Lunedì 20 Maggio 2019 | 09:12

NEWS DALLA SEZIONE

A ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 
Il caso
Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

 
Il caso
Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

 
Minacce
Testa d'agnello mozzata nell'androne del palazzo di un medico: un arresto a Senise

Testa d'agnello mozzata nell'androne del palazzo di un medico: un arresto a Senise

 
lavoro
Basilicata, la Regione può assumere: 70 posti su cui decidere

Basilicata, la Regione può assumere: 70 posti su cui decidere

 
La lettera
Maltempo, Pd scrive a Conte «Date stato di calamità per area jonica»

Maltempo, Pd scrive a Conte «Date stato di calamità per area jonica»

 
Sanità
Potenza, stop liste d'attesa: al San Carlo ambulatori aperti anche di sabato

Potenza, stop liste d'attesa: al San Carlo ambulatori aperti anche di sabato

 
ENERGIA
Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

 
IN REGIONE
Basilicata, Bardi: «Riorganizzazione macchina era in programma»

Basilicata, Bardi: «Riorganizzazione macchina era in programma»

 
I dati
Sanità: per problemi economici 2 lucani su 10 non si curano

Sanità: per problemi economici 2 lucani su 10 non si curano

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatRiflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
LecceVerso il voto
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Il caso

Potenza, testamento falso: giudice condannato

Un anno e 4 mesi per un testamento olografo

Potenza, testamento falso: giudice condannato

Maledetto testamento. Perché è proprio un lascito a costare una condanna a un anno e quattro mesi per falso a un giudice togato onorario lucano in servizio a Potenza che pure di queste vicende è abbastanza esperto anche in virtù della una formazione notarile.
Al centro del caso un testamento olografo, vale a dire quelli che ciascuno può fare nel segreto più totale e in autonomia scrivendo di proprio pugno (e precisamente a mano) le proprie volontà testamentarie. Ovviamente, in questi documenti è fondamentale la data apposta sul documento stesso perché in caso di più disposizioni testamentarie quella valida è l’ultima.
E veniamo al nostro caso. Al giudice potentino muore un lontano parente che viveva in provincia di Salerno. Il defunto aveva un amico che, in virtù di precedenti vicende, si ritiene erede dello scomparso. Ma a un certo punto spunta un testamento olografo che taglia la testa al toro: è lo stesso scomparso a nominare come erede il suo lontano parente, tagliando quindi definitivamente le pretese dell’amico.


Caso chiuso? Tutt’altro. Perché l’amico del defunto non ci crede e trascina in tribunale il parente, ossia il nostro giudice, accusandolo di aver fatto lui stesso quel testamento olografo di essersi introdotto in casa del parente e di averlo lasciato in modo tale che poi fosse ritrovato.
Nasce così il procedimento giudiziario per il togato lucano nel quale è accusato di tre reati, vale a dire falso, esercizio arbitrario delle proprie ragioni e violazione di domicilio. Ma quando martedì si è giunti alla conclusione del processo di primo grado, il giudice lucano è stato condannato solamente per la prima ipotesi di reato mentre è stato assolto dalle altre. Una piccola consolazione, considerato che, però, il Tribunale gli ha lo stesso inflitto una pena superiore a quella che era stata chiesta dal pubblico ministero.
Una sentenza ancora non definitiva e che, con ogni probabilità, sarà appellata e che, comunque, non riguarda il merito del procedimento civile sulla vicenda dall'eredità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400