Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 13:04

NEWS DALLA SEZIONE

In meno di 24 ore
Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

 
Atto vandalico
Taranto, danneggiano il monumento ai caduti: è caccia ai vandali

Taranto, danneggiano il Monumento ai Caduti: è caccia ai vandali

 
Il caso
Taranto, organizzavano rapine in posta e gioiellerie: arrestata banda

Taranto, rapinavano uffici postali e gioiellerie: fermati in due

 
Contestato il piano della Regione
Taranto, inceneritore dell'Amiu: il Comune fa ricorso

Taranto, inceneritore dell'Amiu: il Comune fa ricorso

 
Suicidio sospetto
Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

 
L'episodio
Si lasciano e le porta via il cane: carcere e multa

Si lasciano e le porta via il cane: carcere e multa

 
Dopo appostamento dei cc
Hashish e marijuana nella camera da letto, 3 arresti a Taranto

Hashish e marijuana nella camera da letto, 3 arresti a Taranto

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Manduria
Taranto, nascondeva in casa pistole e munizioni: arrestato

Taranto, nascondeva in casa pistole e munizioni: arrestato

 
Arresti a Taranto
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
Nel Tarantino
Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

 

Martina Franca

Usura, per padre e figlio
confisca beni per 6 milioni

Si tratta di Leonardo e Giancarlo Calabretto, padre e figlio di 79 e 37 anni, titolari di un autosalone di vetture usate. La confisca riguarda 13 fabbricati, 20 appezzamenti di terreno, 3 complessi aziendali, 61 automezzi e 3 motocicli

Finanza

TARANTO - Beni mobili e immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di 6 milioni di euro riconducibili a Leonardo e Giancarlo Calabretto, padre e figlio di 79 e 37 anni, titolari di un autosalone di vetture usate a Martina Franca, sono stati sottoposti a confisca dalla Guardia di finanza nell’ambito di un decreto emesso dalla seconda sezione penale del tribunale di Taranto in applicazione del «Codice Antimafia».

I due uomini furono sottoposti a misure cautelari dalle Fiamme Gialle il 25 luglio 2014 per usura ed estorsione. Secondo l’accusa, avrebbero prestato denaro a persone in difficoltà economica applicando tassi d’interesse fino al 470% annuo. Gli inquirenti hanno rilevato «la sussistenza - è detto in una nota della Guardia di finanza - del presupposto soggettivo della 'pericolosità socialè, richiesto dalla legge per avanzare la proposta di misura di prevenzione.

Altro requisito normativo è la sproporzione dei beni confiscabili nella disponibilità diretta o indiretta dei proposti rispetto al reddito dichiarato». In tale ambito, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno rilevato dal 1986 al 2013 i redditi dichiarati dal nucleo familiare, confrontati con le spese e gli impieghi sostenuti, rilevando "annualmente una determinante sproporzione».

Il decreto di confisca riguarda 13 fabbricati, 20 appezzamenti di terreno, 3 complessi aziendali, 61 automezzi e 3 motocicli, per un valore complessivo di 6 milioni di euro, sequestrati preventivamente nel mese di febbraio del 2015.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400