Martedì 02 Marzo 2021 | 06:11

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

 
Nuove uscite
«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

 
L'intervista
Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 
Musica
«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

 
Musica
«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

L'Intervista

Di Maglie: noi artisti non siamo cicale. Al lavoro per il nuovo disco

«Il futuro della musica? Sono i musicisti»

Di Maglie: noi artisti non siamo delle cicale. Al lavoro per il suo nuovo disco

Daniele Di Maglie, tarantino di nascita e barese d’adozione, è sicuramente uno degli autori più attenti e ricercati che la Puglia abbia espresso negli anni. Con la sua penna racconta storie in cui è facile ritrovare l’impegno, la creatività e poesia, qualità che per un cantautore sono fondamentali. Laureato in Scienze Politiche, Di Maglie ha all’attivo una considerevole attività live, ha diviso il palco con noti artisti nazionali e internazionali (ricordiamo alcuni Bob Dylan, Moni Ovadia, Sergio Cammariere) e ha ricevuto premi e riconoscimenti prestigiosi. Ha all’attivo tre album, l’ultimo dei quali pubblicato a fine 2018 dal titolo La mia parte peggiore (Digressione music) sostenuto da Puglia Sounds. Undici canzoni costruite sul tema del conflitto e della crescita, ma personale e irrimediabilmente politico. Abbiamo chiesto a Di Maglie, come reagirà artisticamente dopo la pandemia.

«È stata tremenda. Non ho partecipato ai flash mob dai balconi né mi sono unito ai cori con l’inno nazionale: trovavo tutto molto surreale. A spaventarmi non era tanto il virus quanto gli effetti collaterali della sua epifania dirompente: dalle restrizioni, alla caccia agli untori, al dissesto economico, alle dirette Facebook. Mi sembrava di essere sprofondato improvvisamente nelle trame oscure di un romanzo distopico. Sentivo dire in giro che il dramma collettivo ci avrebbe resi migliori, imponendo un ripensamento complessivo e strutturale della società e dei suoi apparati, ma alla fine ne stiamo uscendo peggiori, tutti. La pandemia ha tirato fuori il lato oscuro di questo nostro miserabile mondo. Come al solito ho reagito scrivendo canzoni, puntando universi per me più accomodanti. A brevissimo uscirà, su tutte le piattaforme digitali, un nuovo brano: Dipiciemme!».

Siete definiti invisibili, pensa che questa pandemia porterà a un miglioramento?
«È sempre stato così, ben oltre l’emergenza sanitaria. È stata l’ennesima riprova di quanto poco considerato e “stimato” sia il settore dello spettacolo e della cultura in questo nostro Paese. Credo sia un vero e proprio archetipo: l’artista è un sognatore, conflittuale e poco accomodante, perdigiorno, come la cicala della favola di Esopo».

Come immagina il suo ritorno?
«Già, nemmeno il tempo per me di smaltire la sbronza di La mia parte peggiore che è arrivato il finimondo. È stato un disastro, penso a quei musicisti, teatranti, operatori culturali che improvvisamente, per mesi, non hanno più avuto la possibilità di lavorare e produrre reddito e che ancora adesso stentano a ripartire. Il Governo non si occupa delle “cicale”, questo è chiaro. Per quel che mi riguarda, spero di tornare quanto prima a fare concerti perché la dimensione live, quando si riempie di reciproci ascolti ed empatia, è un privilegio che va assaporato, trangugiato, digerito fino in fondo. Sto preparando, tra l’altro, un nuovo disco che dovrebbe sganciarmi dal “solipsismo” esasperato dei tre precedenti lavori».

Come vede il futuro della musica?
«Male, se pensiamo che la musica sia un dono piovuto dal cielo, se non si ripaga economicamente il lavoro che c’è dietro, specie se consideriamo che la cicala non sopravvivrà all’inverno. Il futuro della musica è intimamente correlato al futuro dei musicisti: sosteniamoli e avremo garantito un futuro per la musica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie