Domenica 17 Febbraio 2019 | 17:05

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Pazienti tavolta non accettati

Stigliano, l'hospice va in tilt
un medico e pochi infermieri

Reparti sguarniti. Medici e infermieri non vogliono andare nel nosocomio distrettuale

Stigliano, l'hospice va in tiltun medico e pochi infermieri

EMILIO SALIERNO

Oltre quella porta di ferro verde c’è l’Hospice oncologico. Di ciò che resta dell’ospedale di Stigliano è sicuramente lo spazio dove meglio puoi renderti conto di che cosa sia una vita che sfuma sotto i colpi di una patologia tumorale. Restano solo le cure palliative e la terapia del dolore, l’affetto di chi ti è vicino e poco altro.

Una signora della provincia materana è qui da sei mesi, giorno e notte, per non allontanarsi dal marito ricoverato.
«A casa non può stare e qui è l’unico posto dove può essere assistito e che mi consente di poter stare insieme a lui. Diversamente non saprei come fare».

L’Hospice è attrezzato per accogliere i familiari. C’è una cucina, la tv, il frigo, un salotto e uno spazio per dormire. Gli ammalati oncologici terminali hanno bisogno non solo delle cure “normali”, ma anche di sentire la vicinanza dei loro cari. È un reparto essenziale, sempre che si voglia attribuire il giusto e il dovuto delle attenzioni anche a chi ha poche speranze di vita. Eppure c’è un solo medico, che è anche il primario, e gli infermieri sono appena sei per coprire tutti i turni. Nel giorno della nostra visita, il medico era assente per malattia. Anche lui ha il diritto di ammalarsi o di andare in ferie, ci mancherebbe, ma il problema è che è da solo. E così non si possono accettare altri pazienti e alcune delle stanze restano vuote, nonostante siano tante le richieste di ricovero. Alla rassegnazione dei parenti dei ricoverati che vivono in prima persona il dramma dei congiunti, sembra aggiungersi quella dei cittadini stiglianesi che assistono impotenti all’agonia dell’ospedale. Uno scoramento che è anche dei volontari dell’Anspi, associazione cattolica. Un bel gruppo in questo reparto, ma una volta.
La riflessione dell’unica volontaria rimasta è amara, ma non polemica: «Forse è proprio questo senso di abbandono che subiamo a Stigliano, per l’ospedale e in genere per altri settori come la viabilità, che ci porta a demotivarci. Ma non dobbiamo farlo perché se ci arrendiamo noi è finita».

Sarà per questo che resta solo la bacheca a testimoniare la bella opera dei volontari, quando l’aria qui era meno triste di quanto dovrebbe.

Questo è l’ospedale che 50 anni fa volle lo stiglianese Salvatore Peragine, presidente della Provincia e poi del Consiglio regionale. Una volta il nosocomio aveva tanti reparti e tanto personale e non era grigio come appare guardandolo dall’alto. Il declino arriva con il Piano nazionale di riorganizzazione sanitaria. Puntare sulle specializzazioni sembrava la soluzione, ma a distanza di anni non si può certo dire che sia stato garantito il dovuto, in investimenti e forza lavoro. La lungodegenza deve arrangiarsi; il Pronto soccorso attivo ha un solo medico di turno (in totale sono cinque che si alternano) e nemmeno un infermiere; il laboratorio di analisi effettua solo i prelievi.

Nello spazio esterno dell’ospedale si avvicina una signora che «piange» il suo ospedale, ricordando i bei tempi: «C’erano pure i giardinieri e questo spazio era verde e pieno di fiori. Le frane si portano via tutto, le strade, le case e la volontà di assicurare ciò che merita la gente che qui vuole restare e vivere dignitosamente».

E l’isolamento si porta via anche medici e infermieri. A confermarlo è il direttore generale dell’Asm, Piero Quinto: «Non trovo medici da mandare a Stigliano. Scarseggiano gli specialisti, sono pochi rispetto al fabbisogno. C’è una evidente difficoltà a reclutarli già nei centri più grandi come Matera, come è noto, immaginate nelle realtà periferiche. E ci sono richieste di trasferimento da Stigliano su cui io, non a caso, fornisco parere negativo. Comunque abbiamo già assegnato a Stigliano due operatori socio sanitari, che pare abbiano accettato la destinazione, e ho un impegno con il sindaco di Stigliano per garantire all’ospedale un tecnico di radiologia e un altro di laboratorio, appena chiuso il concorso relativo a queste figure. Non di rado - aggiunge Quinto - anche gli infermieri chiamati a sostituire i colleghi dicono di no quando sanno che devono andare a Stigliano, tanto che siamo costretti a obbligarli dicendo che se rinunciano decadono sino al punto da “bruciare” le graduatorie stesse».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400