Lunedì 08 Agosto 2022 | 09:55

In Puglia e Basilicata

Il caso

Pagamento elettronico, in Basilicata c'è la «rivolta» dei tabaccai

Pagamento elettronico, in Basilicata c'è la «rivolta» dei tabaccai

Secondo la categoria «Le commissioni bancarie erodono i nostri già risicati guadagni»

02 Luglio 2022

Massimo Brancati

POTENZA - Negozi, imprese e professionisti che non accettano pagamenti con bancomat e carte di credito vanno incontro a una sanzione di 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento. Da giovedì scorso è scattato l’obbligo previsto dal Decreto legge 36 del 30 aprile 2022 del Consiglio dei ministri.

La novità riguarda, in particolare, artigiani come falegnami, fabbri e idraulici, ristoratori e baristi, negozianti e ambulanti, notai, avvocati, ingegneri, geometri, commercialisti, medici, consulenti del lavoro, dentisti e professionisti in genere, ma...

CONTINUA A LEGGERE SULL'EDIZIONE CARTACEA O SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725