni candidate alla secessione (pardon, autonomia rafforzata) non solo hanno lanciato una gigantesca campagna di disinformazione continuando a spacciare cifre false e parlando di <tutto quello che diamo al Sud>. Non solo continuano a beneficiare da anni di tanto più quanto più viene tolto al Sud. Ma ora pretendono di trattenere sul loro territorio anche le loro tasse, perché i ricchi hanno più bisogni dei poveri. Ma vedi. Mentre si continua a non dir nulla dei Lep e delle infrastrutture. Si continua a non dire, contrariamente a ciò che si crede e si rinfaccia, che ci sono più dipendenti pubblici al Nord che al Sud (quindi che alla mammella dello Stato si attaccano loro). Anzi il Veneto pretende anche per sé quelle agevolazioni delle Zes (Zone economiche speciali) che per grazia ricevuta si sono pensate a favore dei porti del Sud.
Cosa dire? Servirà dire che ora basta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie