Giovedì 15 Novembre 2018 | 16:15

NEWS DALLA SEZIONE

Crisi in Comune
Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

 
L'inchiesta
Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

 
Crisi in Comune
Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

 
A taranto
Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

 
Incidente sul lavoro
Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

Taranto: il cestello della gru si ribalta, precipitano e muoiono due operai

 
Ambiente
Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

 
Furto
Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

 
La vicenda
Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

 
La tragedia in Francia
Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: le sue ceneri sparse in mare

Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: il corpo sarà cremato

 
Pericolo sventato
Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

 
Blitz dei carabinieri
Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

stop uso delle auto proprie

Sos ispettori del lavoro
a Taranto la protesta «silenziosa»

ispettore del lavoro

Un territorio con circa 450.000 abitanti e 28 Comuni oltre al capoluogo, centinaia di chilometri con migliaia di attività economiche: dal 1° novembre di fatto prive di controlli. L’Ispettorato del Lavoro di Taranto, al quale i lavoratori hanno sempre fatto riferimento con fiducia per la tutela della dignità del lavoro quotidiano, ha aderito alla protesta nazionale contro la riforma a metà del settore.

«C’è chi protesta scendendo in piazza e chi, come avviene a Taranto, lo fa con una protesta “silenziosa” ma molto efficace che viene portata avanti nel corso della settimana - si legge in un comunicato -. Mettendo a nudo uno dei (tanti) paradossi della legislazione attuale. Ad esempio: la squadra degli ispettori del lavoro tarantini ha smesso di utilizzare la propria auto per andare a fare i controlli. Il motivo? Protestare, far sentire la propria voce e segnalare (anche) che le regole imposte alle aziende controllate – di fatto – il Ministero del Lavoro non le applica ai propri dipendenti. Paradossale, ma vero: quando utilizzano il proprio automezzo, invece del rimborso con tariffa ACI, ricevono una somma inferiore. Ancora più assurdo: se utilizzano un mezzo pubblico, il biglietto non gli viene rimborsato».

Nel mirino c’è la riforma lasciata a metà dal ministro del Lavoro Poletti, ma questa forma di protesta degli ispettori tarantini porta l’attenzione su di una semplice questione: le regole dei controllati non si applicano ai controllori. Il passaggio delle funzioni, e del personale, dal Ministero del Lavoro all’INL e all’ANPAL è avvenuto in modo parziale, lasciando il personale sia ispettivo che amministrativo senza direttive precise.

I lavoratori dell’Ispettorato di Taranto nel verbale di assemblea del 31 ottobre hanno evidenziato: lo svilimento della funzione ispettiva, del personale amministrativo e dell’area legale e contenzioso, con situazioni impossibili da continuare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400