Martedì 19 Marzo 2019 | 02:27

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

rassicurazioni

Il Centro oli di Viggiano
sotto il controllo
dalla Regione Basilicata e Ispra

centro oli Eni Viggiano

POTENZA - Il Centro Oli di Viggiano (Potenza) dell’Eni è diventato, in particolare dal punto di vista ambientale, un impianto di rilevanza nazionale e il suo funzionamento sarà controllato dalla Regione Basilicata e soprattutto dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale). Lo ha annunciato nel pomeriggio, a Potenza, il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd), incontrando i giornalisti per fare il punto sulle attività avviate nell’impianto dopo la sospensione, decisa il 15 aprile scorso dalla Giunta regionale, in seguito al ritrovamento, fuori dal recinto del Cova, di petrolio.
La rilevanza nazionale del Centro Oli, certificata nei giorni scorsi in una riunione svoltasi a Roma con lo stesso Ispra e con alcuni Ministeri, fa intervenire sull'impianto tutto il sistema nazionale di protezione ambientale.

Pittella e l’assessore regionale all’ambiente, Francesco Pietrantuono, hanno spiegato che l’Eni sta lavorando per attuare le prescrizioni indicate dalla Regione nella delibera di sospensione dell’attività del Centro Oli in vista della sua riapertura. La sospensione stabilita dalla Regione è di 90 giorni: l’Eni avrebbe completato la realizzazione del sottofondo di un altro dei quattro serbatoi dell’impianto. Due serbatoi sono il minimo per riprendere la produzione (al Cova di Viggiano vengono trattati ogni giorno decine di migliaia di barili di petrolio estratti dai giacimenti della Val d’Agri): «Quando la messa in sicurezza dell’impianto - ha detto Pittella - sarà stata certificata e, in parallelo, saranno andati avanti il piano di caratterizzazione e la verifica completa sul funzionamento del Centro, vedremo se la produzione potrà riprendere». Il governatore, infine, ha reso noto che nel fiume Agri e nella diga del Pertusillo non sono state trovate tracce di contaminazione da petrolio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400