Martedì 17 Settembre 2019 | 17:17

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariDiritti negati
Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
FoggiaSerie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
BatArrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
MateraUna settimana di eventi
Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
PotenzaA Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 

i più letti

Il ricordo

«Quel giorno in Redazione
entrò Benedetto Croce»

Una firma storica del giornale ricorda un evento storico. «I miei legami con la “Gazzetta” sono indissolubili», scrive in un messaggio Franco Chieco. «Sono entrato al giornale nell’autunno del 1945, il Cuore mi dice che non ne sono mai uscito. Le mie esperienze sono in quella Storia che non si cancella. Penso alla lezione di vita che ci venne a lungo impartita da un direttore carismatico come Luigi de Secly. E ancor oggi mi par di rivederlo felice, orgoglioso quando, da lui invitato, a visitare la “Gazzetta” fu Benedetto Croce, il sommo Maestro. E fu un’emozione incontenibile anche per tutti noi. Eppure quella visita storica non fu definita un evento, ma un’esperienza che ci arricchiva. Era il naturale rapporto del giornale con il mondo della cultura. Basterà peraltro rammentare che l’insigne poeta e scrittore salentino Vittorio Bodini aveva l’abitudine, ogni volta che si recava in treno a Lecce, di fermarsi a Bari per fare un salto alla “Gazzetta”».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie