Martedì 28 Giugno 2022 | 22:42

In Puglia e Basilicata

La manifestazione

Bari unita contro le mafie, Emiliano: «Si combatte difendendo il lavoro e diritti delle persone»

«Per noi la centralità del lavoro e dei diritti è fondamentale nella lotta alle mafie», ha detto don Angelo Cassano, referente provinciale di Libera

21 Marzo 2022

Redazione online

Anche Bari ha celebrato la XXVII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie organizzata da Libera, e lo ha fatto scegliendo simbolicamente i cancelli di una fabbrica chiusa da anni nella zona industriale di Bari, lo stesso luogo dove alcune settimane fa don Luigi Ciotti ha incontrato i lavoratori delle aziende in crisi. «Per noi la centralità del lavoro e dei diritti è fondamentale nella lotta alle mafie», ha detto don Angelo Cassano, referente provinciale di Libera. «Senza il lavoro - ha aggiunto - offriamo terreno fertile alle mafie, perché nella disperazione, nella mancanza di lavoro, c'è sempre il rischio di andare a chiedere favori ai poteri criminali».

Davanti ai famigliari di alcune delle vittime di mafia baresi, ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali e a delegazioni di lavoratori del territorio, sono stati letti i nomi delle vittime innocenti delle mafie, un centinaio delle quali sono pugliesi. «Bisogna ricordare sempre, mai dimenticare il passato - ha detto il procuratore aggiunto Francesco Giannella, coordinare della Direzione distrettuale antimafia di Bari - . La presenza di tanti ragazzi è fondamentale perché sono loro che devono conoscere quanto sangue è stato versato nella nostra terra per le vittime innocenti di mafia. Dimenticare sarebbe un grandissimo errore. Così come non si devono dimenticare le brutture della guerra, sperando di evitare quello che sta accadendo in questi giorni. Non bisogna dimenticare il passato della criminalità organizzata per poter meglio affrontare il presente con maggiore consapevolezza».

LE PAROLE DI EMILIANO - Uniti nel ribadire che la mafia si combatte affermando la centralità del lavoro e dei diritti. È il messaggio che in questo giorno, 21 marzo 2022, Libera Puglia ha voluto affermare in occasione XXVII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Tante le iniziative in tutta la Puglia, tra cui quella nella zona Industriale di Modugno, luogo simbolo del lavoro, in viale Ortensie, organizzata da don Angelo Cassano referente del presidio barese di Libera Puglia.

“Oggi è una giornata di testimonianza in favore di tutti coloro che si impegnano per contrastare la criminalità organizzata e le mafie di tutto il mondo – ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha partecipato questa mattina all’iniziativa -.  Siamo qui oggi davanti ai cancelli di alcune fabbriche in crisi nella zona industriale di Bari, al seguito di Don Angelo Cassano che ha organizzato questa bella giornata, comprendendo, assieme a Libera, che per combattere la mafia bisogna soprattutto assicurare i diritti alle persone. Perché quando i diritti, in particolare quello al lavoro, non sono assicurati, le mafie giocano una partita di manipolazione del consenso ed entrano, se non nel cuore della gente, almeno nel loro bisogno. Quindi la Regione Puglia è al fianco di Libera da sempre, di Don Luigi Ciotti, di tutti i ragazzi e le ragazze che si impegnano quotidianamente su tutto il nostro territorio, assicurando in particolare ai Comuni e a tutte le associazioni pugliesi, il sostegno e l’indirizzo indispensabili per vincere questa battaglia”.

“Oggi, nella Giornata della memoria – ha sottolineato don Angelo Cassano -, è per noi importante simbolicamente leggere i nomi delle oltre mille vittime innocenti di mafia, proprio qui, insieme ai familiari e accanto ai lavoratori, per affermare la centralità del lavoro nella lotta alle mafie. Il tema di quest'anno è ‘Terramia coltura e cultura’ per sottolineare l'impegno dentro le nostre città, nella nostra regione che vive momenti drammatici dal punto di vista delle mafie e della loro evoluzione. Le mafie si sconfiggono con i diritti, con il lavoro e, soprattutto, con l’educazione e la cultura. Quindi noi oggi affermiamo il nostro impegno, anche dopo la visita di Don Luigi Ciotti il 4 marzo scorso, quando ha ascoltato i nostri lavoratori. Sono 39 le vertenze in questo momento. Per sconfiggere le mafie è importante la memoria ma anche arrivare a delle scelte concrete di giustizia: questo - conclude - credo che sia il messaggio che parte di qui, dalla zona industriale di Bari”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725