Sabato 21 Maggio 2022 | 12:03

In Puglia e Basilicata

l'evento

I rally e il Gargano a braccetto, Bergantino racconta l’emozione

rally gargano

Già si pensa alla dodicesima edizione del «Città di Vieste»

16 Aprile 2022

alessandro salvatore

La prima vittoria nel rally, Giuseppe Bergantino, pilota di Manfredonia, la ottenne nel 2013 al «Porta del Gargano». A distanza di nove anni, al fianco del conterraneo Mirko Di Vincenzo, Bergantino conquista il suo decimo successo in carriera sullo «Sperone» pugliese a lui familiare. È il verdetto «casalingo» della prima edizione del «Rally Costa del Gargano», andato in scena con l’organizzazione Gargano Racing Team e Tecno Motor Racing Team.

Sul promontorio foggiano, dalla località Macchia, trentaquattro equipaggi hanno «scalato» la vetta di Monte Sant'Angelo. L’apice sacro ha costituito il clou dell’evento rallistico, su quel percorso di regolarità che solca la strada provinciale 55 caratterizzata dai 18 tornanti che lambiscono gli anfratti che si affacciano sul golfo di Manfredonia. «La manifestazione è stata seguita dalla luce del giorno sino al calare del sole con partecipazione dagli appassionati delle corse ma anche da curiosi e turisti. Per l’organizzazione è un bilancio che cementa le convinzioni di inserire questo evento, nel prossimo futuro, in una programmazione nazionale» commenta Pietro Azzarone, vicepresidente del Gargano Racing Team.

Il podio del «Rally Costa del Gargano» è stato segnato dalla guida di un’auto in comune: la Skoda Fabia. La coppia di casa Bergantino-Di Vincenzo ha preceduto in classifica il duo salernitano Gianluca D’Alto-Mirko Liburdi ed il tandem milanese formato da Vincenzo Tortorici e Fabio Andrian. Questi i tempi che vanno in archivio: Bergantino-Di Vincenzo della New Jolly Motors 34'38"4, D'Alto-Liburdi della Casarano Rally Team 36'24"0 e Tortorici-Andrian della Scuderia Palladio 36'48"6.
«Grande emozione vincere sulla nostra terra, al culmine di un percorso adrenalinico. Sono felice per la mia scuderia. Nella nostra performance ha funzionato tutto, grazie anche all’abile Mirko De Vicenzo, e a una vettura che non ha tradito le nostre attese. Mi complimento con gli organizzatori capaci di allestire questo evento in tempi brevi, cosa non facile. E sono orgoglioso per il mio Gargano, che ha nelle sue radici la tradizione rallistica» dice Bergantino.

Il rally ritornerà sul «Tacco d’Italia» dal 22 al 25 settembre, quando si correrà il «Porta del Gargano-Città di Vieste». Sarà la dodicesima edizione di una competizione che ricalca la tradizione delle quattro ruote sugli «spigoli» pugliesi che parlano di mare e montagna. La manifestazione vale come Trofeo Coppa Italia della Sesta Zona, che abbraccia Puglia, Molise e Lazio. Una delle ultime firme sotto l'albo d'oro è proprio quella di Giuseppe Bergantino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725