Sabato 24 Agosto 2019 | 16:22

NEWS DALLA SEZIONE

Un 49enne
Incendi, arrestato piromane nel Potentino: ha distrutto 6mila mq di vegetazione

Incendi, preso piromane nel Potentino: ha distrutto 6mila mq di vegetazione

 
Lavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
La protesta
Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

 
Inquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
San Carlo
Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

 
I controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
Il caso
Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

 
Il caso
Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

 
Al San Carlo
Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: i piccoli saranno trasferiti

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: non ci sono medici, bimbi trasferiti

 
Il recupero
Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

 
Operazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaUn 49enne
Incendi, arrestato piromane nel Potentino: ha distrutto 6mila mq di vegetazione

Incendi, preso piromane nel Potentino: ha distrutto 6mila mq di vegetazione

 
FoggiaArrestato 22 enne
Foggia, picchia la compagna incinta e le dice: Muori tu e il bambino

Foggia, picchia la compagna incinta e le dice: Muori tu e il bambino

 
LeccePreso dai Cc
Spocchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta

Specchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta: in cella

 
MateraCarabinieri Forestali
Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

 
BariDalla Polizia
Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

 
TarantoAl rione Salinella
Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

 
BatUn 43enne
Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 

i più letti

Il caso

Potenza, testamento falso: giudice condannato

Un anno e 4 mesi per un testamento olografo

Potenza, testamento falso: giudice condannato

Maledetto testamento. Perché è proprio un lascito a costare una condanna a un anno e quattro mesi per falso a un giudice togato onorario lucano in servizio a Potenza che pure di queste vicende è abbastanza esperto anche in virtù della una formazione notarile.
Al centro del caso un testamento olografo, vale a dire quelli che ciascuno può fare nel segreto più totale e in autonomia scrivendo di proprio pugno (e precisamente a mano) le proprie volontà testamentarie. Ovviamente, in questi documenti è fondamentale la data apposta sul documento stesso perché in caso di più disposizioni testamentarie quella valida è l’ultima.
E veniamo al nostro caso. Al giudice potentino muore un lontano parente che viveva in provincia di Salerno. Il defunto aveva un amico che, in virtù di precedenti vicende, si ritiene erede dello scomparso. Ma a un certo punto spunta un testamento olografo che taglia la testa al toro: è lo stesso scomparso a nominare come erede il suo lontano parente, tagliando quindi definitivamente le pretese dell’amico.


Caso chiuso? Tutt’altro. Perché l’amico del defunto non ci crede e trascina in tribunale il parente, ossia il nostro giudice, accusandolo di aver fatto lui stesso quel testamento olografo di essersi introdotto in casa del parente e di averlo lasciato in modo tale che poi fosse ritrovato.
Nasce così il procedimento giudiziario per il togato lucano nel quale è accusato di tre reati, vale a dire falso, esercizio arbitrario delle proprie ragioni e violazione di domicilio. Ma quando martedì si è giunti alla conclusione del processo di primo grado, il giudice lucano è stato condannato solamente per la prima ipotesi di reato mentre è stato assolto dalle altre. Una piccola consolazione, considerato che, però, il Tribunale gli ha lo stesso inflitto una pena superiore a quella che era stata chiesta dal pubblico ministero.
Una sentenza ancora non definitiva e che, con ogni probabilità, sarà appellata e che, comunque, non riguarda il merito del procedimento civile sulla vicenda dall'eredità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie