Mercoledì 22 Maggio 2019 | 15:17

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
Comando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
A ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne

 
Il caso
Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

 
Il caso
Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

 
Minacce
Testa d'agnello mozzata nell'androne del palazzo di un medico: un arresto a Senise

Testa d'agnello mozzata nell'androne del palazzo di un medico: un arresto a Senise

 
lavoro
Basilicata, la Regione può assumere: 70 posti su cui decidere

Basilicata, la Regione può assumere: 70 posti su cui decidere

 
La lettera
Maltempo, Pd scrive a Conte «Date stato di calamità per area jonica»

Maltempo, Pd scrive a Conte «Date stato di calamità per area jonica»

 
Sanità
Potenza, stop liste d'attesa: al San Carlo ambulatori aperti anche di sabato

Potenza, stop liste d'attesa: al San Carlo ambulatori aperti anche di sabato

 
ENERGIA
Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Il bilancio

La Basilicata non è a misura di bambino: mancano gli spazi

Legambiente lancia l'allarme: non ci sono spazi attrezzati per giocare all'aperto

La Basilicata non è a misura di bambino: mancano gli spazi

Hanno l’intramontabile fascino d’altri tempi, l’aura magica di memoria condivisa, lontananza e radicamento, i giochi che si facevano una volta, in mezzo alla strada, sotto casa, tra vicoli, larghi e piazzette, da mattina a sera, quando i bambini potevano muoversi ovunque, liberi dall’assedio quotidiano, insostenibile, delle automobili. Il gioco della cavallina, campana, nascondino, un due tre stella, regina reginella, palla a muro, palla prigioniera: chissà se i bimbi di oggi ci giocherebbero ancora, con lo stesso entusiasmo dei bimbi di generazioni di decenni e decenni fa, quando bastava un gessetto colorato per scrivere e disegnare per terra; un fazzoletto di stoffa per bendarsi gli occhi o da afferrare in velocità, con prontezza di riflessi. Giochi storici, dinamici e coinvolgenti, precedenti al sopraggiungere dei primi parchi giochi attrezzati, dagli anni ’70 in poi, con l’immancabile varietà di scivoli, altalene e dondoli, giochi a molla, giostre, casette. E varietà anche di materiali: acciaio, legno, plastica, funi e reti di corda fino ai gonfiabili di dimensioni anche gigantesche.


Una miriade di opportunità, ma nel capoluogo e nel suo hinterland languono gli spazi attrezzati a disposizione del fanciullo che vive e abita la contemporaneità, ripiegato a capo all’ingiù, sguardo stretto sul display di smartphone, tablet e videogiochi. Con l’arrivo della bella stagione monta l’esigenza di disporre di spazi adeguati dove far giocare i bambini all’aria aperta. Per le mamme non c’è di meglio. Con le giornate che si allungano e le temperature in risalita è importante poter contare su aree dedicate in cui «contenere» e coinvolgere i più piccoli in giochi e tante attività. Se per generazioni intere di piccoli potentini il parco giochi per eccellenza è stato, senza dubbio, il Parco di Montereale con le sue giostrine, lo scivolo altissimo, la fontana (funzionante) e le aiuole e i giardini curatissimi, oggi la dotazione di parchi urbani in piena città si è progressivamente moltiplicata: al loro interno, infatti, non mancano – quasi mai - aree giochi attrezzate proprio per i bambini.

Ci sarebbe l’imbarazzo della scelta, eppure la rete di parchi urbani – da perfezionare, tra l’altro, quanto a manutenzione ordinaria e a collegamenti, magari anche ciclabili – potrebbe puntare ben più in alto, tentando di essere ancor più e meglio strutturata, realmente a misura dei più piccoli. «Nelle varie manifestazioni che portiamo avanti – spiega il presidente di Legambiente Basilicata Antonio Lanorte– cerchiamo sempre di fare il possibile per coinvolgere i più piccoli, spesso anche insieme ai loro genitori. Ma che nella città di Potenza, in particolare, e più in generale nel potentino, ci sia il problema di una quasi totale mancanza di spazi attrezzati e parchi giochi è un dato di fatto. C’è sicuramente qualcosa per i bambini più grandi: basti pensare alla possibilità di andare in bicicletta, come ad esempio al Parco fluviale. Ma per i più piccoli c’è veramente molto poco. E’ un tema su cui bisognerà insistere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400