Mercoledì 21 Novembre 2018 | 05:36

NEWS DALLA SEZIONE

Il decreto
Elezioni regionali, in Basilicata si vota il 26 maggio 2019

Elezioni regionali, in Basilicata si vota il 26 maggio 2019

 
Verso le elezioni
Regionali in Basilicata, guerra sul voto, M5S: «Urne a gennaio non a maggio»

Regionali in Basilicata, guerra sul voto, la maggioranza sceglie maggio

 
Vicino a un Africa shop
Potenza, due nigeriani colpisconoconnazionale con bottiglia: in cella

Potenza, due nigeriani colpiscono
connazionale con bottiglia: in cella

 
Tragedia evitata
Accoltella la moglie e tenta il suicidio: arrestato un pensionato a Barile

Accoltella la moglie e tenta il suicidio: arrestato un pensionato a Barile

 
Regione Basilicata
Il blitz della giunta al capolinea sui direttori della sanità

Il blitz della giunta al capolinea sui direttori della sanità

 
Il riconoscimento
Premio Palmenti a Pafundi, da Pietragalla al Manchester City

Premio Palmenti a Pafundi, da Pietragalla al Manchester City

 
Furto andato male
Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

 
Sanità
Potenza, stop dialisi fino a gennaioScoppia il caso dei tetti di spesa

Potenza, stop dialisi fino a gennaio
Scoppia il caso dei tetti di spesa

 
Deposito atomico
Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

 
Violazioni tributarie
Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

 
Il caso
Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Ambiente

Concessioni petrolio: trivelle in lista d’attesa

Gli ambientalisti: «Ora vedremo cosa dirà il ministro Di Maio»

petrolio lucano

POTENZA - Il boccone più prelibato è nel cuore della regione. Si chiama concessione Val d’Agri ed è il primo giacimento d’Europa, da cui arrivano quasi tre quarti della produzione nazionale. E secondo uno studio prevede ancora molti anni di vita produttiva con i necessari investimenti. Per questo Eni, l’azienda di stato, che insieme a Shell sfrutta il giacimento da quasi un ventennio, ha già chiesto di prolungare per altri dieci anni il permesso di trivellare, ed è in attesa di risposta da parte del Governo. Non è solo sulla richiesta dell’Eni che Palazzo Chigi si deve pronunciare. Infatti, c’è una richiesta analoga che riguarda il rinnovo delle concessioni per estrarre metano nella zona del metapontino.

Le concessioni in questione sono cinque, di cui due già scadute (Il Salice e Serra Pizzuta) e tre (San Teodoro, Recoleta e Policoro) che scadranno da qui ad un paio d’anni. Ma conciliare concessioni così longeve con i «No Triv» è difficile. «La Basilicata non è l’Ilva di Taranto - sottolinea il movimento Noscorie Trisaia - qui i posti di lavoro li abbiamo persi e non guadagnati, soprattutto in agricoltura. Lo dimostrano i dati Istat del decennio 2000-2010 in Val d’Agri, in cui le aziende agricole che hanno chiuso sono circa il 60 per cento, il doppio del resto della regione. C’è più emigrazione e più povertà rispetto a 10 anni fa in Basilicata - lamentano ancora gli ambientalisti di Noscorie - e i posti di lavoro creati nel petrolio sono poca cosa rispetto a quelli persi nelle economie locali nel lungo periodo». A breve, il Governo dovrà decidere se rilasciare anche alcuni permessi di ricerca. Masseria La Rocca a Brindisi di Montagna, per esempio, è uno dei progetti più controversi: nell’ultimo round il Consiglio di stato ha bocciato l’Intesa negativa della Regione. Rockhopper, società di diritto inglese, prevede l’esecuzione di rilievi geologici e sismici per circa 20 chilometri, e la realizzazione di un pozzo esplorativo della profondità di circa 7 mila metri. Il tutto poco più in là rispetto al parco della Grancia. Da qui la protesta degli abitanti, che temono di vedere la zona ridotta a una gruviera. Una mano la Sblocca Italia presto potrebbe darla anche al permesso D79 nel mar Jonio, che abbraccia uno specchio d’acqua tra Basilicata, Puglia e Calabria.

E pure alla messa in produzione dei pozzi Alli 5 a Marsico Nuovo e San Teodoro a Pisticci, e al permesso Tempa La Petrosa già sbloccato dal Tar e ora al Consiglio di Stato. Critiche degli ambientalisti per le politiche petrolifere in Basilicata del Movimento cinque stelle che oggi non sarebbe schierato in maniera decisa come nel recente passato contro le estrazioni. «Di Maio con il suo governo – evidenzia il movimento Noscorie - non potrà più nascondersi a lungo sulle questioni petrolifere e sulle nuove autorizzazioni. Al pari della Lega che invece purtroppo non si è mai pronunciata contro le estrazioni ma sempre a favore quando era con i vecchi governi di centro destra. Occorre un decreto di blocco per i permessi di ricerca su terraferma, o decreti di tutela del patrimonio idrico, mentre in mare per fermare tutte le ricerche basterebbe un decreto sull’air-gun. La Basilicata – concludono i Noscorie - ha già dato anche troppo con il greggio, basti pensare che ad oggi sul nostro territorio sono 17 le istanze di ricerca, 6 i permessi già concessi, 19 concessioni di idrocarburi e una concessione di stoccaggio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400