Venerdì 07 Ottobre 2022 | 05:56

In Puglia e Basilicata

a Cisternino (Br)

Xylella, «L’ulivo malato è casa mia»: senatore M5S blocca abbattimento

Il grillino Lello Ciampolillo ha eletto a residenza parlamentare il suolo dove c'è l'ulivo malato di Xylella, che oggi i tecnici dell'Arif avrebbero dovuto preparare all'eradicazione

17 Dicembre 2018

Massimiliano Scagliarini

Il senatore grillino Lello Ciampolillo ha eletto a residenza parlamentare il suolo di Cisternino (Br) che ospita l'ulivo malato di Xylella di cui è stato ordinato l'abbattimento dall'Osservatorio fitosanitario della regione. Così stamattina i tecnici dell'Arif (Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali) non hanno potuto procedere al trattamento farmacologico preliminare all'abbattimento dell'albero, in quanto il parlamentare ha materialmente impedito l'ingresso della squadra. L'Arif ha chiamato i carabinieri, che sono intervenuti, ma alla presenza di numerosi manifestanti non hanno potuto che prendere atto di ciò che era avvenuto, e sono andati via.

È questo il proseguimento della storia raccontata giorni fa sulla «Gazzetta» e che è diventata caso nazionale per via dell'approccio del grillino Ciampolillo. L’ulivo malato di Cisternino dovrebbe essere eradicato questa settimana, a prescindere dal fatto che il suolo sia stato assegnato in comodato ad un parlamentare. Il grillino è contrario all'abbattimento perché secondo lui la Xylella non sarebbe la causa dei disseccamenti (dovuti piuttosto all’utilizzo di pesticidi), e dunque le eradicazioni sarebbero inutili. Il tutto ha creato grande imbarazzo nel Movimento Cinque Stelle, costretto a prenderne le distanze seppure in modo obliquo. «Benvenuti nel mondo delle frodi - ha attaccato il consigliere regionale pugliese Fabiano Amati del Pd - Si simula il comodato di un albero affetto da Xylella per evitarne l’eradicazione, e si attribuisce alla Commissione parlamentare Agricoltura l'accertamento della mancanza di nesso tra la Xylella e il disseccamento. Di Maio, Gallinella e i miei colleghi Cinque Stelle non hanno nulla da dichiarare?».

La polemica politica ha contagiato anche gli alleati della Lega. «Che un senatore si opponga all’abbattimento di un ulivo infetto affermando che il batterio non sarebbe la causa del disseccamento dell'arbusto è gravemente irresponsabile», ha detto il segretario regionale Andrea Caroppo: «Il Movimento Cinque Stelle, che sostiene un governo e un ministro dell’agricoltura impegnati mai come prima contro la Xylella, prenda le distanze». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725