Giovedì 18 Agosto 2022 | 10:57

In Puglia e Basilicata

Petrolio

Viggiano, sindacati Centro olio: «Regione solleciti confronto con Eni»

centro olio Eni Viggiano

Prima giornata di mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil

31 Marzo 2021

Redazione online

POTENZA -  La Regione Basilicata «si faccia promotrice da subito di un tavolo di confronto con i vertici dell’azienda»: è la richiesta dei lavoratori del Centro Olio di Viggiano dell’Eni. Dalla Val d’Agri oggi è cominciata la mobilitazione organizzata da Cgil, Cisl e UIl, «con una grande partecipazione di lavoratrici e lavoratori, nel rispetto delle misure di sicurezza».

Il dialogo - secondo i sindacati lucani - è «quanto mai necessario con le società petrolifere per definire un piano strategico sull'energia che guardi alla sostenibilità ambientale e ad una transizione ecologica efficiente per mantenere i livelli occupazionali in una marcata ottica di sviluppo dell’economia regionale».

I segretari regionali - Angelo Summa (Cgil), Enrico Gambardella (Cisl) e Vincenzo Tortorelli (Uil) - hanno messo in evidenza «la necessità di assicurare nel pieno rispetto della legalità un punto di stabilità tra petrolio, tutela della salute e difesa dell’ambiente». La decisione «condivisa da sindacati e lavoratori va nella direzione di istituire al più presto un presidio permanente davanti la Giunta regionale di Via Verrastro a Potenza».

La mobilitazione «continuerà - è specificato in un comunicato congiunto di Cgil, Cisl e Uil - nelle prossime settimane in tutta la regione con assemblee e riunioni in tutti i comuni e i luoghi di lavoro della regione, coinvolgendo il mondo del lavoro che dalla Regione Basilicata attende risposte, ormai, in un silenzio che si è fatto assordante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725