Sabato 21 Luglio 2018 | 19:19

progetto a bari

«Banca delle visite»
dal medico gratis

Si tratta di una piattaforma web in cui offerta e domanda si incontrano in modo trasparente e limpido, senza applicare al servizio alcuna commissione

banca delle visite

di ANTONELLA FANIZZI

BARI - Al momento il «salvadanaio» racchiude tre mammografie, un pap test, una Tac, tre visite cardiologiche, una visita dermatologica, una visita oculistica e due visite urologiche per gli ammalati che non hanno la possibilità economica di rivolgersi a specialisti a pagamento. È l’ultimo aggiornamento proposto dalla «Banca delle visite», una piattaforma web in cui offerta e domanda si incontrano in modo trasparente e limpido, senza applicare al servizio alcuna commissione. La «Banca delle visite», grazie alle donazioni di privati cittadini e aziende, garantisce ai malati e alle associazioni di volontariato l’accesso gratuito, rivolto ai bisognosi, alle prestazioni sanitarie retribuite dai benefattori.

L’idea è di due giovani imprenditori di Gravina, Giuseppe Lorusso e Angelo Marvulli che, dopo aver creato la startup «ScegliereSalute», un portale web che consente ai cittadini di ogni regione di scegliere e valutare le strutture sanitarie pubbliche e private presenti sul territorio nazionale, ora tendono una mano a chi figura nelle liste d’attesa degli ospedali e a chi rinuncia a curarsi perché non ha soldi. «E se applicassimo il concetto del “caffè sospeso” al pianeta salute? E se al posto del caffè si rendessero disponibili visite e prestazioni sanitarie per chi vive in condizioni di disagio?». È l’intuizione alla base della «Banca delle visite». Spiega Giuseppe Lorusso, una laurea in Economia e gestione dei servizi e delle aziende sanitarie con master in Management sanitario alla Bocconi: «Siamo partiti dall’analisi di alcuni dati. Nel 2016 secondo il Censis ben 11 milioni di italiani non hanno potuto sostenere la spesa necessaria a tutelare la loro salute. Questo progetto nasce quindi dalla volontà di venire incontro alle esigenze di quanti non possono affrontare una visita a pagamento, di quanti non hanno più il tempo di stare dietro alla sanità pubblica, di chi ha bisogno di cure immediate».

Per accedere al servizio bisogna registrarsi sul portale web «ScegliereSalute» e cliccare la voce «Banca delle visite». Sulla pagina c’è uno spazio dedicato a chi vuole sostenere, con una donazione, il progetto e un altro rivolto agli utenti con l’elenco delle prestazioni già retribuite. La Banca contatta il professionista più vicino al domicilio del richiedente.

Questo progetto è una costola del portale «ScegliereSalute», una sorta di «TripAdvisor» della sanità. Da quando è nato, due anni fa, la filosofia è racchiusa nella home page: «Cerca, trova e scegli il medico o il professionista sanitario più adatto alle tue esigenze. Scegli il miglior ospedale sulla base delle esperienze degli altri utenti». Il portale, o la app, consente di accedere a un vasto database con ogni genere di realtà, dai presidi ospedalieri alle case di cura private passando per i centri diagnostici. L’interazione è alla base dell’iniziativa: ogni utente può registrarsi e raccontare la propria esperienza, ma i contributi vengono filtrati e verificati dai gestori. All’interno dell'archivio anche i singoli professionisti (medici, odontoiatri, psicologi, e altri) possono monitorare e confermare la propria identità oltre a seguire in tempo reale l'evoluzione dei giudizi sul loro conto. Ogni ricerca origina una lista di risultati (indirizzo e contatto telefonico), con il posizionamento sulla mappa e un ulteriore sistema di filtraggio delle informazioni raccolte dal sistema. Sceglieresalute.it è anche un’app mobile per device con sistema operativo iOS e Android. Ampio è lo spazio dedicato ai social network, con i profili ufficiali su Facebook, Twitter e Google+, LinkedIn e YouTube.

Il servizio si è arricchito di una novità. Dice Giuseppe Lorusso: «Non ci sono solo recensioni e giudizi, ma anche convenzioni con centri e medici di tutta Italia per favorire lo scambio fra la domanda e l’offerta. I professionisti si iscrivono gratuitamente alla piattaforma e inseriscono la scheda del centro, le prestazioni erogate e i costi. Il paziente naviga sul sito e prenota o acquista on line la visita, beneficiando di uno sconto». In due anni i contatti della startup, il cui 49% è stato acquisito di recente dal gruppo Health Italia, sono stati settemila.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

 
Ristorazione, l'azienda Ladisaconferma trend crescita: +24%

Ristorazione, l'azienda Ladisa conferma trend crescita: +24%

 
Bari, incendio in appartamento:in salvo una donna sul balcone

Bari, fuoco e panico a Japigia. «Tutti fuori»: salva una donna Foto
Vd: le grida d'aiuto e il salvataggio

 
Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

 
Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

 
Bari, Decaro: «In arrivo in città 25 bus nuovi»

Bari, Decaro: «In arrivo in città 25 bus nuovi»

 
Sequestrate a Bari 11 tonnellate di sigarette

Sequestrate a Bari
11 tonnellate di sigarette

 
Calcio, Bari; dipendenti mettono in mora Giancaspro

Calcio, Bari; dipendenti
mettono in mora Giancaspro

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS