Martedì 04 Ottobre 2022 | 12:35

In Puglia e Basilicata

Bilancio di Ferragosto

Taranto: «Movida» violenta tra risse e inciviltà in spiaggia

Taranto: «.Movida» violenta tra risse e inciviltà in spiaggia

Rifiuti e accampamenti in spiaggia

Rifiuti e accampamenti nel fine settimana tra il 14 e il 15

17 Agosto 2022

Francesco Casula

TARANTO - Rifiuti, accampamenti e anche una rissa. Un ferragosto di fuoco quello vissuto nella borgata di San Vito a Taranto. Nel week end tra il 14 e il 16 agosto è stata letteralmente presa d’assalto non solo dai soliti improvvisati campeggiatori di viale del Tramonto, ma anche da giovani in preda a eccessi di alcool: due giorni di super lavoro per le forze dell’ordine, ma anche per i cittadini e gli operatori del quartiere. I poliziotti della Squadra Volante sono dovuti intervenire nel pomeriggio del 15 nello stabilimento balneare San Michele dove era appena terminata una rissa: secondo alcuni bagnanti due uomini avevano avuto un’accesa discussione con un uomo che lavora nello stabilimento e avevano dato in escandescenza e solo grazie all’intervento del personale la situazione è tornata alla normalità e i due uomini sono stati allontanati dal lido.

La Polizia Locale ha invece controllato le spiagge di San Vito fino alle 23 del 14 agosto accertando il rispetto delle disposizioni comunali, ma già nelle prime ore del giorno di ferragosto gli agenti sono dovuti intervenire per far smontare una ventina di tende sistemate da chi aveva passato la notte sotto le stelle. Super lavoro anche per gli operatori di Kyma Ambiente che dopo i festeggiamenti hanno dovuto recuperare quintali di rifiuti: «Anche quest’anno – ha spiegato il presidente Gianpiero Mancarelli – ci siamo trovati di fronte a una platea di porci: purtroppo gli incivili hanno costretto i nostri operatori a raccogliere ogni genere di rifiuto, segno di una inciviltà che non merita alcuna comprensione».

«Encomiabile l’impegno delle forze dell’ordine – ha commentato Irene Lamanna, imprenditrice del settore turistico che opera proprio a San Vito – per mantenere un equilibrio soprattutto in viale del Tramonto, ma credo che purtroppo non sia stato sufficiente. Al nostro risveglio ci siamo trovati di fronte uno spettacolo a tratti inquietante: sul litorale e sulle vie traverse alla spiaggia abbiamo ritrovato auto con vetri rotti, altre forzate perché qualcuno ci dormisse all’interno oppure per farci bisogni. Le strade erano impraticabili per la puzza dei rifiuti e alcuni di questi soggetti hanno persino rotto i vasi di fiori per utilizzarli come base per i falò accesi durante la notte. Non solo. Molta gente ubriaca – ha aggiunto Lamanna – si è addormentata per le strade e alcuni cittadini si sono ritrovati persino degli estranei nei giardini: hanno scavalcato le recinzioni per lasciare i loro bisogni nelle proprietà private. Una scena davvero post apocalittica. La speranza è che nei prossimi anni l’amministrazione comunale possa impegnarsi ancora di più per garantire controlli che possano durare tutta la notte e soprattutto possa pensare a farsi organizzatrice di piccole iniziative in sicurezza come i fuochi d’artificio: solo così altri non sentiranno il bisogno di fare da soli generando danni». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725