Martedì 07 Luglio 2020 | 18:50

NEWS DALLA SEZIONE

per 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Randagismo
Potenza, adotti Fido e gli dai un tetto? Meno tasse e una card-bonus

Potenza, adotti Fido e gli dai un tetto? Meno tasse e una card-bonus

 
Giustizia
Potenza, processo Eni. Chieste condanna per 112 anni e sequestri per 150 milioni

Potenza, processo Eni: chieste condanne per 112 anni e sequestri per 150 milioni

 
L'intervista
Basilicata, strutture ricettive lucane a giugno occupate al 50%

Basilicata, strutture ricettive lucane a giugno occupate al 50%

 
Sanità
Potenza, il gioco dell'oca delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

Potenza, il «gioco dell'oca» delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

 
Temporali
Maltempo, 9 allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco

Maltempo, allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco a lavoro

 
Controlli della polizia
Potenza, spaccia nel parco e scappa alla vista della polizia: arrestato 20enne

Potenza, spaccia nel parco e scappa alla vista della polizia: arrestato 20enne

 
Sanità
Potenza, visite ed esami arretrati: smaltiteli in 30 giorni

Potenza, visite ed esami arretrati: smaltiteli in 30 giorni

 
Viabilità
Potenza, raccordo autostradale. Slitta la fine dei lavori

Potenza, raccordo autostradale: slitta la fine dei lavori

 
sicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
beni culturali
Potenza, lunedì riapre Biblioteca nazionale e provinciale con alcune limitazioni

Potenza, lunedì riapre Biblioteca nazionale e provinciale con alcune limitazioni

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Violenza

Potenza, vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

Nel 2013 picchiarono il figlio e furono denunciati. Ora si scagliano contro il padre

Potenza, la vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

Il luogo dell'aggressione

POTENZA - Una vendetta consumata sette anni dopo. Volevano fargli pagare la denuncia che costò loro l’affidamento ai servizi sociali quand’erano adolescenti. In tre lo hanno aspettato nei pressi di una pizzeria, nel palazzo Ovs di Potenza, per malmenarlo, rubargli il borsellino, un mazzo di chiavi e distruggergli il cellulare. L’uomo, però, ha fatto in tempo a chiamare il 113 prima che il telefonino fosse messo fuori uso. Il fatto è accaduto sabato sera, intorno alle 20.15.

La vittima è finita in ospedale con un trauma cranico e sono subito scattate le indagini della Polizia per identificare i responsabili fuggiti dopo il pestaggio. Alla scena avrebbero assistito diversi testimoni, tra cui anche un parente dell’uomo. Subito dopo l’accaduto è arrivata anche la moglie che è stata testimone di un’altra scena: l’arrivo di un noto avvocato della città con uno dei ragazzi che avrebbe partecipato all’agguato. «Appena giunto - racconta la donna - ha gettato un mazzo di chiavi nell’auto di mio marito, una Smart, che era stata danneggiata dagli stessi aggressori». Particolare che sicuramente sarà al vaglio degli investigatori. Sempre la donna rileva come il marito abbia tentato di rintanarsi nella pizzeria, ma ha trovato la porta chiusa.

Ma cosa ha scatenato la furia dei ragazzi, poco più che ventenni? Dicevamo di una vicenda che risale a sette anni. Era luglio 2013 quando il figlio della persona aggredita venne picchiato selvaggiamente proprio dai ragazzi protagonisti dell’aggressione di sabato scorso. Erano tutti minorenni. La Gazzetta si occupò di quella storia e dalla cronaca dell’epoca ricordiamo lo storyboard. Teatro della violenza un vicolo alle spalle delle poste centrali, nel centro storico di Potenza.

Fu l’azione di una vera e propria baby gang costituita da nove giovanissimi tra i 14 e i 16 anni, denunciati dalla Polizia. Tutto partì da una incomprensione. Il messaggio su Facebook inviato da una ragazzina a un suo amico scatenò la furia del fidanzato geloso. Ma, come spiegò alla Polizia la stessa ragazza contesa, si trattò di un equivoco. E dopo il pestaggio scattarono le intimidazioni. Raccontò una testimone: «Chiamammo l’aggressore affinché risarcisse il telefonino danneggiato durante il pestaggio. Ricordo che rispose di non avere i soldi». A quel punto il ragazzo picchiato gli rappresentò la possibilità di una denuncia. «E lui rispose - racconta la testimone - “denunciami e poi te la vedrai con me”».

Schiaffi, strattoni e calci furono descritti da tutti i presenti. Ma fu la vittima a descrivere con precisione quegli istanti, assegnando a ciascuno degli aggressori un ruolo. C’è chi gli impose di seguirlo in un luogo appartato, chi lo trattenne fisicamente, chi gli impedì la fuga, chi lo pestò a sangue, chi tenne a distanza la fidanzata e le amiche, chi lo sbatté con violenza alle inferriate della recinzione di un condominio. La vittima ricordò tutti, nomi e volti che gli rimasero impressi non esitando di riferire alla Polizia i dettagli dell’accaduto: «Io ero solo, loro in nove».

L’intenzione era quella di mettersi alle spalle quella brutta vicenda vissuta da adolescente. Ma in tutti questi anni, evidentemente, qualcuno ha covato odio, rancore e spirito vendicativo. Con la differenza che allora si trattava di minorenni. Oggi potrebbero aprirsi le porte del carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie