Lunedì 27 Maggio 2019 | 11:31

NEWS DALLA SEZIONE

Controlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
Arrestato dai Cc
Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

 
Auto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
Dai Carabinieri
Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

 
Statale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
nel potentino
Avigliano: famiglia adotta 3 bambini, 2 sono disabili

Avigliano: famiglia adotta 3 bambini, 2 sono disabili

 
L'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
Comando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
A ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne

 
Il caso
Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

 
Il caso
Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
BariScrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Verso le elezioni regionali

Potenza, per il centrosinistra primarie escluse 
Basilicata conferma l'onda grillina

Intanto in Consiglio Rosa (FdI) è sull’Aventino per le scelte fatte sulle pdl

Regione Basilicata  problemi per gli stipendi

«Siamo a buon punto, credo che la definizione della coalizione e l’indicazione sul candidato possa arrivare in tempi brevi». Vito Giuzio, capogruppo dem in Consiglio regionale, è ottimista. Per lui, entro poche settimane, non solo potrà essere definito il perimetro della coalizione ma si potrà anche avere qualche indicazione in più sul nome del candidato governatore del Centrosinistra. Nel week end dei defunti le trattative politiche vanno avanti senza freni. Da destra a sinistra è un continuo di incontri, riunioni, contatti più o meno riservati per cercare di definire innanzitutto il quadro delle alleanze poi i nomi dei candidati governatori. E soprattutto il programma da presentare agli elettori.

Passi definiti, dunque, su cui nel Centrosinistra, ad esempio, si innesca anche una variabile che sembra quasi certa: il no alle primarie. Dopo anni in cui il Centrosinistra si era affidata a questo meccanismo di scelta democratica non solo per l’indicazione del candidato presidente della Regione ma anche per la scelta del segretario regionale del partito, i dem avrebbero deciso di escludere definitivamente questo strumento per la corsa alle regionali. Il nome del candidato presidente della Regione, quindi, secondo quanto sarebbe stato deciso, non verrà dalle primarie ma da una scelta - più o meno collegiale - tra i vertici dem e della coalizione.
Questo - secondo autorevoli fonti dem - per evitare «fratture tra correnti» che altrimenti ci sarebbero considerato che ogni anima del partito lavorerebbe per un suo candidato. Così come gli alleati della coalizione. Il meccanismo che si instaurerebbe, in definitiva, sarebbe quello dell’accentuazione delle divisioni (almeno fino alla scelta definitiva sul nome) più che una pacificazione di cui, invece, il Partito democratico avrebbe - secondo alcuni - bisogno.

Chiarito questo aspetto è evidente che i contatti vanno avanti per individuare un nome che possa tenere dentro l’intera coalizione. Nome che - come conferma il capogruppo dem Giuzio - potrebbe arrivare in tempi più o meno brevi.
Nel frattempo, ad agitare ulteriormente la acqua già mosse del Consiglio regionale c’è la dura presa di posizione del capogruppo di Fratelli d’Italia, Gianni Rosa, che ha chiesto un incontro con il presidente Santarsiero, dopo l’esclusione delle sue proposte di legge dalla «rosa» di quelle che il Consiglio punta ad approvare prima della fine della consiliatura. Inizialmente, infatti, la maggioranza aveva deciso di lasciare spazio alle pdl dell’opposizione. Ora, invece, sulle sei proposte complessive da approvare e finanziare con i 270mila euro disponibili solo tre sono state fatte da consiglieri di minoranza, mentre le altre sono riferibili a consiglieri della maggioranza. In più, nelle scelte la proposta di Rosa sulla sicurezza prima inserita è stata successivamente esclusa. Provocando la reazione del consigliere.

IL SONDAGGIO -  La Basilicata conferma l’onda grillina: M5S quasi al 40%, Centrodestra al 30% e Centrosinistra al 26,3%

Dieci punti di differenza ed una Basilicata che si confermerebbe «stellata». A spulciare nelle intenzioni di voto dei lucani il Movimento cinque stelle resta ad un passo dalla conquista della Regione. È il dato che emerge dall’ultimo sondaggio di «Bidimedia» sulle intenzioni di voto degli italiani. Rilevate il 30 ottobre scorso le preferenze di voto dei lucani confermano l’ondata grillina che tocca la Basilicata. In particolare, il Movimento cinque stelle sarebbe a quota 39 per cento. Con una distanza di nove punti dal Centrodestra che si assesta al 30 per cento. Terzo il Centrosinistra che è a quota 18, 9 per cento mentre la sinistra ottiene il 7,4 per cento. Naturalmente la proiezione riguarda le politiche ma è chiaro che in Basilicata la riflessione arrivano anche le regionali. In questo caso, ad esempio, in caso di coalizione unitaria tra Centrosinistra e sinistra la percentuale si sposta al 26,3 per cento. L’analisi, poi, riguarda tutte le regioni italiane e dimostra come il Movimento cinque stelle si sia consolidato - sempre secondo le intenzioni di voto nelle regioni del Sud, mentre il Centrodestra mantiene le regioni del Centro nord, ad eccezione del Trentino alto adige. Ora si tratta di capire se le percentuali saranno confermate anche con le indicazioni sui diversi candidati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400