Venerdì 22 Febbraio 2019 | 09:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 

NEWS DALLE PROVINCE

Altre notizie HomeIl caso
Bari, i ragazzi dicono stop al bullismo meglio l’amicizia

Bari, i ragazzi dicono stop al bullismo meglio l’amicizia

 
MateraIl caso
Frana Pomarico, la Regione dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana Pomarico, la Regione dà l'ok allo stato d'emergenza

 
GdM.TVIl video appello
Emma «tifa» per Chiara, studentessa di Barletta vittima di un incidente in Spagna

Emma «tifa» per Chiara, studentessa di Barletta vittima di un incidente in Spagna

 
PotenzaL'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 

«È un piano senza effetti»

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Il tribunale non cassa il piano regionale dei rifiuti nella parte in cui prevede che dal 2020 in provincia di Potenza non ci siano più in funzione termovalorizzatori

«L'ex Fenice preoccupa I valori sono oltre i limiti»

POTENZA - Il Tar respinge il ricorso della Rendina Ambiente, titolare del termovalorizzatore di Melfi noto come «Fenice» e non cassa il piano regionale dei rifiuti nella parte in cui prevede che dal 2020 in provincia di Potenza non ci siano più in funzione termovalorizzatori. Ma la sentenza è tutt’altro che un «da profundis» per l’impianto di S. Nicola, perché gli stessi giudici chiariscono che la pianificazione è solo un atto da carattere programmatorio e non ha nessuna autonoma efficacia.
Proprio questo, infatti, il motivo per il quale il ricorso dell’azienda è stato respinto perché i giudici, aderendo a una eccezione presentata dalla Regione, hanno ritenuto che ci sia una «carenza delle condizioni dell’azione» da parte della società, in quanto gli atti impugnati non comporterebbero «una concreta lesione di un interesse sostanziale».

Secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, hanno spiegato i giudici, gli atti di pianificazione non sono immediatamente impugnabili, essendo possibile sollevare le censure afferenti i principi informatori dei piani in occasione dell’impugnazione degli atti applicativi, salvo che non contengano prescrizioni di per sé immediatamente lesive. E gli effetti lesivi lamentati da Rendina Ambiente «non risultano discendere in via diretta ed immediata dal “piano regionale di gestione dei rifiuti”, essendo gli stessi, oltre che dichiaratamente “tendenziali”, dipendenti dall’adozione di concreti atti applicativi, eventuali e futuri».

L’azienda aveva sostenuto che l’interesse al ricorso sarebbe fondato sul «chiaro e univoco riferimento all’impianto della ricorrente» di cui sarebbe «stata decisa la chiusura e l’interruzione dell’attività nel 2020 in data non precisata» come sarebbe dimostrato da più spunti riportati negli atti impugnati, tra cui, a titolo di esempio, quello contenuto «nel documento “Valutazione di incidenza, Studio di incidenza” in cui afferma che il Piano prevede l’“eliminazione dell’unico impianto di termovalorizzazione operante in Basilicata: il termovalorizzatore Rendina Ambiente srl (ex Fenice), sito in Comune di Melfi», mentre in altri punti si parlerebbe di “dismissione” o “azzeramento” dell’impianto stesso. Prescrizioni chiare, per l’azienda, nel senso di «apportare una lesione diretta, attuale e concreta alla ricorrente senza necessità di ulteriori provvedimenti: la delibera è idonea a produrre effetti immediati».
Per i giudici, in virtù della natura puramente programmatoria dell’atto, «la lesione dedotta risulta comunque futura ed eventuale e, dunque, sprovvista di ogni connotato di attualità, mentre l’interesse all’impugnativa delle cennate disposizioni potrà semmai emergere in uno col ricorso avverso gli atti applicativi, posto che “nei confronti degli atti amministrativi a carattere generale non si ravvisa l’interesse processuale al ricorso, in quanto si tratta di atti non idonei, in assenza di uno specifico atto applicativo, a ledere in via diretta e autonoma la sfera giuridica dei ricorrenti”».
Insomma, ad estremizzare, l’atto non può essere impugnato perché al di là delle parole non decide nulla in merito alla chiusura o ridimensionamento degli impianti e qualora un atto applicativo in tal senso dovesse essere adottato sarebbe quello a dover essere impugnato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400