Giovedì 29 Settembre 2022 | 19:45

In Puglia e Basilicata

L'appello

I sindacati lucani, chiedono nelle ore più calde lo stop al lavoro nei campi

Nardò, stop al lavoro dei braccianti nei campi se fa troppo caldo

La richiesta al presidente della regione Basilicata sulla scorta di quanto già deciso in Puglia

22 Giugno 2022

Redazione online

POTENZA - «Il grande caldo arrivato già questo mese di giugno, impone un intervento delle istituzioni circa la regolamentazione del lavoro nei campi. Sulla scorta di quanto ordinato dalla Regione Puglia, chiediamo al presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, di emanare un’ordinanza che vieti il lavoro nei campi dalle ore 12:30 alle 16, ritenute le ore più calde della giornata».

È l’appello, lanciato in una nota congiunta, dai segretari generali Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil Basilicata, Vincenzo Esposito, Giuseppe Romano e Gerardo Nardiello. «L'intervento - hanno sottolineato i rappresentanti sindacali - si rende necessario per evitare incidenti sul luogo di lavoro, come purtroppo le cronache spesso ci consegnano. In caso di allerta meteo, come sono anche le ondate di calore, il contratto collettivo nazionale del settore prevede, tra l’altro, la retribuzione delle ore non lavorate. Ciò a maggiore tutela di tutta la platea dei lavoratori e delle lavoratrici. Chiediamo pertanto al presidente Bardi - hanno concluso Esposito, Romano e Nardiello - di intervenire con tempestività».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725