Lunedì 03 Agosto 2020 | 14:26

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista rosa
Dallapé, tuffi di passione. Tokyo è il grande sogno

Francesca Dallapé, tuffi di passione. Tokyo è il grande sogno

 
calcio
La promessa solenne di Sticchi Damiani:«Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

Lecce, la promessa di Sticchi Damiani: «Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

 
orrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi, tra Bari, Lecce e Foggia, su 865 test

Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi, tra Bari, Lecce e Foggia, su 865 test

 
post-Covid
Ansia e panico, salute mentale a prova di virus

Ansia e panico, salute mentale a prova di Coronavirus: in aumento i disagi psicologici

 
Legge elettorale
Bari, doppia preferenza al via l'iter alla Camera

Doppia preferenza, parte oggi l'iter per l'approvazione

 
Ostaggi Selvaggi
Di Cagno Abbrescia: «Io ex sindaco in cerca d'acqua»

Di Cagno Abbrescia: «Io ex sindaco di Bari, ora in Aqp»

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata positiva una badante della Moldavia, asintomatica, su 277 test

Coronavirus, in Basilicata positiva una badante della Moldavia, asintomatica, su 277 test

 
nel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
Tarantoorrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
Brindisil'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 
BariFase 3
Un barese formerà i medici serbi

Un barese formerà i medici serbi per il trattamento del Coronavirus

 
Potenzala scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Leccenel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

i più letti

il provvedimento

Bari, «tesoretto» da 15 mln di euro confiscato a 39enne narcotrafficante

La misura di prevenzione patrimoniale è stata eseguita ddai Finanzieri nei confronti di un pluripregiudicato barese ritenuto dalla Suprema Corte di Cassazione «soggetto connotato da pericolosità sociale dal 2001 sino al 2011»

BARI - I Finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Bari, in esecuzione di apposito decreto emesso dalla IV Sezione Penale-Misure di Prevenzione della  Corte di Appello di Bari,   hanno   sottoposto a confisca  definitiva nella provincia di Bari beni  immobili, partecipazioni  societarie  e rapporti finanziari e bancari per un  valore stimato pari a 15 milioni di euro,  riconducibili a M.P. (classe  1981), già noto alle forze dell'ordine e già imprenditore nel settore del commercio di articoli in ferro e altri metalli.

L'esecuzione del provvedimento di confisca dei beni rappresenta  l'epilogo della complessa e articolata  attività  investigativa  svolta  dal Gico di  Bari che ha  permesso di  ricostruire le risoerse patrimoniali e finanziarie nella disponibilità,  diretta  e  indiretta  (tramite  i suoi familiari), di M.P., acquisite con i proventi delle attività illecite commesse nel tempo (associazione per delinquere finalizzata alla produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, furto e ricettazione) o,  comunque,  risultati ingiustificatamente sproporzionati rispetto ai redditi dichiarati.

Infatti, come da ultimo confermato dalla Suprema Corte di Cassazione con sentenza  del 27 maggio 2020, M.P. è da ritenersi  soggetto connotato da pericolosità  sociale dal 2001 sino al 2011  «in  quanto,  oltre  ad essere  stato  dichiarato  colpevole  di numerosi  e gravi delitti in materia  di narcotraffico,  commessi tra  il 2005 e il 2007,  era  stato  già condannato per reati contro il patrimonio  commessi  nel 2001  e,  più  di recente,  era  stato rinviato  a giudizio  per  rispondere  di  un  ulteriore  reato  in  materia  di  stupefacenti  commesso  nel 2013».

Pertanto, la Suprema Corte ha riconosciuto «una stretta correlazione temporale tra i momenti  dell'acquisto  dei  beni  oggetto  di ablazione, concentrati  nell'arco  temporale  dal 2004 al 2011, e il periodo di manifestazione della pericolosità» del pregiudicato  barese.

Una  volta ricostruita  la  pericolosità  sociale,  gli investigatori  del Gico  Bari hanno  proceduto ad espletare  mirate  indagini  economico-patrimoniali  sul conto  di  M.P. e del suo nucleo familiare.

In  particolare,  al fine di disvelare  l'origine del rilevante  patrimonio di M.P. e dei suoi  stretti  familiari  è  stata acquisita,  con  riferimento all'ultimo  ventennio, copiosa  documentazione,   tra  cui  i contratti di compravendita dei  beni  e  delle  quote societarie,  nonché  numerosi  atti pubblici che hanno  interessato  nel tempo  l'intero  nucleo familiare, verificando  poi,  per  ogni  transazione,  le  connesse  movimentazioni finanziarie  sottostanti  alla  creazione  della  necessaria  provvista economica.

Il materiale così  reperito  è stato oggetto, pertanto,  di  circostanziati approfondimenti  che  hanno consentito di accertare  che gran  parte delle attività  economiche  e dei  beni  entrati  nella disponibilità  di M.P.  e dei propri  stretti  congiunti  è  stata  acquistata  con  proventi derivanti  da  attività   illecite,   in  quanto  non   ha  trovato  giustificazione  nei  redditi del pregiudicato barese e del suo nucleo familiare dichiarati ai fini delle imposte sul reddito.

Complessivamente sono stati sottoposti  a confisca definitiva  12 fabbricati,  5 terreni,  1 compendio  aziendale, 2 quote sociali di  una s.r.l. e le disponibilità finanziarie  presenti  in  numerosi  conti  correnti,  per un valore stimato  pari a 15  milioni di euro.

Proseguono, pertanto, senza sosta le attività investigative del Nucleo di polizia economico- finanziaria  di Bari  volte  all'individuazione  e alla conseguente  aggressione  dei patrimoni  e delle  disponibilità  finanziarie  illecitamente  accumulati  onde  consentirne,  attraverso   la confisca definitiva,  la "riappropriazione" da parte della collettività

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie