Lunedì 08 Agosto 2022 | 06:32

In Puglia e Basilicata

Nel Potentino

Marsiconuovo, a spasso nei boschi nel sentiero scandito dalle canzoni dello Zecchino d'Oro

Marsiconuovo, a spasso nei boschi nel sentiero scandito dalle canzoni dello Zecchino d'Oro

Da Popoff a Il Valzer del Moscerino, un ricordo della storica direttrice del coro Mariele Ventre

21 Luglio 2022

Massimo Brancati

Il coccodrillo come fa? Per saperlo vai dritto e poi a destra. E le tagliatelle di nonna Pina? Non saranno di nonna Pina, ma se vai più avanti trovi un piatto che ci assomiglia molto. Tra Marsiconuovo e Sasso di Castalda c’è un sentiero naturalistico, inaugurato la scorsa settimana, lungo poco più di 2 chilometri, con una percorrenza media di 3 ore e mezza, che ha quattro direttrici dai nomi molto singolari e che tutti riconoscono: tratto Valzer del moscerino, tratto Popoff, tratto Quarantaquattro gatti, tratto Il coccodrillo come fa? Sono le canzoni più note dello Zecchino d’Oro del tempo di Mariele Ventre la mitica fondatrice del Piccolo Coro Antoniano, nata da papà Livio e mamma Maria, originari di Marsico e Sasso. Ad inaugurare il sentiero sono venuti la sorella di Mariele, Maria Antonietta, che è la presidente della Fondazione dedicata alla nota animatrice dello Zecchino insieme al Coro dei «Vecchioni di Mariele» (suoi coristi dagli anni ’60 agli anni ’90, gli ex bambini dello Zecchino d’Oro, oggi appunto «vecchioni», perché hanno tra i 30 e i 40 anni).

Il percorso naturalistico all’interno del Parco nazionale Appennino Lucano rinsalda ulteriormente i legami storici, culturali e familiari della comunità di Sasso di Castalda con la Comunità di Marsico Nuovo nel nome di Mariele. Tutta la sua vita - costellata da numerosi riconoscimenti in Italia e all'estero – è stata dedicata alla musica ed ai più piccoli. Splendida figura di artista e di educatrice cristiana, come l'ha definita il Cardinale Arcivescovo di Bologna Giacomo Biffi, Mariele Ventre muore dopo lunga malattia a Bologna il 16 dicembre 1995, venti giorni dopo aver diretto la trentottesima edizione dello Zecchino d'Oro. Mariele Ventre per decenni ha incarnato quegli ideali etici e pedagogici che l'Antoniano ha posto a fondamento delle sue attività musicali, ricreative e sociali per i più piccoli. lle doti indiscusse di grande musicista e di educatrice, la cui fama ha varcato ben presto i confini nazionali, Mariele univa certe caratteristiche del suo temperamento - lo sguardo magnetico, il piglio dolce e autorevole, il rigore, la tenacia, il valore del sacrificio e la capacità di saper apprezzare le piccole cose della vita - uniti ad una fede radicata e vissuta che l'hanno resa straordinariamente popolare e vicina al cuore della gente. il Sindaco di Sasso di Castalda Rocchino Nardo e il suo collega di Marsico Nuovo Massimo Macchia sono convinti che la tre giorni dedicata a Mariele con lo spettacolo donato dal coro «I Vecchioni» intervallato da un documentario sulla vita di Mariele avrà un futuro. Intanto il richiamo degli appassionati del trekking che già vengono numerosi per il Ponte alla Luna e hanno un motivo in più per fermarsi nel Parco. Inoltre si lavora ad un progetto per far diventare la casa della famiglia Ventre donata al Comune di Sasso, in fase di restauro, «Casa della Musica» avviando una serie di attività artistiche e di specializzazione dei giovanissimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725