Venerdì 10 Luglio 2020 | 05:00

NEWS DALLA SEZIONE

Dalla Polstrada
Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

 
associazione mafiosa
Potenza, operazione «Rewind»: 2 dal carcere ai domiciliari

Potenza, operazione «Rewind»: 2 dal carcere ai domiciliari

 
Abusivismo
Potenza, scoperto allaccio abusivo a rete idrica: utilizzati 10 metri cubi d'acqua al giorno

Potenza, scoperto allaccio abusivo a rete idrica: utilizzati 10 metri cubi d'acqua al giorno

 
il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 426 tamponi: 3 restano i positivi

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 426 tamponi: 3 restano i positivi

 
Covid
Moliterno, positiva la 90enne contagiata dalla badante

Moliterno, positiva la 90enne contagiata dalla badante

 
Economia
Rionero in Vulture , alla Gaudianello,«contro la crisi serve un piano credibile

Rionero in Vulture , alla Gaudianello,«contro la crisi serve un piano credibile

 
il caso
Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

 
per 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Randagismo
Potenza, adotti Fido e gli dai un tetto? Meno tasse e una card-bonus

Potenza, adotti Fido e gli dai un tetto? Meno tasse e una card-bonus

 
Giustizia
Potenza, processo Eni. Chieste condanna per 112 anni e sequestri per 150 milioni

Potenza, processo Eni: chieste condanne per 112 anni e sequestri per 150 milioni

 
L'intervista
Basilicata, strutture ricettive lucane a giugno occupate al 50%

Basilicata, strutture ricettive lucane a giugno occupate al 50%

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoSondaggio on line
Taranto, Giochi del mediterraneo: scelta la mascotte, sarà «Ionios»

Taranto, Giochi del mediterraneo: scelta la mascotte, sarà «Ionios»

 
PotenzaDalla Polstrada
Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

 
Foggiaattimi di tensione
Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

 
Leccel'evento
Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

 
Materamaltrattamenti in famiglia
Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

 
Bariquesta mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

 
BatVerso il voto
Andria, centrodestra unito con Scamarcio

Comunali Andria, centrodestra unito con Scamarcio

 

i più letti

ENERGIA

Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

Descalzi annuncia il progetto «Energy valley» per puntare sulle rinnovabili

Centro Oli Val d'Agri a Viggiano

POTENZA - L’annuncio a sorpresa durante l’assemblea degli azionisti che si è svolta ieri a Roma. L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha dedicato un focus sui progetti in Val d’Agri, area che si vuole trasformare in «Energy Valley», nella valle dell’energia. Si tratta di un programma integrato e trasversale di business che prevede un investimento di circa 80 milioni di euro in quattro anni grazie al quale dare vita a un distretto produttivo basato sulla diversificazione economica, sulla sostenibilità ambientale e sull’economia circolare. «Abbiamo una nuova proposta per la Val d'Agri – ha anticipato Descalzi - una Energy Valley legata a tutto il terreno intorno al distretto dove ci sarà l’integrazione di diverse attività».
Il programma - che prevede un’occupazione di 200 unità nella fase di avvio e di 100 lavoratori per la gestione - comprende l’ installazione di impianti fotovoltaici per contribuire alla domanda energetica del Cova, con l’installazione in due fasi di due moduli da 2 Mega; la creazione di un Centro di Eccellenza per le Energie Rinnovabili che si occuperà dello studio di soluzioni tecnologiche, formazione tecnica e assistenza per la fase pilota; iniziative ad alta sostenibilità ambientale che mirano a ridurre le emissioni e il footprint ambientale, come ad esempio la realizzazione dell’impianto Mini Blue Water per il trattamento delle acque; lo sviluppo di interventi per la diversificazione economica, come il progetto «Agrivanda» che mira al ripristino dei campi dismessi e in stato di abbandono adiacenti al Cova attraverso la produzione di piante officinali, il biomonitoraggio e lo sviluppo di attività didattiche e laboratoriali nonché attraverso la promozione di iniziative di Formazione e Sperimentazione Agraria; la creazione di una sala operativa (Centro di Monitoraggio Ambientale) dove far confluire i dati relativi al monitoraggio delle matrici ambientali in corrispondenza del Cova e dintorni.
L’eco delle dichiarazioni di Descalzi hanno trovato sponda in Basilicata. Il segretario regionale della Cisl, Enrico Gambardella, ritiene importante che l’Eni abbia deciso di investire nelle rinnovabili. «La diversificazione energetica - commenta Gambardella - significa immaginare per la Val d'Agri un futuro che va oltre il petrolio. In questo senso la nostra regione può diventare il prototipo di un'economia ibrida facendo convergere in un grande piano di sviluppo regionale investimenti privati e pubblici. La comunità lucana chiede ad Eni un ampio piano di investimenti che parta proprio dall'energia alternativa per raggiungere l'obiettivo di nuovi insediamenti industriali per produzioni green». Quanto alle ricadute occupazionali ipotizzate, Gambardella ritiene che l’Eni possa offrire di più.

Giudizio positivo anche del segretario regionale della Uil, Carmine Vaccaro, ma «abbiamo bisogno - dice - di vedere le carte e conoscere come sarà attuato l’investimento, come saranno realizzati a regime i nuovi 200 posti di lavoro, quali profili professionali saranno necessari, perché non può essere certo il progetto «Energy Valley» a pulire la coscienza su responsabilità e disattenzioni in tema di ambiente e territorio. In tutto questo - conclude Vaccaro - è evidente il ruolo che spetta alla nuova Giunta regionale evitando che esso si risolva in un “comparsa” o in rito formale. La Regione deve incalzare Eni ad un confronto di merito perché si mostrino sul tavolo le carte dei progetti. È tempo di pensare alla definizione di nuove linee produttive di sfruttamento in loco dei derivati, con microinterventi nella “chimica fine” e dei nuovi materiali, delle bioplastiche, del farmaceutico e del biosanitario».
Critico Angelo Summa, segretario regionale della Cgil: «Ottanta milioni sono un investimento irrisorio, più da spot che di sostanza. È evidente che prima di qualsiasi politica di sviluppo in materia energetica - sottolinea Summa - bisogna ripartire dalla sicurezza e dall’ambiente. Non si può pensare di gestire la risorsa petrolio come fatto fino ad ora. Su questa questione bisogna da subito ribadire con forza che l’unica strada per lo sviluppo della Basilicata è la transizione energetica e nuovi investimenti in energia alternativa al fossile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie