Lunedì 26 Settembre 2022 | 23:50

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Ha 96 anni

Regno Unito, paura per la Regina Elisabetta, peggiorata nelle ultime ore. I 4 figli al suo capezzale, compreso Carlo. Anche William e Harry in viaggio

Regni Unito, paura per salute Regina Elisabetta, peggiorata nelle ultime ore

Si trova a Balmoral, in Scozia, a riposo sotto controllo medico. I conduttori della BBC sono vestiti di nero, secondo il protocollo London Bridge. Sospeso il cambio della guardia

08 Settembre 2022

Redazione online

È allarme nel Regno Unito per l'aggravamento delle condizioni della 96enne Regina Elisabetta, annunciate da Buckingham Palace. La sovrana, mostratasi in pubblico in piedi ma fragile due giorni fa nella residenza scozzese di Balmoral per il passaggio di consegne alla testa del governo britannico fra Boris Johnson e Liz Truss, premier numero 15 dei suoi 70 anni di regno, era stata già costretta ieri a rinunciare a una riunione virtuale. «In seguito a una nuova valutazione del suo stato questa mattina, i dottori della Regina hanno espresso preoccupazione e raccomandato che ella rimanga sotto sorveglianza medica», si legge nella nota di palazzo. La corte precisa che Sua Maestà resta «a riposo a Balmoral» sotto controllo medico e che i suoi familiari più stretti, a partire evidentemente dall’erede al trono Carlo, sono stati informati. Il principe Carlo, insieme alla moglie Camilla, ha già raggiunto la madre in queste ore, mentre il nipote William si è messo in viaggio da Londra alla Scozia. Oggi, inoltre, non ci sarà nessuna cerimonia del cambio della guardia.

«L'intero Paese è profondamente preoccupato per le notizie giunte da Buckingham Palace» sulle condizioni di Elisabetta II, ha dichiarato la neo-premier britannica Liz Truss. «I mie pensieri e i pensieri di tutto il popolo del Regno Unito sono per sua Maestà la Regina e per la sua famiglia in questo momento», ha aggiunto.
Toni analoghi dal presidente della Camera dei Comuni, Lyndsay Hoyle, che ha detto in aula di essere «certo di esprimere i voti di tutto il Paese» nel manifestare l’auspicio che la sovrana possa riprendersi.

I giornalisti della Bbc, che ha cambiato tutta la programmazione per seguire in diretta gli aggiornamenti sulle condizioni di salute della regina Elisabetta, sono tutti vestiti in nero, come richiede il protocollo.
Secondo quanto riportano numerosi media britannici si tratta di uno dei passaggi previsti dal piano 'London Bridge is down' messo a punto per la morte della sovrana.

Come funziona il protocollo London Bridge

'London Bridge is down'. Il Ponte di Londra è crollato. Per la scomparsa di Elisabetta II, il Palazzo ha pronto un piano in più versioni, aggiornate continuamente negli anni e detenute da Buckingham Palace, dal governo e dalla Bbc. Una sorta di protocollo da seguire per consentire i preparativi dell’ultimo commiato, mantenendo quell'ordine e quella stabilità di cui la sovrana, sopravvissuta a 12 presidenti Usa, è sempre stata sinonimo, nei suoi oltre 70 anni di regno.
L’ultima volta che un monarca britannico morì, Giorgio VI, 70 anni fa, la scomparsa fu comunicata a Buckingham Palace con una frase in codice, 'Hyde Park Corner', per impedire agli operatori del centralino di scoprirlo. Per Elisabetta II il piano per ciò che accadrà dopo è noto come 'London Bridge' e la parola chiave per annunciarne il decesso sarà 'The London Bridge is down'.
Stando ad una bozza del documento di cui qualche tempo fa Politico diffuse alcuni stralci, il giorno della morte sarà indicato come il 'D-day' ed i giorni a seguire saranno il D+1, fino al 10, quando saranno celebrati i funerali all’Abbazia di Westminster e la sepoltura alla Memorial Chapel di re Giorgio VI. Il corpo della sovrana sarà trasferito a Buckingham Palace due giorni dopo la sua morte, sul treno reale secondo quanto prescrive l’operazione chiamata 'Unicorn', o in alternativa in aereo secondo il dispositivo 'Overstudy'.
Carlo invece sarà proclamato re la mattina dopo il decesso ed il giorno successivo partirà per un viaggio attraverso il Regno Unito. Il protocollo, descritto con una dovizia di particolari quasi maniacale, prevede che sia il segretario personale della regina, Sir Christopher Geidt, il primo ad essere informato, che a sua volta avrà il compito di comunicare la notizia al primo ministro. Dopo, il Foreign Officès Global Response Center darà la notizia a tutti gli altri governatori dei Paesi in cui Sua Maestà è sovrana, compresi Canada, Australia e Bahamas, e solo dopo a tutte le altre nazioni del Commonwealth.
Il decesso di Elisabetta non sarà divulgato subito. L'informazione viaggerà sottotraccia. I governatori generali, gli ambasciatori e appunto il premier saranno i primi a saperlo. I sudditi ed il resto del mondo ne verranno a conoscenza in un secondo momento, quando tutto sarà già stato preparato.
Quando arriverà il momento di divulgare la notizia, l'annuncio spetterà ad un flash dell’agenzia di stampa inglese PA: subito dopo l’informazione sarà trasmessa al resto dei media mondiali in contemporanea. Nello stesso istante, un commesso vestito a lutto uscirà da una porta di Buckingham Palace, attraverserà la ghiaia rosa opaco e appenderà un avviso bordato di nero ai cancelli. Mentre lo farà, il sito web del palazzo si ridurrà ad una pagina, che mostrerà lo stesso testo su uno sfondo scuro. E le bandiere saranno calate a mezz'asta.
Alla Bbc verrà attivato il 'sistema di trasmissione degli allarmi radiò (Rats), un allarme dell’era della Guerra fredda progettato per resistere a un attacco alle infrastrutture della nazione, un dispositivo quasi mitologico dell’intricata architettura di rituali per la morte delle principali personalità reali che la Bbc ha mantenuto sin dagli anni '30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725