Martedì 27 Ottobre 2020 | 01:28

NEWS DALLA SEZIONE

Nuove uscite
«Soluzione», la complicità dell'amore nel nuovo singolo dei pugliesi Atomi

«Soluzione», la complicità dell'amore nel nuovo singolo dei pugliesi Atomi

 
Il personaggio
Chiara Civello, una voce fra Italia, Brasile e America

Chiara Civello, una voce fra Italia, Brasile e America

 
L'appuntamento
Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

Popol Vuh, Time Zones rievoca Florian Fricke

 
L'appuntamento
Musica Nuda, voce e contrabbasso al Fusco di Taranto in un evento tra prestigio e integrazione

Musica Nuda, voce e contrabbasso al Fusco di Taranto in un evento tra prestigio e integrazione

 
Musica
Benedetto Lupo, talento e pathos al pianoforte

Benedetto Lupo, talento e pathos al pianoforte

 
Nuove uscite
«Cartoline»: i cambiamenti della vita nel nuovo lavoro del rapper salentino Gaston

«Cartoline»: i cambiamenti della vita nel nuovo lavoro del rapper salentino Gaston

 
Nuove uscite
«Evolver», suoni tra spazio e tempo nel nuovo disco di Sofia Brunetta

«Evolver», suoni tra spazio e tempo nel nuovo disco di Sofia Brunetta

 
Musica e visioni
«Porto Rubino», il documentario stasera in anteprima alla Festa del Cinema di Roma

«Porto Rubino», il documentario stasera in anteprima alla Festa del Cinema di Roma

 
musica
La canzone sociale di Alessio Lega per Francisco Ferrer

La canzone sociale di Alessio Lega per Francisco Ferrer

 
Musica
«Le nostre fragili certezze»: online il nuovo video del manfredoniano Pierpaolo Lauriola

«Le nostre fragili certezze»: online il nuovo video del manfredoniano Pierpaolo Lauriola

 
nel Barese
Ruvo, il Talos Festival vince la sfida dell'edizione distanziata

Ruvo, il Talos Festival vince la sfida dell'edizione distanziata

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa chiusura
Covid, il Dpcm «spegne» Bari: dall'Umbertino a Bari vecchia. Così orso Vittorio Emanuele Video

Covid, il Dpcm «spegne» Bari: dalla città vecchia all'Umbertino a corso Vittorio Emanuele Video

 
FoggiaIl contagio
Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

 
LecceLa manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
Taranto2 novembre
Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

 
PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

Musica

Basilicata, Giovanni Allevi protagonista nella Città dell’Utopia

Il compositore stasera nel borgo abbandonato di Campomaggiore

Giovanni Allevi

Giovanni Allevi

L’estate si chiude in bellezza per Campomaggiore, il suggestivo borgo lucano che alla fine del 1700, sotto la guida dei conti Rendina, si eresse a modello di quella che nel tempo fu poi indicata come “Città dell’Utopia”, tanto il clima pacifico, la modernità delle scelte politiche e sociali garantivano ai suoi abitanti benessere e prosperità. Stasera, infatti, nella cornice incantevole del borgo divenuto fantasma e abbandonato dopo una violenta frana del 1885, si esibirà Giovanni Allevi, il geniale compositore amato anche da coloro che normalmente non seguono la musica classica. Metà enfant prodige, metà enfant terrible, Allevi si è distinto fin dall’inizio della sua carriera per un talento fuori dal comune. Un connubio perfetto, dunque, quello di stasera, tra uomo e natura, in un luogo che appare quasi magico, in grado di stimolare la spiritualità di ciascuno. Il maestro, che è anche direttore d’orchestra e pianista di rara bravura, ha dato vita con le sue composizioni ad una nuova “musica classica contemporanea”, nella definizione da lui stessa coniata. Raggiunto da La Gazzetta del Mezzogiorno, ha accettato di rispondere alle nostre domande.

Maestro, quali luoghi conosce della Basilicata e che impressione ne ha avuto quando l’ha visitata in passato?
Conosco Matera, Craco, Nova Siri, il Tempio di Hera, dove Pitagora elargì i suoi ultimi insegnamenti, la Scuola Media di Policoro. Sono tutti luoghi che porto nel cuore in maniera indelebile. Qui, infatti, ho affrontato recentemente una Masterclass con un gruppo di giovani musicisti classici. Tutti siamo rimasti stregati dalla bellezza fuori dal tempo dei panorami e dallo sguardo profondo e intenso dei suoi abitanti.

Cosa consiglierebbe a un giovane talentuoso che voglia intraprendere seriamente lo studio della musica, pur vivendo magari in un piccolo centro, lontano dai circuiti più prestigiosi?
Vivere in un piccolo centro è un vantaggio. Tutti i grandi sognatori ed innovatori che ho conosciuto erano orgogliosi delle proprie origini in provincia, dove si sviluppa il desiderio di volare alto e la smania di cambiare il mondo. Il resto è una conseguenza.

“La vera musica non è mai difficile. Questo è soltanto un termine che viene usato per nascondere la povertà della cattiva musica” - ha detto Claude Debussy, uno dei massimi esponenti del simbolismo francese, pianista e compositore di grande maestria. Cosa pensa lei a riguardo?
Mi dispiace contraddire il mio amato Debussy, ma la musica inizia a regalare lampi di bellezza proprio nel momento in cui supera il limite della facilità. Lui ne è la più evidente dimostrazione.

Un’ultima curiosità: se non fosse diventato “giovanni allevi“, cosa avrebbe fatto da grande?
Il senzatetto. Avrei vissuto alla giornata, viaggiando per luoghi sconosciuti, incontrando sguardi d’abisso.
L’appuntamento è per stasera alle 21,30.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie