Venerdì 14 Agosto 2020 | 02:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

 
Il virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
L'ESTATE DEL COVID
Matera, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

Basilicata, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

 
IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, un altro giorno di rinvii

Bari, un altro giorno di rinvii: torna in quota solo il ds Scala

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariViolenza domestica
Bari, botte e offese alla moglie: allontanato e denunciato

Bari, botte e offese alla moglie: allontanato e denunciato

 
TarantoIl caso
Acqua a Taranto, Autorità bacino: ok a più metri cubi per irrigare

Acqua a Taranto, Autorità bacino: ok a più metri cubi per irrigare

 
BatIl caso
Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

 
BrindisiIl ritrovamento
Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

 
PotenzaIl virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
LecceLa curiosità
Lecce, strombazzano il clacson in piazza Sant'Oronzo: multata coppia di neosposi

Lecce, strombazzano il clacson in piazza Sant'Oronzo: multata coppia di neosposi

 

i più letti

Genzano

L’Arpab assolve il Basentello
«Pesci sterminati da un virus»

L’Arpab assolve il Basentello «Pesci sterminati da un virus»

di Pino Perciante

GENZANO - Prende corpo l’ipotesi che a causare la morte di migliaia di carpe nel Basentello sia stato un virus. I risultati delle analisi sui resti dei pesci arriveranno martedì, ma i tecnici dell’istituto di zooprofilassi di Puglia e Basilicata avanzano l’ipotesi che la moria sia colpa di un’infezione.

«Da quello che sappiamo fino ad ora – spiegano dall’istituto - non ci sono plausibili sospetti che la moria possa essere causata da un inquinamento, visto che le verifiche eseguite dall’Arpab non hanno rilevato tracce di contaminazione nelle acque della diga. Inoltre, ad essere colpita è stata una sola specie e gli esemplari sono tutti della stessa dimensione e in piena fase riproduttiva».

Da qui il convincimento che ad uccidere i pesci sia stata una malattia virale. Per saperlo con certezza bisognerà attendere i risultati delle analisi che dovrebbero arrivare martedì prossimo dal centro di referenza di Padova. I test di laboratorio, infatti, sono ancora in corso. Vere e proprie autopsie per accertare la presenza di sostanze tossiche come ad esempio metalli pesanti o policloruri bifenili (oli industrali), anche se i resti dei pesci sono arrivati in avanzato stato di decomposizione.

L’Arpab dice che le acque della diga del Basentello non sono inquinate. L’agenzia per la protezione dell’ambiente ha comunicato ufficialmente che «tutti i parametri chimici determinati sul campione di acqua prelevato non hanno evidenziato situazioni di potenziale contaminazione, tali da poter essere responsabili della moria di pesci». La nota è firmata da Adele Camardese, dirigente dell’ufficio risorse idriche dell’agenzia regionale. Si riferisce ai campionamenti effettuati il 19 aprile scorso. La palla è passata quindi all’istituto zooprofilattico di Puglia e Basilicata che sta effettuando verifiche sui resti dei pesci. I risultati attesi per il due maggio dovrebbero chiarire finalmente le cause della moria. Poiché ad essere stata colpita è una sola specie l’ipotesi è che ad uccidere sia stato un virus. Ma anche il caldo degli ultimi giorni potrebbe avere le sue responsabilità. Intanto, a giorni si attendono anche gli esiti dei campionamenti fatti dall’Arpa Puglia. In questa incertezza resta ancora in vigore l’ordinanza del sindaco di Genzano, Rocco Cancellara, che vieta la pesca e l’utilizzo dell’invaso per l’abbeveramento degli animali. Nelle prossime ore si spera la situazione dovrebbe essere più chiara.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie