Sabato 20 Ottobre 2018 | 02:24

NEWS DALLA SEZIONE

Preso dalla Polizia
Marconia, nascondeva la droganelle condotte di areazione

Marconia, nascondeva la droga nelle condotte di areazio...

 
L'iniziatiba
Matera, programma presentatoalle altri Capitali europee cultura

Matera, programma presentato alle altri Capitali europe...

 
Il caso inquinamento
Matera, stop all'acqua potabile: «E' inquinata». Scuole chiuse

Matera, cessata l'emergenza acqua Scuole riaperte, pole...

 
L'omicidio
Pastore ucciso nel Materano: scarcerato presunto mandante

Pastore ucciso nel Materano: presunto mandante scarcera...

 
L'idea
Matera, la capitale europea del 2019 scommette sui giovani

Matera, la capitale europea del 2019 scommette sui giov...

 
Lanciata una petizione
Progetto pontile a Metaponto lido: l'idea

Progetto pontile a Metaponto lido: l'idea

 
Serie C
Matera calcio, Lamberti è il nuovo presidente

Matera calcio, Lamberti è il nuovo presidente

 
Il caso
Pisticci, timori sulle condizioni del muro di sostegno in zona San Donato

Pisticci, paura per condizioni di un muro di sostegno

 
Matera
Capodanno Rai a Venosa, Regione spaccata

Capodanno Rai a Venosa, Regione spaccata

 
Nei pressi del Fiume Basento
Tricarico, sequestrata dai Cc area 12.700 mq occupata abusivamente

Tricarico, sequestrata dai Cc area 12.700 mq occupata a...

 
Scanzano Jonico
Il nostro cronista Mele dai pmdopo l'avvertimento sotto casa

Il nostro cronista Mele dai pm dopo l'avvertimento sott...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

rotondella

«L'inquinamento è stato causato
al 99 per cento da Magnox»

È l'impianto, dimenticato, che produceva barre per centrali nucleari

«L'inquinamento è stato causato al 99 per cento da Magnox»

FILIPPO MELE

ROTONDELLAFocus sui “misteri” dell’impianto atomico dismesso Magnox, ubicato nell’area Enea della Trisaia. Una struttura venuta alla ribalta dopo che è stato scoperto l’inquinamento da cromo esavalente (sostanza tossica, mutagena e cancerogena) e trielina della falda idrica sottostante nell’ambito dei controlli per la messa in sicurezza dell’Itrec, l’altro impianto atomico dismesso dell’area Sogin, distante 200 metri dal primo, il 4 giugno 2015.

Secondo Marco Citterio, della Direzione centrale infrastrutture di Enea, «la responsabilità dell’inquinamento è per il 99 per cento di Magnox, attivo fino al 1988. Produceva barre di combustibile nucleare su scala industriale per le centrali italiane. Cromo esavalente e trielina facevano parte del suo ciclo produttivo».

Già. Tanti gli interrogativi, a questo punto, su Magnox, avviato nel 1960 e chiuso nel 1988. Perché è stato realizzato su suolo oggi Enea e non su quello Itrec, dedito al nucleare? Quante tonnellate di barre ha prodotto? Dove sono finiti i suoi macchinari visto che oggi il capannone che li conteneva è destinato ad uffici? Che fine ha fatto la società Combustibili nucleari che ne deteneva la proprietà dopo passaggi con società anche inglesi? E perché non sono stati rimossi anche il serbatoio e la tubatura? Cosa contengono queste due strutture considerate rifiuti nucleari ma in bella evidenza tanto che abbiamo potuto avvicinarci e fotografarli?

Domande scaturite nell’opinione pubblica preoccupata dalla possibile migrazione degli inquinanti nella falda esterna alla Trisaia e dalle possibili ripercussioni su ambiente e salute umana. Domande “girate” allo stesso Citterio. Ecco le sue risposte: «Magnox è stato realizzato su suolo Enea, allora Cnen, perché il nucleare era l’attività di tutta la Trisaia. Attività diversa da quella odierna. E l’area Itrec era già intasata di suo dal settore. Sulla quantità di barre prodotta non posso essere al momento preciso. Ma tutto il combustibile nucleare della centrale di Latina è stato prodotto qui. I macchinari dell’impianto furono smontati e trattati come rifiuti radioattivi e sono custoditi in Itrec. Enea, intanto, si è attivata per risalire alla storia della Combustibili nucleari, andata in liquidazione.

Se risulterà al 100 per cento che la responsabilità dell’inquinamento è di Magnox, noi, parte lesa, ci rifaremo delle spese del disinquinamento. Non sappiamo perchè non furono rimossi anche serbatoio e tubature. Ma abbiamo esaminato il liquido che contengono e se presentavano radioattività. Il contenuto non è contaminato da cromo esavalente e trielina e non c’è radioattività. Per noi l’inquinamento è storico, nel senso che si è verificato nel periodo di funzionamento dell’impianto anche se è stato accertato solo nel corso delle analisi dell’acqua di falda, nel giugno 2015».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400