Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 05:11

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
La pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
la protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
a Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
Demografia
Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

 
La decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
Il personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
Nel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
I numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

Bombe d'acqua

Paura a Potenza per il torrente «Gallitello»: potrebbe esondare

Per sua natura e per la cementificazione selvaggia potrebbe essere a rischio esondazione

Tanta paura  a Potenza per il torrente «Gallitello»: potrebbe esondare

Torrente Gallitello

POTENZA - Le bombe d’acqua che si stanno abbattendo in questi giorni sulla città di Potenza riportano pesantemente di attualità il potenziale rischio di esondazione del torrente Gallitello. Pesantemente cementificato ed inglobato dalla città che si è allargata fino a pochi centimetri dal suo alveo, l’affluente del Basento, sia per la sua stessa natura di torrente di montagna, sia per la grave manomissione che ha subìto il suo corso nel tratto cittadino, è fortemente a rischio di esondazione. Lo dice uno studio dell’Autorità di Bacino, effettuato nel 2014 nell’ambito della stesura della mappa di rischio. Lo studio riporta un numero stimato di cinquecentouno abitanti potenzialmente esposti al rischio di alluvione ed un’area di 0,02 chilometri quadrati classificata ad alto rischio oltre ad una di 0,06 a rischio medio alto. Sempre nello stesso studio viene ricordato che «i corsi d’acqua oggetto di studio sono stati interessati in anni recenti da eventi alluvionali alquanto intensi, che hanno minacciato aree a forte urbanizzazione come quelle della città di Potenza in adiacenza delle sponde del Torrente Gallitello nel suo tronco terminale».
Considerato il pericolo riconosciuto di esondazione, che porterebbe l’acqua dritta ai piani terra e interrati delle costruzioni che negli ultimi decenni contro ogni buon senso, hanno completamente occupato le sponde del torrente Gallitello, come si è attrezzata la città per mitigare il rischio? Lo abbiamo chiesto al sindaco, Dario De Luca.

«Lo scorso anno - spiega - abbiamo effettuato un lavoro di pulizia generale di tutto il tratto urbano del torrente Gallitello, sono state tagliate le piante che avrebbero potuto ostruire il deflusso delle acque e sono stati ripuliti i detriti. Il torrente Gallitello è un punto di criticità riconosciuto e costantemente monitorato in caso di maltempo: a causa della cementificazione dell’alveo e delle costruzioni che sono arrivate fin nella cassa di espansione, è evidente che in caso di piena alcuni fabbricati potrebbero essere interessati nei piani interrati».

Ma come è stato possibile costruire così vicino al torrente? «Negli ultimi cinquant'anni - dice De Luca - la crescita della città in quella zona è avvenuta in maniera disordinata. Di fatto è stato consentito l'intervento diretto e alla fine ognuno ha fatto un po’ come ha voluto. Oggi il Torrente Gallitello è un elemento di attenzione e di criticità perché sicuramente potrebbe esondare in caso di eventi meteorici eccezionali. La Protezione Civile sa che deve monitorare costantemente il livello del Gallitello, perché considerato il livello di urbanizzazione della zona, l’unica cosa che posiamo fare è allertare chi vive e lavora lungo questo asse a non andare nei piani interrati e possibilmente allontanarsi in caso di pericolo. C’è anche da dire che il Gallitello, come tutti i corsi d’acqua a carattere torrentizio, è per sua stessa natura soggetto ad avere piene violentissime, anche senza troppo preavviso.

Gli errori fatti nel passato hanno aggiunto criticità a criticità ed ora le uniche armi che abbiamo per mitigare il rischio sono la pulizia dell’alveo e il monitoraggio costante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie