Giovedì 23 Maggio 2019 | 03:15

NEWS DALLA SEZIONE

Taranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
La morte del 66enne
Manduria, interrogati due minori dei video del pestaggio a sangue

Manduria, interrogati due minori dei video del pestaggio a sangue

 
Il caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
I tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
Nel tarantino
Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

 
Arcelormittal
Ex Ilva, il maxi-altoforno sarà sempre più «verde»

Ex Ilva, il maxi-altoforno sarà sempre più «verde»

 
Stilata dal Sole 24 Ore
Classifica indice salute: Taranto fanalino di coda, Puglia meglio della Basilicata

Classifica indice salute: Taranto fanalino di coda, Puglia meglio della Basilicata

 
Il caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
Il caso
Furti di rame da Ferrovie Sud Est: 5 denunce nel Tarantino

Furti di rame da Ferrovie Sud Est: 5 denunce nel Tarantino

 
L'operazione
Taranto, Guardia Costiera sequestra 3 quintali di cozze pericolose

Taranto, Guardia Costiera sequestra 3 quintali di cozze pericolose

 
Magna Grecia Awards
«Trasmetto ai giovani l'esempio di mio padre»: a Taranto Fiammetta Borsellino

«Trasmetto ai giovani l'esempio di mio padre»: a Taranto Fiammetta Borsellino

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
BariL'enfant prodige
Mola, baby genio a 8 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

Mola, baby genio a 9 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

 
BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

La visita

L’Antimafia a Taranto: «Monitorare gli appalti»

Il presidente Morra: continuiamo a monitorare il sistema degli appalti. Capristo: fronteggiare bande microcriminali

L’Antimafia a Taranto: «Monitorare gli appalti»

TARANTO - «Taranto è una città importante, è una città che merita rispetto e meritano rispetto tutti i soldi pubblici che arrivano alla stessa per diventare diritti e tutele per i cittadini tarantini». A confermare l’attenzione verso il sistema degli appalti e le risorse destinate dal governo per il Contratto istituzionale di sviluppo, le bonifiche, il porto e la città vecchia è stato il senatore Nicola Morra (M5S), a capo della della delegazione della commissione parlamentare antimafia, ieri a Taranto per una serie di audizioni, a partire da quella del procuratore Carlo Capristo, del procuratore aggiunto Maurizio Carbone, del Questore Giuseppe Bellassai, del comandante dei carabinieri Luca Steffensen e del comandante della Guardia di finanza Gianfranco Lucignano.
«Su questi soldi - ha aggiunto Morra - bisogna seguire tutti i processi perchè anche i migliori progetti, portati avanti con le migliori intenzioni, potrebbero essere inficiati da cose strane che permettono infiltrazione della criminalità». Il presidente della Commissione antimafia è andato oltre. «Che io sappia - ha precisato - l’azione dell’Esecutivo è impegnata a fare arrivare in questa città anche ulteriori finanziamenti. Per questo motivo dobbiamo essere ancora più attenti».
Della delegazione di parlamentari, accolta dal prefetto Antonella Bellomo, fanno parte anche i senatori Luigi Vitali (Fi), Teresa Bellanova (Pd) e Marco Pellegrini (M5S) e l’onorevole Paolo Lattanzio (M5S).
Il procuratore Capristo, a quanto si è appreso, ha sostenuto che la situazione non è di emergenza ma occorre tenere alta la guardia. E poi ha evidenziato il lavoro di procura e forze dell’ordine per fronteggiare le bande di microcriminali. Il riferimento è anche al caso del pensionato di Manduria morto dopo essere stato oggetto di una lunga serie di aggressioni e violenze da parte dei bulli.

«L’attenzione verso gli appalti - ha affermato invece la senatrice Bellanova - è un tema per eccellenza. Pensiamo ali interessi rispetto per esempio al settore turistico e alle questioni che si pongono sul credito. Vogliamo ascoltare e capire rispetto all’ultima missione quali sono le differenze, se ci sono delle novità e se ci sono delle criticità sulle quali meglio e più dobbiamo concentrare anche la nostra azione di legislatori»
La Puglia, «così come - ha poi aggiunto il presidente Morra - tutte le altre regioni del territorio meridionale è stata sempre attenzionata. Adesso si è capito che non è sufficiente osservare il sud, le quattro regioni in cui tradizionalmente si allocavano le mafie. Pertanto, l’attività della Commissione riserverà ancor più attenzione ai territori settentrionali che un tempo si consideravano secondari rispetto alla presenza delle mafie». Morra ha parlato della regione Puglia come di un territorio che ha «una prospettiva di allargamento di altri mondi grazie all’apertura e alla globalizzazione dei mercati. Dobbiamo anche tener conto delle realtà geografiche della nostra penisola, degli oltre 400 chilometri di costa che affacciano sull’Adriatico, di fronte al mondo balcanico. Sono chilometri di costa che devono essere monitorati, anche perchè potrebbe esserci un intreccio delle organizzazioni criminali. Per fortuna l’emergenza Sacra Corona Unita non è più rimarchevole come lo era decenni fa». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400