Giovedì 23 Settembre 2021 | 21:21

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il caso

Pisticci, la pista Mattei
resta senza guida

Scaduto il bando, nessuna proroga per la gestione

Pisticci, la pista Matteiresta senza guida

PIERO MIOLLA

Il futuro della pista Mattei tra polemiche, scaricabarile e burocrazia. Nei giorni scorsi è scaduto il bando per l’affidamento triennale (poi prorogato per alti 6 mesi) alla Winfly, senza che l’annunciato nuovo affidamento ventennale (o quindicinale) sia stato anche solo preparato. Il tutto ha dato adito a incertezze, dubbi e domande provenienti innanzitutto dal territorio nel quale l’aviosuperficie ha sede: Pisticci e il Metapontino. L’ex sindaco della città basentana, Vito Di Trani, ha detto la sua, così come il gestore, entrambi seguiti dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Nicola Benedetto. Il quale, nel ribadire il proprio appoggio alla pista, alla domanda sul perché non ci sia stata continuità tra un bando e l’altro, ha rimarcato che la Regione Basilicata il suo compito lo ha portato a termine.

Adesso, per far sì che il Suap (la stazione unica appaltante di via Anzio, deputata a redigere il bando) possa porre in essere la gara d’appalto, manca la parte di competenza del Consorzio Asi, proprietario della pista. «L’assessore Benedetto può dire ciò che vuole – ha dichiarato l’amministratore unico del Consorzio, Carlo Chiurazzi – ma mi pare che dalla Regione non sia giunto proprio niente ai nostri uffici. Siccome, però, non mi piace giocare allo scaricabarile, voglio solo sottolineare alcune cose». Quali? «Innanzitutto che, se tempo si è perso, ma secondo me non è così, ciò è stato determinato dalla complessità dell’operazione. Ricordo, infatti, che stiamo per dare corso ad un affidamento temporalmente più lungo di quello appena scaduto. Ciò contempla tutta una serie di cose di cui tenere conto, prima tra tutte l’impegno economico che non potrà non essere determinante per il futuro della pista. Inoltre, e mi riferisco sempre agli elementi che hanno allungato i tempi, siccome è la prima volta che Regione e Consorzio partoriscono un bando siffatto vogliamo evitare di incorrere in eventuali vizi che possano poi esporlo ad eventuali impugnazioni.

C’è, però, un altro elemento che voglio sottolineare: la volontà del Consorzio di dare un futuro aeroportuale alla pista è evidente nei fatti e mi riferisco alla considerazione che, in questi 3 anni di gestione della pista, il Consorzio ha nel complesso anticipato qualcosa come circa 700mila euro. A fronte di questa importante esposizione – ha rimarcato Chiurazzi – voglio ricordare che la Regione ha restituito solo poco meno di 90mila euro. Mi pare abbastanza come dimostrazione di volontà nella direzione dello sviluppo e dell’implementazione dell’infrastruttura da parte nostra». In concreto, che tempi ci sono per il nuovo bando? «Pensiamo di poter consegnare al Suap già prima di Natale ciò che serve e credo che, dopo le festività, tutto possa essere pronto per il bando». Nel frattempo, la pista chiude? «In questa fase di transizione verranno meno solo le attività sperimentali che abbiamo visto in questi 3 anni, non essendoci attività di servizio pubblico. Per il resto, cambia poco: noi assicureremo la guardiania e tutte quelle attività volte a conservare e tutelare un’infrastruttura che è di proprietà del Consorzio». Come dire che l’ente ha interesse a fare in modo che la struttura non si deteriori. Anno nuovo, bando nuovo dunque? Staremo a vedere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie