Giovedì 14 Novembre 2019 | 06:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Cimitero Taranto, vandali in azione nella cappella della Società del mutuo soccorso

Cimitero Taranto, vandali in azione nella cappella della Società del mutuo soccorso

 
Occupazione
Mittal, i sindacati denunciano: «Fatture non saldate, in 50 senza stipendio»

Mittal, i sindacati : «Fatture non saldate, in 50 senza stipendio». Autotrasportatori sospendono servizi

 
Operazione della Polizia
Caporalato, lavoratori sfruttati a Martina: denunciati gestore masserie

Caporalato, lavoratori sfruttati a Martina: denunciati gestori masserie

 
Rione Borgo
Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

 
Dopo ok del Miur
Medicina a Taranto, le lezioni forse ripartono dal 20 novembre

Medicina a Taranto, le lezioni forse ripartono dal 20 novembre

 
L'inchiesta
Sava, anziano disabile vittima di una gang: «Io insultato perchè omosessuale»

Sava, anziano disabile vittima di una gang: «Io insultato perchè omosessuale»

 
L'inchiesta
Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

 
il siderurgico
Conte ai ministri: «Fate proposte per rilanciare tutta Taranto, non solo ex Ilva». Sindacati: sospeso scarico materie prime

Mittal, depositato recesso. Conte diviso su scudo penale con il M5S. Di Maio: chi fa disastri, paga
Nuovo incidente in fabbrica

 
Nel Tarantino
Sava, tormentano disabile per estorcergli denaro: 20 misure cautelari, coinvolti anche minori

Sava, tormentano disabile per estorcergli denaro: 18 arresti, coinvolti anche minori VD

 
nel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
il caso
Taranto, scoperti in carcere droga e un telefonino: 2 denunce

Taranto, scoperti in carcere droga e un telefonino: 2 denunce

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

 
BariOccupazione
Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

 
TarantoIl caso
Cimitero Taranto, vandali in azione nella cappella della Società del mutuo soccorso

Cimitero Taranto, vandali in azione nella cappella della Società del mutuo soccorso

 
PotenzaPetrolio lucano
Bardi: «Con Eni piena condivisione su rinnovo, aiuterà città colpite da maltempo»

Bardi: «Con Eni piena condivisione su rinnovo, aiuterà città colpite da maltempo»

 
MateraIL Quirinale
Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

 
FoggiaIn località Posta Aucello
Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

Cerignola, dopo lite uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si ammazza Foto

 
LecceIl processo
Sogliano Cavour, il pentito accusa ex sindaco: mi diede 30mila € per le elezioni

Sogliano Cavour, il pentito accusa ex sindaco: mi diede 30mila € per le elezioni

 
BrindisiL'arresto
Oria, affidato ai servizi sociali se ne infischia: finisce in cella

Oria, affidato ai servizi sociali se ne infischia: finisce in cella

 

i più letti

Dopo la morte del gruista

Taranto, gru ArcelorMittal: dubbi sulla sicurezza, 10 indagati

Dispositivi anti-uragano emergono altri sospetti. Pochi e non adeguati ma ora l’inchiesta punta sulla documentazione

Taranto, nuovo incidente gru Mittal, nessun ferito

foto di repertorio

TARANTO - Si moltiplicano i dubbi sul numero e sulla efficacia dei dispositivi anti-uragano montati sulle gru utilizzate da ArcelorMittal per lo scarico dei minerali sul quarto sporgente del porto. Dubbi e interrogativi che hanno contrassegnato l'altro giorno lo svolgimento dell’accertamento tecnico irripetibile disposto dalla Procura nell’ambito dell’inchiesta sul tragico incidente costato la vita, lo scorso 10 luglio, al gruista di ArcelorMittal Mimmo Massaro. La vittima stava operando a bordo della macchina scaricatrice Dm5 quando una tempesta di vento e acqua lo ha fatto finire in mare con tutta la gru, rendendo vana la sua corsa in sala argani.

Sotto i riflettori ci sono le due gru - la Dm6 e la Dm8 - rimaste in bilico sul quarto sporgente dopo essere finite addosso alla Dm5 e i rispettivi dispositivi anti-uragano esaminati dal consulente tecnico della Procura Antonio Galati e dai consulenti tecnici di parte Giuseppe Carbone, Luca Tagliente, Maurizio Scudella, Angelo Gentile, Massimo Trotta, Antonio Ficarella, Lorenzo Spinelli e Salvatore Pantone. Stando a quanto si è appreso, sulla Dm6 i due dispositivi antiuragano avrebbero una capacità frenante pari alla metà di quella necessaria mentre sulla Dm8 sono stati trovati 3 dispositivi anti-uragano rispetto ai 4 progettualmente previsti, con un quarto dispositivo rinvenuto invece in un magazzino. Naturalmente occorrerà controllare la documentazione, assente l'altro ieri e chissà se rintracciabile, per capire se i dubbi si trasformeranno in veri e propri elementi probatori, e anche eventualmente a carico di chi.

L’inchiesta per concorso in omicidio colposo e rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro conta dieci indagati, ovvero il datore di lavoro e gestore dello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal Italia Stefan Michel Van Campe, il capo divisione sbarco materie prime Vincenzo Di Gioia, il capo area sbarco materie prime Carmelo Lucca, il capo reparto di esercizio Giuseppe Dinoi, il capoturno esercizio quarto sporgente Domenico Blandamura, il capo squadra esercizio quarto sporgente Stefano Perrone, il capo reparto manutenzione meccanica Mauro Guitto, il capo reparto di manutenzione elettrica Andrea Dinoi, e il capoturno di esercizio al quarto sporgente, Teodoro Zezza, in servizio nel turno precedente a quello nel quale si è verificato l’incidente, e la stessa ArcelorMittal Italia, indagata per l'illecito amministrativo della legge 231 del 2001 che disciplina la responsabilità delle imprese, in ordine all'omicidio colposo.
La vittima è stata ritrovata dal nucleo sommozzatori subacquei dei carabinieri di Pescara soltanto dopo tre giorni di ricerche alle quali hanno partecipato anche la Guardia Costiera e i Vigili del fuoco, con il supporto dello Spesal. Un lavoro di squadra, coordinato dalla Procura, che ha consentito di recuperare il cadavere di Massaro e dare una risposta alla famiglia che aveva fatto appello a tutte le istituzioni per cercare il corpo di Mimmo. Stando a quanto emerso dall’esame eseguito dal medico legale Marcello Chironi, Massaro sarebbe morto per annegamento non essendo la ferita riscontrata alla testa in grado da sola di causarne il decesso.

I dieci indagati avrebbero consentito l’utilizzo di apparecchiature di sollevamento - le gru di banchina - non idonee all’uso da parte dei prestatori di lavoro, omettendo di collocare impianti destinati a prevenire infortuni sul lavoro, ovvero rimuovendoli o danneggiandoli, in tal modo cagionando l’infortunio mortale del lavoratore Mimmo Massaro.
I pubblici ministeri hanno deciso di far svolgere l’accertamento tecnico irripetibile per consentire al consulente, nel pieno contraddittorio delle parti, di ricostruire la dinamica degli eventi (individuandone le relative cause) che hanno determinato la caduta in mare della scaricatrice Dm5, a bordo della quale c'era il gruista Mimmo Massaro, e la traslazione delle gru Dm6 e Dm8. Il consulente dovrà poi accertare le condizioni strutturali e manutentive delle gru in questione al fine di verificare se le stesse esercitassero la loro attività in condizioni di sicurezza così come disposto dalla normativa vigente e e se l'attività lavorativa fosse svolta nel rispetto delle procedure e delle normative in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Un nuovo sopralluogo è in programma martedì 10 quando, anche alla luce della istanza di parziale dissequestro dell'area presentata da ArcelorMittal per ritornare a utilizzo almeno in parte il quarto sporgente, saranno svolte le operazioni di rilievi dimensionali del bulbo delle rotaie delle vie di corsa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie