Giovedì 24 Settembre 2020 | 04:42

NEWS DALLA SEZIONE

la sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
la scoperta
Melfi, telefonini entrano nel carcere in un forma di formaggio

Melfi, telefonini entrano nel carcere in una forma di formaggio

 
Agricoltura
Basilicata, fondi Ue: da Regione 1,7 mln per agriturismi colpiti da crisi Covid

Basilicata, fondi Ue: da Regione 1,7 mln per agriturismi colpiti da crisi Covid

 
Il bollettino Covid
Basilicata, altri 17 contagi su 569 tamponi: il caso di Aql e delle scuole di Anzi

Basilicata, altri 17 contagi su 569 tamponi: il caso di Aql e delle scuole di Anzi

 
Un positivo
Potenza, chiusi per Covid anche gli uffici di Acquedotto lucano

Potenza, chiusi per Covid anche gli uffici di Acquedotto lucano

 
L'emergenza in Basilicata
Potenza, Poliambulatorio chiuso per Covid. Anzi, le scuole non riaprono: rischio focolaio dopo gita

Potenza, Poliambulatorio chiuso per Covid. Anzi, le scuole non riaprono: rischio focolaio dopo gita

 
incidente stradale
Potenza, auto contro il guardrail sul raccordo autostradale

Potenza, auto contro il guardrail sul raccordo autostradale

 
Caso nel Potentino
Basilicata, a Carbone il sindaco «sconosciuto»: eletto con altri che nessuno ha mai visto. «Mi dimetterò»

Basilicata, a Carbone il sindaco che nessuno ha mai visto: eletto con altri «sconosciuti». «Mi dimetterò»

 
Nel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
maltrattamenti in famiglia
Barile, blocca in casa convivente e figlio: arrestato 27enne romeno

Barile, blocca in casa convivente e figlio: arrestato 27enne romeno

 
dati regionali
Coronavirus in Basilicata, 14 tamponi positivi su 577: 11 i pazienti ricoverati

Coronavirus in Basilicata, 14 tamponi positivi su 577: 11 i pazienti ricoverati

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

Batpost voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Tarantola vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
Foggiaemergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Potenzala sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
Leccela svolta
Lecce, duplice omicidio, sospettato in Procura: è un 37enne di Aradeo

Lecce, duplice omicidio, interrogato sospettato: la Procura smentisce
Autopsia: «Ferocia omicida su donna»

 
BariAvvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

petrolio

Tempa Rossa, dopo un anno l'impianto d'estrazione del Potentino torna operativo

Prove di estrazione: si riprende con un'esercitazione di evacuazione del sito

Tempa Rossa, dopo un anno l'impianto d'estrazione del Potentino torna operativo

foto Tony Vece

Tempa Rossa riaccende i motori. Dopo un anno e tre mesi di stop, ieri mattina, con un’esercitazione di evacuazione dall’impianto, sono riprese le prove di estrazione nel Centro olio della Total. Il tutto a seguito del via libera dell’Ufficio nazionale minerario (Unmig), successivo alla verifica del rispetto delle prescrizioni impartite dalla Regione e all’accordo per lo sviluppo sostenibile approvato recentemente dall’esecutivo regionale. Le prove di estrazione erano state interrotte a settembre del 2018 (pochi giorni dopo che erano state avviate) per la mancanza di alcune autorizzazioni. Da dire che in tutto questo tempo si sono susseguite una serie di riunioni ed incontri sino all’accordo finale, siglato il 27 novembre scorso, che ha dato il via libera definitivo alle estrazioni. E così ieri mattina il greggio ha cominciato materialmente a fluire nelle condotte per arrivare fino al Centro olio. Per adesso la cosiddetta fase di oil–in riguarda solo il pozzo Gorgoglione 1 (Gg1) che si trova a poche centinaia di metri dallo stabilimento petrolifero, ma presto si estenderà anche agli altri cinque pozzi. Secondo la compagnia petrolifera francese (che detiene il 50 per cento della concessione Gorgoglione, mentre la restante metà è divisa tra l’olandese Shell e la giapponese Mitsui) le prove di estrazione dovrebbero durare da un minimo di 39 ad un massimo di 102 giorni. Poi l’impianto sarà pronto per partire con la produzione vera e propria (presumibilmente in primavera).

A regime saranno estratti circa 50 mila barili di petrolio al giorno. Il greggio poi viaggerà verso la raffineria Eni di Taranto, sfruttando lo stesso oleodotto utilizzato dal Centro olio di Viggiano. In conclusione ora, secondo la Regione, tutto l’incartamento è a posto. O meglio tutte le prescrizioni sono state rispettate, vale a dire gli obblighi imposti a Total sono stati adempiuti colmando quelle mancanze che avevano portato un anno fa al blocco delle prove di estrazione deciso dalla stessa Regione. Così recita la delibera della giunta pubblicata sull’albo pretorio. Ma quali sono questi obblighi? Innanzitutto il progetto di monitoraggio ambientale: l’Ispra, l’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, lo ha esaminato solo a settembre perché la convezione con la Regione era scaduta l’anno prima ed è stata rinnovata nello scorso mese di luglio. Poi c’è il piano di monitoraggio sismico validato dall’Ingv, l’Istituto di geofisica e vulcanologia, e ancora il protocollo d’intesa tra prefettura e Regione per la gestione di situazioni di emergenza . Infine, nella delibera c’è una nuova prescrizione imposta alla multinazionale francese, e cioè quella di non scaricare le acque di produzione nel torrente Sauro per almeno cinque anni. I liquidi dovranno essere riutilizzati nello stesso Centro olio, mentre la parte eventualmente in eccedenza andrà portata con le autobotti in centri di smaltimento specializzati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie