Giovedì 13 Agosto 2020 | 10:54

NEWS DALLA SEZIONE

IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariFASE 3
Ruvo, la protesta di 9 turisti rientrati da Creta

Ruvo, la protesta di 9 turisti rientrati da Creta: «Obbligati all'isolamento, ma sull'isola era tutto tranquillo»

 
Leccel'arrivo
Porto Selvaggio, i migranti sono avvocati, ingegneri e architetti

Porto Selvaggio, i migranti sbarcati sono avvocati, ingegneri e architetti

 
Foggianel foggiano
Vieste, «Dammi i soldi o ti squarcio la macchina»: parcheggiatore abusivo in carcere

Vieste, «Dammi i soldi o ti squarcio la macchina»: parcheggiatore abusivo in carcere

 
TarantoOrgoglio tarantino
Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 100 rana

Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 50 rana

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

frane e alluvioni

Basilicata in ritardo
sui fondi anti-dissesto

Presentati 550 progetti, ma la fase istruttoria va a rilento

Basilicata in ritardo sui fondi anti-dissesto

PIERO MIOLLA

«Il ministro Galletti dice che siamo in ritardo come Regione nella predisposizione dei progetti sul dissesto idrogeologico? È vero, ma ho preferito rimandare di qualche mese l’approvazione degli elaborati per fare chiarezza su tutti quelli presentati, che sono stati 550». L’assessore regionale alle Infrastrutture, Nicola Benedetto, conferma che la nostra regione è, insieme alla Campania, in ritardo nella prima fase istruttoria di condivisione dell’elenco definitivo degli interventi da finanziare.

Assessore, si parla un giorno sì e l’altro pure di Basilicata a rischio dissesto idrogeologico e poi si scopre che la Regione non ha ancora completato l’elenco degli interventi da finanziare. Come mai?

«Partiamo dal fatto che il sottoscritto è assessore da circa un anno. Quando sono stato nominato mi sono trovato 550 progetti candidati a finanziamento redatti dai comuni lucani. Alcuni di questi, già a prima vista, mi hanno insospettito per incompletezza o eccessiva richiesta di fondi. Faccio un esempio. Pisticci nel 2012 vide polverizzati circa mille ettari di vegetazione a causa di un incendio molto esteso. La vecchia Giunta, quella del sindaco Vito Di Trani, presentò un progetto di rimboschimento e di canalizzazione delle acque per ben 44 milioni di euro. Abbiamo spulciato in quel progetto e ci siamo resi conto che non aveva senso stanziare quella somma per quel tipo di interventi».

Insomma, ci ha voluto vedere chiaro, anche a costo di ritardare la conclusione della fase istruttoria. Non teme di perdere, così, i finanziamenti?

«Era necessario addentarsi nei progetti perché, in caso contrario, determinati elaborati meritevoli di accoglimento sarebbero stati, invece, esclusi. Quando, e parlo di fine settembre, le schede saranno pronte e verrà redatta una graduatoria definitiva di quelle da candidare a finanziamento, credo che il nostro fabbisogno sarà ben superiore ai 9 miliardi di euro che Galletti ha ricordato essere stati stanziati a livello nazionale. Non perderemo i finanziamenti, ma, anzi, riusciremo ad avere fondi per le questioni più urgenti. In primis la frana di Stigliano. A seguire, per le barriere soffolte necessarie per contrastare l’erosione sulla costa jonica. Tornando a Pisticci, poi, sicuramente verrà finanziato il progetto per il rione Scerra e così via, senza dimenticare la frana di Montescaglioso e altri interventi».

Lei ci vuole rassicurare che l’assessorato alle Infrastrutture lavora alacremente, a dispetto delle impressioni?

«Confermo che stiamo lavorando con i tecnici: siamo una delle poche regioni d’Italia, se non l’unica, che ha messo su una vera e propria task force per valutare i progetti e stilare una graduatoria che sia il più possibile conforme alle reali emergenze e necessità per far sì che i fondi, cioè denaro pubblico, non vengano sprecati. Posso dire che, quando si tratta di soldi miei, forse, qualche spreco me lo concedo. Ma quando i soldi sono dei cittadini si può star sicuri che il sottoscritto non li sprecherà», ha concluso Benedetto, augurandosi che «dopo la predisposizione della graduatoria non si verifichino tragedie o nuove emergenze». Altrimenti, par di capire, l’elenco verrebbe stravolto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie