Giovedì 29 Ottobre 2020 | 10:06

NEWS DALLA SEZIONE

Emergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
La curiosità
Otto paesi della Basilicata con più residenti all’estero

Otto paesi della Basilicata con più residenti all’estero

 
Solidarietà
Potenza, il cibo rimasto invenduto alla chiusura delle 18 donato a chi ne ha bisogno

Potenza, il cibo rimasto invenduto alla chiusura delle 18 donato a chi ne ha bisogno VD

 
dati regionali
Covid, in Basilicata curva contagi in crescita: 161 nuovi positivi (38 pugliesi) e 1451 tamponiBardi: «Numeri sotto controllo»

Covid Basilicata sale curva contagi: +161 positivi (38 pugliesi) e 3 decessi
Bardi: «Numeri sotto controllo»

 
la protesta
Covid e Dpcm, Uncem Basilicata: «Aree montane gravemente penalizzate»

Covid e Dpcm, Uncem Basilicata: «Aree montane gravemente penalizzate»

 
Il caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
Il provvedimento
Basilicata, in arrivo fondi per pagare gli affitti destinati a famiglie in difficoltà

Basilicata, in arrivo fondi per pagare gli affitti destinati a famiglie in difficoltà

 
Controlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
serie C
Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

 
Il bilancio Cisl
Reddito cittadinanza, in Basilicata accolte oltre 13mila domande

Reddito cittadinanza, in Basilicata accolte oltre 13mila domande

 
Agricoltura
Basilicata, diga del Rendina: «Risorsa per agricoltori Alto Bradano»

Basilicata, diga del Rendina: «Risorsa per agricoltori Alto Bradano»

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

 
LecceGiustizia e Covid
Lecce, l'avvocato Vergine: «Si sospendano le udienze»

Lecce, l'avvocato Vergine: «Si sospendano le udienze»

 
BrindisiCapitaneria
Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

 
MateraNel Materano
Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

 
Barinel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

i più letti

Corte dei Conti

Potenza, un danno da mezzo milione all'Istituto Zooprofilattico

Continue proroghe ai fornitori di software, in Appello la condanna trova conferma, ma la somma si dimezza

Potenza, un danno da mezzo milione all'Istituto Zooprofilattico

Condanna dimezzata, ma pur sempre condanna. La sezione di appello della Corte dei Conti ha riconosciuto che i due ex presidenti dell’Istituto Zooprofilattico di Puglia e Basilicata (il potentino Felice Scarano e Giuseppe Valerio) e tre dirigenti (Rosanna Terlizzi, Doriano Chiocco e Angelo Miano) sono responsabili di danno erariale, ma ha ridotto l’importo da pagare da un milione a 500mila euro.

Il che vale a dire che aver concesso continue proroghe ad una società di servizi informatici di Foggia per la gestione dell’«Anagrafe e movimentazioni animali da allevamento» e dell’«Osservatorio epidemiologico veterinario regionale», nonostante le rispettive convenzioni quinquennali, fossero scadute del settembre 1998 e del febbraio 2000, ha prodotto un danno alle casse pubbliche.
Un milione di euro, aveva detto la Corte dei Conti territoriale, la metà, ha sentenziato la sezione di appello riconoscendo la sussistenza dei rilievi fatti dalla procura contabile ma valutando diversamente l’utile avuto dall’Istituto per aver beneficiato del servizio e riducendo, in modo conseguenziale, la condanna che già il primo collegio aveva determinato in via equitativa tenendo conto dell’importanza di aver proseguito il servizio, a prescindere dalla legittimità dell’affidamento per oltre 15 anni dalla scadenza delle convenzioni.

Il caso, infatti, emerse nel 2015 con una segnalazione dei nuovi vertici dell’Istituto appena insediatisi.
Dagli approfondimenti eseguiti dai militari del Nucleo di polizia economico finanziaria di Foggia, dove è situata la sede centrale dell’Istituto, è emerso che nel dicembre 1997 l’Ente aveva stipulato una convenzione con una società di informatica per l’affidamento diretto del servizio di “Anagrafe e movimentazione animali da allevamento”, quantificando il costo complessivo in 714 milioni di lire per la cessione del software applicativo, e in 536 milioni di lire annui per la relativa manutenzione e gestione della banca dati. Quanto alla costituzione e gestione dell’“Osservatorio epidemiologico veterinario regionale”, aveva stipulato una convenzione con la medesima società affidandole il servizio per circa 836 milioni di lire per la cessione del software, e circa 447 milioni di lire annui per la relativa manutenzione e gestione della banca dati. Contratti che, per quel che riguarda la manutenzione e la gestione, nel periodo 2006–2014 sarebbero stati poi rinnovati annualmente con determinazioni dirigenziali al costo complessivo di circa 494 mila euro all’anno.
Una somma ben più importante di quella che si sarebbe speso dal 2015 in poi: i nuovi vertici, infatti, ritenendo il software costoso e obsoleto, ne acquistarono uno più performante per 335mila euro e decisero di internalizzarne la manutenzione e la gestione assumendo due tecnici informatici con una spesa annua di 78mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie