Martedì 19 Marzo 2019 | 18:44

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'operazione dei cc
Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Il ricordo

«Quel giorno in Redazione
entrò Benedetto Croce»

Una firma storica del giornale ricorda un evento storico. «I miei legami con la “Gazzetta” sono indissolubili», scrive in un messaggio Franco Chieco. «Sono entrato al giornale nell’autunno del 1945, il Cuore mi dice che non ne sono mai uscito. Le mie esperienze sono in quella Storia che non si cancella. Penso alla lezione di vita che ci venne a lungo impartita da un direttore carismatico come Luigi de Secly. E ancor oggi mi par di rivederlo felice, orgoglioso quando, da lui invitato, a visitare la “Gazzetta” fu Benedetto Croce, il sommo Maestro. E fu un’emozione incontenibile anche per tutti noi. Eppure quella visita storica non fu definita un evento, ma un’esperienza che ci arricchiva. Era il naturale rapporto del giornale con il mondo della cultura. Basterà peraltro rammentare che l’insigne poeta e scrittore salentino Vittorio Bodini aveva l’abitudine, ogni volta che si recava in treno a Lecce, di fermarsi a Bari per fare un salto alla “Gazzetta”».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400