Domenica 23 Febbraio 2020 | 06:06

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Galatina, il sindaco adotta Nocciolino e lo battezza «cane di quartiere»

Galatina, il sindaco adotta Nocciolino e lo battezza «cane di quartiere»

 
Sociale
«Masseria Cultura» di Noci

Bari, al via le riprese del nuovo docu-film sull’autismo di Gianluca Nicoletti

 
l'illustrazione
Diodato nella sua Taranto: l'omaggio di un artista è virale

Diodato nella sua Taranto: lunedì attestato benemerenza dal Comune

 
4 e 5 marzo
Francesco Gabbani incontra i fan a Bari e Lecce

Francesco Gabbani incontra i fan a Bari e Lecce

 
L'accensione
Bari, la fontana di piazza Aldo Moro si accende con i colori della pace

Bari, la fontana di piazza Aldo Moro si accende con i colori della pace

 
Grande attesa
Bari, Verdone presenta il suo film che parla pugliese tra colori e atmosfere

Bari, Verdone presenta il suo film che parla pugliese tra colori e atmosfere

 
ll rito
Putignano, Carnevale 2020, quanto cornuti!

Putignano, Carnevale 2020, quanti cornuti!

 
dopo sanremo
Diodato: il weekend pugliese con tre tappe dell'instore tour a Bari, Brindisi e Taranto

Diodato: il weekend pugliese con tre tappe dell'instore tour a Bari, Brindisi e Taranto

 
L'intervista
Il «Bestiario d'amore» di Vinicio Capossela per tre tappe in Puglia con l'orchestra della Magna Grecia

Il «Bestiario d'amore» di Vinicio Capossela per tre tappe in Puglia con l'orchestra della Magna Grecia

 
Volontariato in Africa
Solidaunia, un ponte di solidarietà tra Foggia e la Guinea Bissau

Solidaunia, un ponte di solidarietà tra Foggia e la Guinea Bissau

 
al multicinema Galleria
«Si vive una volta sola»: Carlo Verdone e il cast presentano a Bari il film girato in Puglia

«Si vive una volta sola»: Carlo Verdone e il cast presentano a Bari il film girato in Puglia

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, mister Vivarini srpona i suoi prima della trasferta contro la Cavese: «Siamo nel momento clou del torneo»

Bari, mister Vivarini sprona i suoi: «Siamo nel momento clou del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiasos sicurezza
Foggia, nelle campagne torna il Far West

Foggia, nelle campagne torna il Far West

 
Barila decisione
Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

 
BatTragedia sfiorata
Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

 
BrindisiIl caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
PotenzaI controlli
Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

 
Tarantol'illustrazione
Diodato nella sua Taranto: l'omaggio di un artista è virale

Diodato nella sua Taranto: lunedì attestato benemerenza dal Comune

 
LecceNel Salento
Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

 
Materanel Materano
Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

 

i più letti

il film

«Due scatole dimenticate», la guerra del Vietnam nelle foto ritrovate di Cecilia Mangini

Proiettato all'International Film Fest di Rotterdam

«Due scatole dimenticate», la guerra del Vietnam nelle foto ritrovate di Cecilia Mangini

La guerra del Vietnam dura vent’anni, dal 1955 al 1975, e per un paio di generazioni equivale a un «romanzo di formazione» politico e sentimentale. Al tempo stesso spinge il mondo a una scelta di campo: con i filocomunisti di Hanoi o con i filo-americani di Saigon infine sconfitti. Il Vietnam è una frontiera cruciale nel mondo diviso in blocchi Est-Ovest, ben più della Corea, non foss’altro perché in Vietnam da un certo punto in avanti si consuma la prima guerra «televisiva», un conflitto nel quale i mass media giocano un ruolo di primo piano come «quinta colonna» anti-Washington.

Tuttavia ben pochi ebbero l’animo, il coraggio o, se volete, la spregiudicatezza di recarsi in quel paese asiatico allora remotissimo, per raccontarne la vita quotidiana, la paura e la tenacia. Tra loro vi fu una coppia di cineasti, la documentarista e fotografa pugliese Cecilia Mangini, oggi novantaduenne (è nata a Mola di Bari nel 1927), e suo marito, lo sceneggiatore e regista Lino Del Fra, scomparso nel 1997. Affrontando un viaggio quanto meno avventuroso, i due trascorsero circa quattro mesi a cavallo fra il 1965 e il ‘66 nel Vietnam del Nord in guerra, effettuando i sopralluoghi per un documentario. Dalla frontiera con la Cina fino al confine con il Sud occupato militarmente dalle forze armate statunitensi, Mangini e Del Fra visitano e scandagliano città, porti, rifugi, trincee, risaie... Finché le autorità di Hanoi non li costringono al rimpatrio al pari di tutti gli stranieri nel Paese.

Ebbene, l’indomita Cecilia scattò centinaia di fotografie, un prezioso reportage in gran parte inedito sulla resistenza di un popolo, i cui negativi da allora giacevano in un angolo della sua casa romana. Due scatole dimenticate - Un viaggio in Vietnam s’intitola ora il film che la stessa Mangini firma insieme al leccese Paolo Pisanelli, animatore nel Salento della Festa del Cinema del Reale e da qualche anno impegnato nella maieutica delle memorie della nostra pasionaria e visionaria.

Il documentario dura circa un un’ora, è prodotto da OfficinaVisioni in collaborazione con RaiCinema, e il sostegno di Sardegna Film Commission, e si avvale delle musiche in jazz di Admir Shkurtaj ed Egisto Macchi. Viene proiettato oggi in anteprima all’International Film Festival di Rotterdam alla presenza dei due registi. Due scatole dimenticate racconta l’esperienza vietnamita di Mangini e Del Fra attraverso i clic dell’epoca e la voce narrante dell’autrice. È un «diario ritrovato» molto personale perché si snoda tra ricordi ormai evanescenti e fantasmi che prendono corpo nelle stanze della Mangini, a confronto con gli incubi bellici e gli echi della solidarietà internazionale con il Vietnam, dei cortei studenteschi e delle manifestazioni pacifiste.

Il film è insomma una sfida all’oblio scandita dalle stupefacenti immagini in bianco e nero di oltre mezzo secolo fa. Fotografie in particolare dedicate alle donne vietnamite, «caste guerriere» impegnate con una carabina a sorvegliare i cieli donde piovevano le bombe dello Zio Sam. Cecilia Mangini ribadisce lo sconcerto e il rammarico per il film che all’epoca non riuscirono a realizzare (e dedica questo doc all’amato Lino), ma un lampo le illumina il volto quando chiude il montaggio in primissimo piano: «Però il Vietnam ha vinto la guerra».

Già, il novello Davide sconfisse il Golia yankee, come presagito dall’istantanea di una piccola folla di bambini ai piedi di una pagoda, l’edificio sacro orientale: sono allegri e, nonostante gli orrori, è come se già sapessero che avrebbero vinto. «In Vietnam ebbi una gran paura, ma vidi molte cose che altrimenti non avrei capito», ricorda Cecilia, lo sguardo colto e militante del ‘900 ancora oggi in cerca non della verità, «che non esiste, ma di qualcosa di più profondo, di assolutamente nascosto». In due scatole dimenticate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie