Venerdì 17 Settembre 2021 | 16:05

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Scintille di luce e stelle sui trulli di Alberobello

Scintille di luce e stelle sui trulli di Alberobello
di VALENTINO SGARAMELLA

Da ieri e fino al 2 agosto le serate di Alberobello brilleranno di stelle proiettate sui tetti a cono dei trulli, patrimonio Unesco dal 1996. A far risplendere trulli e pinnacoli sarà l’edizione estiva del primo Festival internazionale delle luci in Puglia. Ricordiamo la prima edizione svolta dal 6 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015. La manifestazione è promossa dall’ assessorato al turismo del Comune e organizzata dall’associazione giovani imprenditori turistici (Agit) con la direzione artistica del gruppo Lightcones.

L’edizione del Natale 2014 ha ricevuto un riconoscimento internazionale: il 5° posto fra i festival europei più belli dopo Torino, Helsinki, Gent (in Belgio) e Amsterdam. Sull'onda di questo successo, l’Alberobello Light Festival torna in versione estiva per celebrare l’anno internazionale della luce (su iniziativa dell’Onu condivisa dall’Unesco), ispirandosi al dipinto «Notte Stellata» di Vincent Van Gogh, artista del quale proprio quest’anno ricorre il 125esimo anniversario della morte.

«Illuminare i trulli la sera e donare vitalità alla zona monumentale, dal crepuscolo sino all’alba, oggi è diventata realtà. Una delle mie più grandi ambizioni, oggi diventa una stupenda realtà», commenta il Sindaco di Alberobello, Michele Longo. «Il Festival delle Luci - continua Longo - nasce dalla intuizione frutto del lavoro sinergico studiato e pensato assieme alle eccellenze del territorio alberobellese e che ha riscosso l’apprezzamento non solo dei cittadini di Alberobello ma anche di un vastissimo pubblico di respiro internazionale».
E conclude: «Occorre istituzionalizzare questo appuntamento e trasformare Alberobello nel centro del mondo, condurre la gente lungo un percorso tra tradizione e modernità, tra sogno e realtà, rendendo omaggio a queste tradizionali costruzioni in pietra, uniche al mondo».

Una prima importante operazione di co-marketing con il brand dell’arredamento Natuzzi, ambasciatore del made in Italy e della Puglia nel mondo. «La ricaduta economica sul tessuto produttivo alberobellese della prima edizione del Light festival - spiega Daniela Salamida, vice sindaco e assessore al turismo, di recente delegata ai rapporti con l’Unesco – è stata davvero notevole. Un evento internazionale come questo, incentiva tutto il paese a fare bene e meglio. Concorre a rafforzare in ogni cittadino il legame con la propria terra, alimentandone il senso di appartenenza».

Francesco De Carlo, presidente Agit: «i dati relativi al precedente festival sono molto confortanti oltre 100 mila visitatori in un mese, che hanno portato economia nelle strutture ricettive, ristorative e commerciali della città, facendo registrare presenze importanti in un periodo di bassissima stagione anche per Alberobello, città turistica per antonomasia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie